Il Fondo europeo di ripresa lotta per trovare la sua vera natura – EURACTIV.com

Tra i dubbi sull’attuazione del fondo di recupero da 800 miliardi di euro, la Commissione europea e gli esperti sottolineano che lo strumento dell’UE non è uno stimolo di emergenza come gli Stati Uniti, ma è uno strumento di investimento a medio termine per trasformare l’economia europea.

Lo scorso luglio, ogni leader dell’UE ha accettato di descrivere il fondo di recupero come un “affare storico”, basato sull’emissione congiunta senza precedenti di 800 miliardi di euro di obbligazioni dell’UE.

Ma il lento processo di finalizzazione di tutti i dettagli del fondo, la preparazione dei piani di ripresa nazionali e il via libera al massiccio indebitamento nei parlamenti nazionali ha suscitato preoccupazioni tra gli investitori e critiche nelle capitali nazionali.

“Abbiamo perso molto tempo”. Il ministro delle finanze francese Bruno Le Maire ha recentemente affermato: “La Cina ha ripreso a crescere, gli Stati Uniti prosperano e l’Unione europea deve restare in corsa”.

Entro venerdì (6 maggio), solo la metà dei governi dell’Unione europea aveva presentato le proprie proposte di investimento e di riforma per raggiungere la propria quota di fondi, anche se è previsto entro il 30 aprile. Nel frattempo, sette Stati membri devono ancora ratificare la decisione sulle risorse private di consentire 800 miliardi di euro di prestiti sul mercato.

Inoltre, lo stimolo europeo è stato smorzato dall’infinito slancio dell’amministrazione Biden, che ha già consegnato il suo quinto pacchetto di spesa all’economia statunitense.

Nelle ultime settimane, le istituzioni dell’Unione europea ei ministri delle finanze si sono affrettati a sottolineare che il confronto con gli sforzi degli Stati Uniti è ingiusto perché i governi dell’UE hanno già concordato misure nazionali e programmi di welfare europei più forti di quelli sull’altra sponda dell’Atlantico.

READ  L'Eurozona si prepara a una forte ripresa con l'aumento del sentimento economico

“Fondamentalmente, l’attenzione al volume riduce la portata e la natura trasformativa del sostegno fornito, in particolare all’economia dell’Unione europea”, ha scritto il presidente dell’Eurogruppo Paschal Donohue sul Financial Times a marzo.

Il Commissario per l’Economia, Paolo Gentiloni, ha sottolineato che il Recovery Fund, e in particolare il suo pilastro principale, il Recovery and Resilience Facility, non sono “fondi di emergenza”, dato che la prima risposta fornita dagli Stati membri è stata molto forte e che altri strumenti dell’UE sono stati prima, incluso il programma di sostegno SURE ai lavoratori.

“Questo denaro condiviso è dedicato alla crescita di qualità e deve essere collegato a trasformazioni e riforme verdi e digitali”, ha spiegato Gentiloni.

Maria Demirtzis, vicedirettore del Centro di ricerca Bruegel, ha convenuto che il fondo di recupero non era un incentivo paragonabile ai controlli che l’amministrazione Biden invia ai cittadini e alle autorità.

Ha sostenuto che il Fondo europeo “è uno strumento di investimento a medio termine, non uno strumento per la stabilità finanziaria, ed è importante ricordarlo perché la gente ne parla come se fosse uno stimolo normale”.

Opportunità

L’inedito strumento di recupero e resilienza offre tre opportunità a breve, medio e lungo termine.

Nel prossimo futuro, potrebbe fornire risorse per catalizzare la leadership dell’Europa nella transizione verde e aiutare il blocco a conquistare la corsa digitale.

Ma Angel Talavera, capo dell’economia europea presso Oxford Economics, ha avvertito che “c’è molta incertezza sull’impatto economico di un piano di ripresa di questo tipo. Ci vorranno molti anni per sapere quali risultati otterrà”, ad esempio in trasformazione digitale.

A medio termine, la struttura potrebbe rappresentare la “carota” per attuare le riforme tanto attese negli Stati membri, ad esempio per cambiare il mercato del lavoro in Spagna o il sistema giudiziario in Italia. Gli esperti hanno affermato che il Capitolo europeo, il meccanismo dell’Unione europea per il coordinamento delle economie nazionali, non ha fornito sufficienti incentivi negli ultimi anni perché manca di forza.

In un recente documento, il Centro per gli studi politici europei ha evidenziato che il quadro di risposta rapida “ha il potenziale per guidare l’attuazione delle riforme strutturali”.

Il documento afferma: “L’erogazione dei fondi del Fondo per il reinsediamento è collegata al completamento degli obiettivi e delle pietre miliari identificate nei Piani nazionali di ripresa e resilienza, che sono stati identificati in linea con le riforme strutturali specificate nelle raccomandazioni specifiche per paese (CSR). “

Ma Demirtz era scettico sull’implementazione di riforme importanti con costi politici elevati e raccomandava di “non aspettarsi troppo” dai governi. Ha detto che l’attenzione sarà concentrata sulle riforme legate alle agende verdi e digitali, anche se alcuni “primi passi” saranno compiuti nel lavoro, nelle pensioni e in altre aree difficili.

“Sarebbe davvero una buona cosa perché è importante rimanere realistici”, ha aggiunto.

Con i primi pagamenti, il fondo di recupero deve affrontare nuovi ostacoli

La Commissione europea potrebbe avere difficoltà a trasferire la prima tranche di fondi di recupero a tutti gli Stati membri secondo il suo calendario, poiché la maggior parte dei piani dovrebbe essere approvata contemporaneamente e la capacità di contrarre prestiti dai mercati sarà limitata.

A lungo termine, l’RRF, che resterà in vigore fino al 2026, potrebbe trasformarsi nello strumento finanziario permanente che manca all’Unione Europea per far fronte agli shock economici, come la Banca Centrale Europea ha già richiesto a settembre almeno per l’Eurozona.

READ  Gli indicatori CLI continuano a rafforzarsi nella maggior parte delle principali economie

La mossa potrebbe richiedere un cambiamento potenzialmente difficile dei trattati dell’UE e gli Stati membri sensibili alle nuove rimesse, tra cui Germania e Paesi Bassi, hanno insistito sulla natura temporanea del fondo di recupero. Questa sarà una delle prossime battaglie politiche, ma solo una volta che la pandemia sarà finita e gli Stati membri dimostreranno che stanno facendo un buon uso dei fondi di recupero.

[Edited by Zoran Radosavljevic]

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Alexander Zverev sconfigge Matteo Perettini e conquista il secondo titolo del Madrid Open
Next Post Il primo ministro nepalese KP Oli perde il voto di fiducia