Il Covid-19 ha colpito l’Everest, ma non ha fermato la stagione delle scalate

Quest’anno hanno dovuto affrontare un altro ostacolo che ha impedito a molti di loro di raggiungere la vetta della montagna più alta del mondo: il COVID-19.

Più di 400 scalatori da tutto il mondo e circa 1.100 sherpa locali e personale di supporto sono arrivati ​​al campo base dell’Everest da fine marzo ad aprile, proprio mentre l’orribile ondata di Covid-19 stava accelerando in India. Alla fine attraverserà il vicino Nepal e raggiungerà il campo base a 17.500 piedi.

Circa 40-200 persone sono rimaste ferite nel campo base, secondo diverse stime di un funzionario del governo, scalatori e società di esplorazione. Nessuno di loro è morto di Covid-19, secondo Gyanendra Kumar Shrestha, l’ufficiale di collegamento del governo che gestiva una squadra di 40-50 alpinisti al campo base, anche se quattro persone – due dipendenti Sherpa e due alpinisti stranieri – sono morte sul loro spedizioni.

Tuttavia, la minaccia di Covid-19 è stata sufficiente per far ritirare alcune compagnie di spedizione. La Furtenbach Adventures, con sede in Austria, ha deciso il 15 maggio che il rischio che i suoi clienti o dipendenti si ammalassero e non potessero accedere alle cure mediche era troppo alto, ha affermato Lucas Furtenbach, amministratore delegato dell’azienda.

Furtenbach, 43 anni, ha detto di aver preso la decisione di cancellarlo dopo che diverse persone nel loro campo sono risultate positive, incluso il personale Sherpa e uno scalatore americano, nonostante i loro sforzi per limitare i contatti con altri campi. Sono stati tutti trasportati in elicottero alle cliniche di Kathmandu. Ha detto che la maggior parte dei casi nei campi erano lievi, anche se una persona di un vicino campo di spedizione aveva bisogno di ossigeno ed è stata portata in un ospedale a Kathmandu.

Ha detto: “L’unica decisione logica per noi è stata quella di dover annullare questa campagna. Stavo aspettando che il governo e le autorità annullassero la stagione già dopo i primi casi ad aprile. Discutevamo ogni sera su ‘quando se ne sarebbero andati”. chiamare la stagione?'” “Ma non l’hanno fatto.”

READ  Il G7 sta per affrontare le tasse imposte alle più grandi aziende del mondo

L’Everest è un fulcro dell’industria turistica del Nepal e l’economia a corto di liquidità del paese ha bisogno dei soldi che porta. Solo in questa stagione, il governo ha ricevuto più di 4,1 milioni di dollari in diritti d’autore dai permessi per scalare l’Everest, tra i più alti da quando il Nepal ha aperto le sue vette per l’arrampicata nel 1949.

Nel 2019, un record di 1,2 milioni di turisti stranieri ha visitato il Nepal, di cui oltre il 16% per trekking e alpinismo, secondo i dati del governo. Quell’anno, il turismo ha fruttato 724 milioni di dollari, ovvero circa il 3% del prodotto interno lordo del Nepal.

La pandemia dello scorso anno ha provocato la perdita del 20% degli oltre 1 milione di posti di lavoro nel settore dei viaggi e del turismo del paese, che rappresenta circa il 7% dell’occupazione totale del paese, secondo il World Travel and Tourism Council.

Nonostante la sua importanza per l’economia, la stagione dell’arrampicata è stata più volte annullata negli ultimi anni, anche nel 2020 a causa della pandemia. La salita è stata interrotta nel 2015 da un terremoto e l’anno prima dopo che una valanga ha travolto 16 sherpa e altro personale locale all’inizio della stagione.

Il governo ha deciso di riaprire il Nepal per l’alpinismo lo scorso autunno, molto prima che scoppiasse l’ultima ondata di Covid-19 in India e Nepal. I casi in India hanno raggiunto il massimo globale all’inizio di maggio, con oltre 400.000 nuovi casi giornalieri. Per diversi giorni a maggio, il Nepal ha registrato più di 9.000 casi e 200 morti al giorno, il numero più alto dall’inizio della pandemia. Gli esperti di salute pubblica affermano che i numeri ufficiali in entrambi i paesi potrebbero essere molto inferiori al numero effettivo di infezioni a causa dei test limitati.

“La nostra economia di montagna e l’industria del turismo erano sull’orlo del collasso a causa degli effetti della pandemia lo scorso anno”, ha affermato Rudra Singh Tamang, direttore generale del Dipartimento statale del turismo. “Aprire l’alpinismo solo in questa stagione, crediamo di aver ha salvato l’industria dal collasso iniettando circa 85 milioni di dollari nel settore”.

READ  La Federcalcio italiana proroga il termine per il pagamento degli stipendi della Serie A per marzo

Molte persone che vivono sull’Himalaya vicino all’Everest dipendono dalla stagione delle scalate per il loro sostentamento, in particolare quelle degli sherpa e di altre comunità etniche che aiutano gli scalatori stranieri ad allestire campi e trasportare attrezzature come bombole di ossigeno fino alla vetta.

Bodhi Bahadur Lama era tra le dozzine di una squadra di 50 dipendenti sherpa locali che sono risultati positivi al virus a maggio. Il 35enne agricoltore di un villaggio nel Nepal centrale ha detto di essere ansioso di tornare in montagna dopo che la cancellazione della stagione di arrampicata dello scorso anno lo ha privato di circa 4.200 dollari per tre mesi di lavoro. Ha detto che i soldi sarebbero stati sufficienti per pagare un anno di istruzione per i suoi tre figli nelle scuole private, affittare la sua stanza a Kathmandu e incontrarsi di tanto in tanto con i suoi amici.

“Quelli di noi nel settore del turismo sono stati gravemente colpiti. La decisione del governo di consentire l’alpinismo in questa stagione è stata positiva per noi”.

La società che ha assunto Mr. Lama, Tag Nepal Treks e Expedition Pvt. Ltd. Ha avuto circa 45 scalatori quest’anno da paesi tra cui Stati Uniti, Messico, Italia, Australia ed Emirati Arabi Uniti, secondo Sagar Pudial, uno dei suoi proprietari. Ha detto che la società ha evacuato circa 10 o 11 dipendenti sherpa e quattro o cinque scalatori stranieri su elicotteri a Kathmandu dopo che i risultati dei test antigenici sull’Everest sono risultati positivi. Ha detto che solo alcuni dei dipendenti Sherpa evacuati erano risultati positivi a test PCR più affidabili in un ospedale di Kathmandu.

Il signor Lama ha detto che lui e uno dei membri del team sono risultati positivi nella quarta settimana di maggio, ma sono rimasti nel campo perché i loro sintomi erano solo lievi. “Oltre a sentirmi debole durante l’arrampicata, sto bene”, ha detto in una conversazione telefonica dal campo base. Solo circa 12 scalatori stranieri e 16 sherpa sono arrivati ​​in cima in questa stagione, ha detto.

READ  Gli investitori sottovalutano la ripresa in Europa

Funzionari del turismo del governo affermano di non aver ricevuto segnalazioni dalle compagnie di escursioni su casi confermati di Covid-19 tra i membri del loro team e che le autorità non hanno verificato ufficialmente i resoconti dei media sull’epidemia nel campo base. “Non possiamo dire che non ci siano stati casi”, ha affermato Tamang.

Ha detto che sebbene il governo avesse un imperativo economico per continuare la stagione di arrampicata, non aveva trascurato la salute e la sicurezza degli scalatori e del personale locale, a cui era stato richiesto di testare il virus prima di lasciare Kathmandu per il campo base. Ha detto che i funzionari del governo dispiegati nel campo sono stati vaccinati.

Tuttavia, il signor Tamang ha riconosciuto che c’era un difetto nelle misure di sicurezza dell’epidemia. Centinaia di facchini che hanno trasportato rifornimenti al campo base in zaini o su tute di yak per tutta la stagione non sono stati testati per il virus. “Organizzeremo questa lezione per organizzare una stagione di arrampicata libera dal coronavirus il prossimo anno”, ha detto.

Fortenbach ha affermato di ritenere che il governo avesse buone intenzioni nel cercare di evitare il danno economico di un’altra stagione annullata, ma riteneva che consentire la continuazione dell’arrampicata durante l’epidemia fosse una decisione sbagliata. “Stai mettendo a rischio la vita delle persone e questo non è responsabile, questo non è il modo giusto per il governo di gestire una situazione del genere”, ha detto.

partecipazione a Newsletter alla menta

* Inserisci un’email disponibile

* Grazie per esserti iscritto alla nostra newsletter.

Non perderti nessuna storia! Rimani connesso e informato con Mint. Scarica subito la nostra app!!

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post “The Lehman Trilogy” segna un ritorno a Broadway
Next Post Calcio: Spagna e Portogallo iniziano la candidatura ufficiale per i Mondiali 2030