Il Corona virus accende la partenza dei cinesi dalla città tessile italiana

Scritto da Sylvia Ognepin

Prato, Italia (Reuters) – Una vittima inaspettata della crisi del Coronavirus è una delle più grandi comunità cinesi in Italia, e sta diminuendo rapidamente ora dopo oltre 30 anni di crescita in una piccola città della Toscana.

I cinesi iniziarono a stabilirsi a Prato, 11 miglia (17 km) a nord di Firenze, intorno alla fine degli anni ’80, e furono attratti dall’abbondante lavoro nelle fabbriche che servivano l’industria italiana dell’abbigliamento.

Principalmente dallo Zhejiang orientale, hanno creato un’industria parallela che produce tessuti a basso costo insieme alle aziende italiane di fascia alta che riforniscono le case di moda nel paese.

La comunità interconnessa è cresciuta di anno in anno fino a raggiungere circa 25.000 alla fine del 2019, quando nella città c’erano circa 6.000 aziende cinesi da 200.000 persone, facendo di Prato uno dei più grandi cluster di industria a conduzione cinese in Europa.

Poi, nella primavera dello scorso anno, il Coronavirus ha colpito. Da allora, circa 2.500 persone, ovvero il 10% della comunità, se ne sono andate.

Per molti cinesi di Prato, COVID ha rappresentato una svolta, aumentando i dubbi sul loro futuro in Italia, l’economia più lenta d’Europa.

In primo luogo, i cinesi hanno subito discriminazioni come presunti diffusori della malattia. Poi, quando la comunità è emersa quasi indenne dal crescente numero di vittime in Italia, è stata vista come un modello per come combatterla.

Ora molti si arrendono, stremati dalla recessione causata dal COVID, e attratti dalla Cina per il suo maggiore successo nella lotta all’epidemia e per le migliori prospettive economiche.

Simona Chu, 50 anni, è tornata nello Zhejiang lo scorso luglio dopo quasi 30 anni trascorsi a Prato, lasciando il suo maglificio nelle mani della famiglia.

READ  Il Man United raggiunge finalmente il Gran Finale sotto Solshire | Gli sport

Era cronicamente malata, si sentiva vulnerabile al coronavirus ed è rimasta molto più al sicuro con sua madre in Cina poiché la malattia era quasi eliminata.

“Se torna qui, dovrà restare a casa per lo più, ma nello Zhejiang non ci sono restrizioni e le persone non devono nemmeno indossare maschere”, dice Teresa Lin, figlia di Simona, consigliera comunale di Prato.

Più sicuro in Cina

L’Italia ha visto più di 124.000 morti per COVID-19, mentre la Cina ha registrato meno di 5.000 morti.

Tuttavia, molti cinesi se ne sono andati a causa di difficoltà economiche piuttosto che per paura del contagio, poiché l’industria tessile italiana a basso budget è stata colpita da frequenti chiusure.

L’economia si sta aprendo gradualmente, ma il danno è stato fatto a molti lavoratori tessili cinesi.

Huang Miaomiao, giornalista dello Zhejiang che vive a Prato, stima che circa 2.500 persone, ovvero il 10% della comunità cinese, siano tornate in Cina nell’ultimo anno. Un altro consigliere, Marco Wong, ha detto che la cifra è “realistica”.

I dati ufficiali non sono aggiornati perché potrebbero volerci anni prima che i rimpatriati informino le autorità italiane, se si preoccupano di farlo.

“C’è molta discussione nella comunità sul ritorno tra le persone che sono venute qui negli anni ’80”, ha detto Wong.

“Vedono che l’economia cinese sta crescendo e la sua gestione dell’epidemia rafforza una prospettiva positiva per il loro paese di origine rispetto a come vengono gestite le cose in Italia”.

L’economia italiana si è contratta dell’8,9% lo scorso anno, perdendo mezzo milione di posti di lavoro nei 12 mesi fino a marzo.

READ  Federer si ritira dal Roland Garros pensando a Wimbledondon

Man mano che sempre più cinesi lasciano Prato, i nuovi arrivati ​​si sono prosciugati, secondo il direttore del consiglio comunale, che ha indicato i numeri delle iscrizioni.

Nel 2019, ha detto, circa 200 nuovi alunni cinesi sono stati iscritti ogni anno nelle scuole di Prato, mentre nel 2020 e nel 2021 il numero era “statisticamente irrilevante, praticamente zero”.

Economia sommersa

La comunità cinese di Prato è stata duramente colpita dalla recessione perché molti di loro hanno lavorato nell’economia sommersa. Ciò significa che non avevano diritto al sostegno del governo sulla base delle dichiarazioni dei redditi delle società dell’anno precedente.

“La maggior parte delle aziende cinesi di Prato sta affrontando grandi difficoltà”, dice Luigi Yi, presidente dell’Associazione di amicizia italo-cinese di Prato, che ha fornito aiuti finanziari a 800 famiglie cinesi nell’ultimo anno.

I cinesi di Prato tradizionalmente si aiutano a vicenda ed evitano il welfare pubblico, ma la filosofia del “self-help” è crollata di fronte alla crescente povertà dovuta alla crisi del coronavirus.

L’anno scorso, il consiglio ha ricevuto 449 richieste da cinesi per codici alimentari e 218 richieste per aiutare a pagare l’affitto. Nel 2019 nessun cinese ha chiesto assistenza per il noleggio.

“Il problema è che non c’è più lavoro, non c’è altro che paura”, ha detto Luka Chu, presidente della Società cinese per la protezione civile. “Molti cinesi se ne sono andati e molte persone vogliono andarsene”.

(Scrittura e reportage aggiuntivi di Gavin Jones; Montaggio di Giles El Jud)

Ravenna Bianchi

"Esperto di tv estremo. Fanatico della birra. Amichevole fan del bacon. Comunicatore. Aspirante esperto di viaggi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Come fanno gli squali a sapere dove andare? Gli scienziati hanno la risposta – Nexstar Media Wire
Next Post Vengono vaccinati e tengono le loro maschere, forse per sempre