Il Covaxin di Bharat Biotech potrebbe ottenere l’approvazione dell’OMS entro il prossimo mese: rapporto

L’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) prevede di prendere una decisione il mese prossimo su un’autorizzazione di emergenza per un vaccino contro il coronavirus, Covaccino, realizzato da Bharat Biotech con sede a Hyderabad, è uno scatto che deve ancora essere autorizzato da alcuna autorità di regolamentazione occidentale, ha affermato un alto funzionario dell’agenzia per i vaccini. AP.

La dottoressa Mariangela Simao, assistente del direttore generale dell’OMS per i vaccini contro il Covid-19, ha affermato che la valutazione dell’agenzia sanitaria delle Nazioni Unite sul vaccino Bharat Biotech è “molto avanzata” e che i funzionari sperano di prendere una decisione entro metà settembre, aggiunge il rapporto.

Pochi studi sono stati pubblicati sullo scatto. I ricercatori indiani non hanno ancora condiviso alcuna ricerca avanzata sul vaccino contro il coronavirus, che è stato autorizzato e utilizzato in India.

Covaxin 78% efficace

Gli scienziati indiani affermano che il vaccino contro il Covid-19 è efficace al 78%, ma ci sono alcune domande su come si comporterà il vaccino nel mondo reale, anche contro le varianti del coronavirus.

Simao afferma che l’OMS sta anche studiando altre versioni di vaccini già autorizzati dall’agenzia, incluso uno prodotto da Sinopharm. Si aspetta che inizieranno a valutare i vaccini prodotti da Sanofi Pasteur e Novavax a settembre.

“Ci sono molti, molti vaccini nelle fasi finali della linea di produzione”, afferma Simao.

Di recente, i produttori statunitensi di Novavax hanno affermato che avrebbero dato priorità all’ottenimento del permesso nei paesi in via di sviluppo e dall’Organizzazione mondiale della sanità prima di ottenere il via libera negli Stati Uniti e nell’UE.

Nel frattempo, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha affermato che una sperimentazione clinica in 52 paesi studierà tre farmaci antinfiammatori come potenziali trattamenti per i pazienti COVID-19.

READ  Covid-19: il Regno Unito è nelle prime fasi della terza ondata, teme uno scienziato senior

“Questi trattamenti – artesunato, imatinib e infliximab – sono stati selezionati da un gruppo di esperti indipendenti per il loro potenziale di ridurre il rischio di morte nei pazienti ospedalizzati con COVID-19”, ha affermato in una dichiarazione sullo studio Solidarity Plus.

Il direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità, Tedros Adhanom Ghebreyesus, ha dichiarato in una conferenza stampa da Ginevra che lo studio coinvolge migliaia di ricercatori in oltre 600 ospedali.

partecipazione a Newsletter alla menta

* Inserisci un’email disponibile

* Grazie per esserti iscritto alla nostra newsletter.

Non perderti nessuna storia! Rimani connesso e informato con Mint. Scarica subito la nostra app!!

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Chelsea-Villarreal: Supercoppa Uefa – Live! | Calcio
Next Post Nintendo Switch Indie World Showcase: come guardare oggi