Il Covid sarà un’era, non una crisi che svanisce

Gli scheletri si muovono attraverso la terra desolata verso le poche persone indifese ancora in vita. La scena, immaginata nel dipinto della metà del XVI secolo “Il trionfo della morte” di Peter Brueghel il Vecchio, illumina l’impatto psicologico della peste bubbonica.

Gli storici dicono che era un orrore che persisteva anche quando la malattia si ritirava.

Le ondate di devastazione provocate dal virus Covid-19 hanno causato una sorta di disperazione per l’umanità nel 21° secolo, lasciando molti a chiedersi quando finirà la pandemia.

“Tendiamo a pensare alle epidemie e alle epidemie come episodiche”, ha affermato Alan Brandt, storico della scienza e della medicina all’Università di Harvard. Ma viviamo nell’era del Covid-19, non della crisi del Covid-19. Ci saranno molti cambiamenti sostanziali e in corso. Non guarderemo indietro e diremo: “È stato un periodo difficile, ma è finito”. Avremo a che fare con le molte ramificazioni del Covid-19 per decenni, e per decenni”.

Soprattutto nei mesi prima che la variante delta diventasse prevalente, la pandemia sembrava volgere al termine.

“Quando i vaccini sono usciti per la prima volta e abbiamo iniziato a ricevere i vaccini tra le nostre braccia, molti di noi si sono sentiti trasformati fisicamente ed emotivamente”, ha affermato il dottor Jeremy Green, storico della medicina presso la Johns Hopkins University School of Medicine. “Avevamo il desiderio deliberato di tradurlo come ‘La pandemia è finita per me’.

“Era un’illusione deliberata”, ha aggiunto.

Frank Snowden, uno storico della medicina alla Yale University, ha affermato che è una lezione della storia che spesso viene dimenticata: quanto sia difficile dichiarare finita una pandemia.

READ  Lo studio di modifica genetica CRISPR ripristina la vista in parte per i pazienti legalmente ciechi: istantanee

Potrebbe non essere finita nemmeno quando la malattia fisica, misurata in malattia e morte, è diminuita drasticamente. Potrebbe continuare mentre l’economia si riprende e la vita ritorna a una parvenza di normalità. Il costante trauma psicologico di vivere nella paura prolungata di gravi malattie, isolamento e morte agonizzante impiega molto tempo per svanire.

Alcune malattie, come l’influenza del 1918, scomparvero, altre, come la peste bubbonica, rimasero latenti. L’HIV è ancora con noi, ma con farmaci per prevenirlo e curarlo. In ogni caso, il trauma persisteva per le persone colpite molto tempo dopo che la minaccia imminente di infezione e morte si era attenuata.

Se non altro, il virus Covid-19 ha umiliato gli esperti che ne hanno predetto con sicurezza il corso, ignorando le lezioni della storia.

“Quello che stiamo vivendo ora è un nuovo ciclo di panico collettivo”, ha detto il dott. Green, “un risentimento che nasce dalla frustrazione con il L’incapacità di controllare il virus, la rabbia dei vaccinatori nei confronti di coloro che si rifiutano di fare iniezioni e la delusione per il fatto che i vaccini incredibilmente efficaci devono ancora tornare alla normalità.

Non importa quando o come le epidemie diminuiscono, cambiano il senso del tempo delle persone.

ha detto il dottor.

Mentre la pandemia continua, i giorni si fondono l’uno con l’altro mentre il tempo sembra rallentare e rallentare senza slancio in avanti.

“Nella Gran Bretagna del 19° secolo, il più grande movimento singolo era il movimento anti-vaccino”, ha aggiunto. E mentre la resistenza ai vaccini continuava, così facevano le malattie che avrebbero dovuto essere domate.

Ma gli storici hanno affermato che la differenza tra gli scettici sui vaccini e la disinformazione sulla pandemia, allora e ora, è l’ascesa dei social media, che amplifica i dibattiti e le bugie in un modo davvero nuovo.

Con l’HIV, il dottor Brandt ha detto, “ci sono state teorie del complotto e molta disinformazione, ma non ha mai avuto un sistema di trasmissione come il Covid-19”.

Altre pandemie, come questa, sono state ostacolate da ciò che il dottor Snowden chiama “eccessiva arroganza”, le orgogliose convinzioni degli esperti che si aggiungono alle frustrazioni di capire come e quando andrà via.

Con il Covid, i maggiori esperti hanno inizialmente annunciato che le mascherine Non ha aiutato a prevenire l’infezione, solo per riflettersi in seguito. Gli epidemiologi hanno pubblicato con sicurezza modelli di come l’epidemia è progredita e Cosa serve per ottenere l’immunità di gregge, solo per essere smentito. Gli investigatori hanno affermato che il virus ha viaggiato sulle superfici e in seguito hanno detto di no, si è diffuso attraverso minuscole goccioline nell’aria. Hanno detto che è improbabile che il virus muti in modo sostanziale, e poi hanno avvertito di una maggiore trasmissibilità della variabile delta.

READ  L'ultima nave senza equipaggio di SpaceX torna in porto dopo che il suo primo razzo è atterrato in mare (foto e video)

“Abbiamo pagato un prezzo pesante per questo”, ha detto il dottor Snowden. Molte persone hanno perso fiducia nei funzionari in mezzo a linee guida e strategie in continua evoluzione che hanno indebolito gli sforzi per controllare il virus.

Jonathan Moreno, storico della scienza e della medicina presso l’Università della Pennsylvania, ha affermato che la fine di Covid sarebbe simile a un cancro che è andato in via di guarigione, ancora lì, ma non fatale.

“Non guarisci mai”, disse. “È sempre in sottofondo”.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post La famiglia Lamborghini aiuta a sviluppare golf cart elettrici
Next Post Ted Sarandos e la difesa ingannevole di Netflix di Dave Chappelle