Il conduttore dell’evento Salman Rushdie crede che l’attacco sia stato un “brutto scherzo”

Salman Rushdie ha trascorso anni sotto la protezione della polizia dopo che i leader iraniani hanno chiesto la sua uccisione (fascicolo)

New York:

L’uomo che stava progettando di intervistare Salman Rushdie nello stato di New York pochi istanti prima che il famoso romanziere fosse attaccato, domenica, ha detto che inizialmente pensava che qualcuno stesse facendo uno scherzo crudele, ma si è trasformato nella realtà quando ha visto il sangue.

Anche Henry Reese, presidente del gruppo no-profit City of Asylum, è stato ferito quando un aggressore ha preso d’assalto lo stand di un evento letterario venerdì e ha pugnalato Rushdie al collo e allo stomaco. Ha detto che ci sono voluti diversi momenti per capire cosa stava succedendo.

“Era molto difficile da capire”, ha detto Reese, 73 anni, alla Galileus Web. “Sembrava una specie di brutto scherzo e non aveva il senso della realtà”.

“Poi, quando c’era sangue dietro di lui, questo è diventato reale”.

Reese, apparso in rete domenica con una larga benda sull’occhio destro gonfio e contuso, ha rifiutato di discutere i dettagli dell’attacco.

Ma ha detto che quando l’uomo stava correndo sul palco pensava che l’incidente fosse un “cattivo riferimento” all’editto religioso emesso dai leader iraniani che chiedeva ai musulmani di uccidere Rushdie, e “non significa che fosse un vero attacco”.

Il personale e altri membri del pubblico hanno lottato con il sospetto aggressore, Hadi Matar, 24 anni, prima che fosse preso in custodia dalla polizia.

Rushdie ha trascorso anni sotto la protezione della polizia dopo che i leader iraniani hanno chiesto la sua uccisione per la sua rappresentazione dell’Islam e del profeta Maometto nel suo romanzo I versi satanici.

READ  Variante delta del Covid-19, identificata per la prima volta in India, i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie soprannominata "variante allarmante" | notizie dal mondo

Reis ha detto che avrebbe dovuto discutere con Rushdie del movimento Asylum City, che cerca di proteggere la libertà di parola e che Reis ha detto di aver lanciato dopo aver ascoltato il discorso ispiratore di Rushdie nel 1997.

“Questo è il tipo cupo di ridicolo – o forse l’intento – non solo di attaccare il suo corpo, ma di attaccare tutto ciò che rappresenta”, ha detto Reese.

(Ad eccezione del titolo, questa storia non è stata modificata dalla troupe di NDTV ed è pubblicata da un feed sindacato.)

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post L’economia russa si contrae a causa delle sanzioni
Next Post Incontra BRILLO, il robot cameriere in grado di fare brevi conversazioni