Il divario di dieci mesi tra le dosi di AstraZeneca vede il più alto aumento degli anticorpi: studio di Oxford

Un rapporto dell’Oxford Vaccine Group, gli sviluppatori del vaccino, ha affermato lunedì che due dosi di AstraZeneca somministrate a 44-45 settimane di distanza hanno generato quasi quattro volte il livello di anticorpi rispetto alle dosi a 8-12 settimane di distanza. I livelli di anticorpi sono rimasti elevati per circa un anno e una terza dose di richiamo del vaccino, somministrata a un sottogruppo di volontari, ha aumentato i livelli di anticorpi del doppio dopo una seconda dose.

“Una singola dose di ChAdOx1 nCoV-19, con una seconda dose somministrata dopo molto tempo, può quindi essere una strategia efficace quando le scorte di vaccino sono scarse a breve termine. Una terza dose si traduce in un ulteriore aumento delle risposte immunitarie, inclusa una maggiore neutralizzazione dei virus SARS.-CoV-2 variante e può essere utilizzato per aumentare l’efficacia del vaccino contro le varianti nelle popolazioni vulnerabili”, hanno riferito gli autori in una pubblicazione prestampata. Ciò significa che lo studio non è stato ancora rivisto.

Un gruppo di volontari del vaccino che ha ricevuto la seconda dose 15-25 settimane dopo la prima dose ha visto livelli medi di anticorpi doppi rispetto a quelli nell’intervallo di 8-12 settimane, suggerendo che l’allungamento dell’intervallo tra le dosi sembra aumentare il numero di anticorpi.

Pertanto, i livelli medi di IgG (immunoglobulina G) per 8-12, 15-25 e 44-46 settimane erano rispettivamente di 923, 1.860 e 3.738 unità, misurati 28 giorni dopo la seconda dose. I volontari selezionati erano tra coloro che hanno partecipato agli studi clinici di Fase 1/2 e Fase 2/3.

Leggi anche: Allargare il divario tra le dosi scientifiche di Covishield: VK Paul

READ  La Cina dice agli Stati Uniti di "non esiteranno a iniziare la guerra" contro Taiwan

Covishield, la versione indiana del vaccino AstraZeneca, è ora un pilastro del programma di vaccinazione indiano che comprende quasi l’88% delle dosi di 32 crore somministrate finora. Sebbene l’intervallo di dose del vaccino sia stato inizialmente progettato per essere compreso tra 4-6 settimane, la crisi dell’offerta a maggio, così come i dati del Regno Unito sull’efficacia del vaccino somministrato a 8-12 settimane, hanno pesato. Gli esperti indiani raccomandano un periodo di 12-16 settimane tra due dosi di vaccino.

Quest’ultimo studio ha anche riportato una riduzione degli eventi avversi comuni dopo la seconda dose rispetto alla prima dose. Dopo la prima dose, i livelli di anticorpi hanno raggiunto il picco a 28 giorni e dopo 180 giorni erano circa la metà del livello di picco. A 320 giorni, questi erano solo il 30% dei livelli di picco.

Tuttavia, la protezione contro la malattia sintomatica è il risultato dell’azione combinata degli anticorpi indotti dal vaccino e dell’immunità cellulare, o immunità delle cellule T, osservano gli esperti, sebbene non sia noto quanto di ciascuno sia necessario per garantire una protezione completa.

più chiaro | Quanto tempo possono ritardare le persone a prendere il loro secondo vaccino contro il COVID-19?

Un gruppo di scienziati, molti dei quali affiliati all’Oxford Vaccine Group, aveva precedentemente dimostrato che la protezione contro il COVID-19 sintomatico da 22 giorni dopo la prima dose era di circa il 76% e la seconda dose somministrata 12 settimane dopo la prima, la migliorava all’81%.

Nel caso del vaccino Pfizer, una dose ha fornito una protezione del 52% mentre è aumentata al 95% dopo la seconda dose. Un’analisi dell’indagine sull’infezione da Covid-19 del Regno Unito ha rilevato che i vaccini Pfizer e AstraZeneca hanno ridotto l’infezione del 61% -66% dopo la prima dose e dell’80% -79% dopo la seconda dose. “È necessaria una seconda dose per sviluppare completamente la risposta immunitaria”, ha affermato Shahid Jamil, direttore della Trivedi School of Biological Sciences dell’Università di Ashoka, che ha visualizzato l’ultimo documento di ricerca.

READ  Modi si congratula con il nuovo premier pakistano, dice 'L'India vuole pace e stabilità'

Leggi anche: CoffeeShield protegge dalle doppie mutazioni: uno studio

Lo studio ha anche riportato livelli di anticorpi più elevati dopo la seconda dose rispetto a prima quando sono stati misurati livelli di anticorpi contro le varianti di coronavirus Alpha (B.1.1.7), Beta (B.1.351) e Delta (B.1.617.2), anche Fig. Più diffuso in India.

Il professor Sir Andrew Pollard, professore di infezione pediatrica e immunologia e ricercatore senior della sperimentazione sui vaccini dell’Università di Oxford, ha dichiarato in una dichiarazione: “Questa dovrebbe essere una notizia rassicurante per i paesi con minori forniture di vaccino, che potrebbero essere preoccupati per i ritardi nella fornitura di un secondo dosi alle loro popolazioni.” C’è un’eccellente risposta alla seconda dose, anche dopo un ritardo di 10 mesi dalla prima dose.”

Chandrakant Lahariya, epidemiologo ed esperto di salute pubblica, ha dichiarato: indù Che le nuove scoperte hanno rafforzato ciò che era noto: che un divario più lungo tra le dosi era efficace. La terza dose era sicura e forniva livelli di anticorpi più elevati rispetto alla seconda dose, il che significa che i vaccini continueranno probabilmente ad essere efficaci contro le varianti.

“Non abbiamo ancora una misura definitiva dei livelli minimi di anticorpi necessari per la protezione, quindi è probabile che livelli più alti di anticorpi siano più protettivi contro le varianti. Ciò che è anche rassicurante è che il vettore utilizzato per realizzare il vaccino (il non- virus dello scimpanzé replicante) è in grado di produrre anticorpi dopo la terza dose.

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post Infortunio a Josh Naylor: agli indiani è stata diagnosticata una frattura alla caviglia
Next Post Maschere per il viso in grado di diagnosticare il COVID-19