Il Direttore Generale di Webuild Massimo Ferrari: Pnrr è un’opportunità unica per liberare il potenziale dell’Italia

Il settore finanziario svolge un ruolo importante nel superare i vincoli strutturali dell’attuazione del Pnrr e del completamento dei progetti nei tempi previsti, soprattutto in termini di garanzie.

Milano, 23 novembre 2021 – “La prossima generazione dell’UE e il PNRR (Piano nazionale per la ripresa e la resilienza) rappresentano un’opportunità unica per le tanto attese riforme strutturali di cui abbiamo bisogno per migliorare l’efficienza e la competitività delle nostre imprese per liberare così tanto il potenziale del sistema economico italiano necessari alle banche, alle aziende e all’intero sistema produttivo” Massimo Ferrari, amministratore delegato di Webuild, durante una tavola rotonda”Spostare NEXT GEN EU nell’economia reale: un gioco cooperativo tra istituzioni italiane e settore finanziario?Ospitato da UniCredit nell’ambito dell’Italian Finance Debt Conference.

“Siamo ottimisti ma ci sono molte questioni complesse da affrontare alla luce del fatto che alcune misure sono assolutamente indispensabili”, ha detto Ferrari. “Ci auguriamo che il sistema finanziario continui a sostenere il settore, soprattutto per quanto riguarda il sistema delle garanzie. Sarà utile avere un gruppo di lavoro congiunto che comprenda istituzioni pubbliche, imprenditori, banche e assicurazioni per affrontare le frontiere. ” Esistente oggi che impedisce la rapida attuazione del piano. Idealmente, un gruppo che includerà istituzioni pubbliche, appaltatori, banche e compagnie di assicurazione mirerà a trovare il modo migliore per implementare PNRR. numero entro il periodo di tempo specificato. Occorre prevedere la possibilità di una condivisione del rischio tra più garanti, o magari una graduale riduzione del rischio per le imprese appaltatrici, man mano che l’ammontare delle garanzie diminuisce nel tempo. In alcuni casi abbiamo già a disposizione una soluzione, in altri basta applicare i termini degli standard internazionali o europei esistenti. Oltre alla questione delle tutele, bisogna tenere conto di altre questioni come l’aumento del costo delle materie prime, in modo chiaro e specifico. Le imprese non possono più assorbire questi aumenti e quindi i contratti devono anticipare meccanismi che tengano conto delle fluttuazioni dei prezzi».

READ  Venerdì l'EAM S Jaishankar si recherà in Grecia e in Italia e parteciperà alla riunione del G20

“I progetti che rientrano nel PNRR devono essere completati entro il 2026. Per gli standard italiani, sarebbe il completamento di qualcosa in tempi record. Abbiamo bisogno di un processo di approvazione veloce e fare buon uso di un nuovo modello di cooperazione privata e pubblica, uno che è stato testato per Genova Ponte San GiorgioÈ stato costruito da Webuild. Modello Genova Dimostrare che quando tutti gli stakeholder lavorano per un obiettivo comune, il sistema nazionale (Sistema Italia) è in grado di portare a termine i progetti in tempo senza sprechi di denaro, creando posti di lavoro e promuovendo lo sviluppo. Webuild mira a lavorare in modo efficiente anche con l’intera catena di fornitura offrendo condizioni contrattuali back-to-back a subappaltatori e fornitori e migliorando le condizioni di lavoro che passeranno dal cliente alle aziende lungo la catena di fornitura. Ciò sarà particolarmente vantaggioso per le aziende del sud Italia, che probabilmente percepiranno per la prima volta un’opportunità di sviluppo nei prossimi anni”.

Webuild, uno dei principali attori nel settore delle costruzioni a livello globale, è tra i più coinvolti nella mobilità sostenibile. È attivo in 50 paesi con una comprovata esperienza che include la costruzione di 80.300 km di strade e autostrade e 946 km di ponti e ponti. In Italia, il gruppo è impegnato nell’ammodernamento del sistema dei trasporti in Italia, comprese le tratte dell’Alta Velocità tra Napoli, Bari, Verona, Padova, Milano e Genova con Il terzo passaggio del nodo Giovanni Genova. Gestisce inoltre una strada statale in Calabria e linee metropolitane a Milano, Roma e Napoli.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post “Non sono mai stato da questa parte dell’esercito prima d’ora.”
Next Post Suggerimenti per il Ringraziamento: la guida completa