Il concorrente olimpico di Anthony Joshua, Robert Camarell, si rifiuta di perseguire una battaglia di vendetta nei ranghi professionali | notizie di boxe

Roberto Camarell era un “uomo da temere”, un freddo stratega che sezionò i suoi rivali dei pesi massimi, ma si rifiutò di vendicarsi di Anthony Joshua.

Quattro anni prima del suo ultimo incontro contro Joshua, l’italiano ha vagato per il campus olimpico di Pechino, alla ricerca del suo avversario in semifinale alle Olimpiadi del 2008, il britannico David Price.

Camarell ha voluto lanciare un avvertimento a Price, annunciando che il giocatore del Liverpool non avrebbe ripetuto l’eroismo di Audley Harrison, che ha sconfitto l’italiano Paolo Vidoz nel suo cammino verso la medaglia d’oro a Sydney.

“Me lo ricordo bene”, ha detto Camarel. Sky Sport.

“Prima dell’incontro mentre ci stavamo riscaldando, sono andato a parlare con lui e il suo allenatore in una stanza, e ho detto: ‘Non credo che accadrà di nuovo, come è successo quando un pugile italiano ha litigato contro un inglese nel 2000.'”

Camarill è stato fedele alla sua parola, fermando Price al secondo round, poco dopo aver iniziato quel fugace momento di intimidazione.

immagine:
Camarell ha sospeso David Price al secondo turno
Roberto Camarell
immagine:
L’italiano continuerà a vincere la medaglia d’oro a Pechino

Il prezzo di Cammarrelle è infuso di pura forza?

No, faceva tutto parte di un piano.

“Ho studiato il modo in cui ha combattuto e ha avuto qualche difficoltà con il suo portiere destro, e nonostante sia un atleta alto, ho pensato che il modo migliore per rimediare fosse accorciare le distanze”.

La mano sinistra perfettamente posizionata ha mandato il prezzo a penzolare tra le corde. I combattimenti sono finiti.

La minaccia di Cammarelle è stata identificata da Paul Walmsley, che in precedenza era stato allenatore del programma mondiale del Team GB.

READ  Il primo festival dedicato all'informazione sulle nuove tecnologie digitali che stanno rivoluzionando il mondo della finanza

“Ha avuto quel nome e quella reputazione”, ha detto Walmsley, “Qualcuno deve temere. Tutti stavano cercando il suo posto nella lotteria”.

Non era uno spacciatore a eliminazione diretta, o qualcosa del genere. Era più che tattico. Un vero uomo forte.

Paul Walmsley su Roberto Camarell

“Sembrava difficile da battere. Ha fatto le basi molto bene.

“Non era un croupier a eliminazione diretta, o qualcosa del genere. Era più un tattico. Un vero duro”.

Alexander Povetkin era uno dei rari concorrenti dilettanti in grado di superare il Camarel.

Ogni partita si è conclusa con una sconfitta per Camarelli, comprese le semifinali dei Giochi Olimpici di Atene 2004.

“In realtà è stato il mio migliore. Sono state cinque volte e cinque sconfitte, anche se pensavo di averlo battuto in due occasioni”.

Ma l’assenza del russo a Pechino ha spianato la strada a Camarelli per fermare comodamente Gili Chang nella finale olimpica.

Cammarelle ha aggiunto la medaglia d’oro mondiale amatoriale a Milano, un anno dopo, ma un concorrente britannico in rovina attendeva nei quarti di finale quando il torneo si è diretto in Azerbaigian nel 2011.

Anthony Joshua è salito ai ranghi dei dilettanti, sopraffacendo gli avversari con estrema aggressività, sebbene Camaril fosse diverso.

Antonio Giosuè
immagine:
Anthony Joshua ha bloccato il percorso di Camarell verso le semifinali

“Josh è grande, forte e tutto, ma Camarelli era la vecchia volpe saggia e penso che potrebbe giocare con Josh qui”, ha detto l’ex allenatore GB Walmsley.

“È un livello diverso in termini di esperienza. Entrarci è stato spaventoso, ma allo stesso tempo, se ci fosse qualche segno di pericolo per Josh, lo farei fuori”.

READ  Evergrande: Evergrande: fino a che punto si spingerà il presidente Xi Jinping nella sua repressione del settore immobiliare cinese?

Ma non è stato solo Camarel ad arrivare armato di tattiche spietate.

“Ricordo una cosa di Camarell, era sempre vicino e resisteva”, ha detto Walmsley. “Si è completamente rilassato. Ricordo di aver detto a Josh, quando ti afferra e ti entra addosso, trova solo un po’ di spazio e schiaccialo nello stomaco.

“Stavo guardando verso l’alto e potevo vedere la schiena di Camarelle che teneva Josh. Stavo dicendo, ‘Non lasciarlo andare’ e Josh si è precipitato dentro e potevi vedere i piedi della mia Camarille staccarsi un po’ da terra. pensò: ‘Questo è togliergli il vento dalle vele.'”

Controlled Brutality di Joshua le è valso una vittoria 15-13 e una lettera di playoff da Camarell.

“Ricordo di aver detto: ‘Ora ho vinto, devi andare oltre nella competizione, perché dovevo qualificarmi, e dovevo ringraziarlo per questo.'”

Joshua Paco è partito con una medaglia d’argento e si è recentemente posizionato come un vero contendente per la medaglia olimpica.

Nove anni dopo, Camarille ha ancora la sua opinione sulla sua ultima battaglia contro Joshua, la finale olimpica ai Giochi di Londra 2012.

Antonio Giosuè
immagine:
Camarel era in vantaggio 13-10 dopo il secondo round della finale olimpica
Antonio Giosuè
immagine:
Ma Joshua ha chiuso il deficit con un blocco al terzo turno per guadagnare l’oro

“Penso che il pubblico abbia avuto un enorme impatto sui giudici”, ha detto Camarell.

“A un certo punto ho avuto l’impressione che, indipendentemente da qualsiasi mossa di Joshua, il pubblico stesse applaudendo anche se si trattava di un errore, e penso che abbia sicuramente influito sui risultati”.

Walmsley non è d’accordo e ha notato che gli analisti hanno persino affermato che Joshua ha meritato la sua vittoria nel pareggio del conto alla rovescia post-partita sul 18-18.

READ  Fonti affermano che l'Italia esclusiva rischia di saltare la scadenza del piano di ripresa a causa delle preoccupazioni dell'UE

“Analisi della performance che le persone a Sheffield hanno fatto, hanno attraversato e hanno contato i pugni che sono andati a segno, i pugni persi e Josh è stato il vincitore più chiaro in termini di pugni.

“Alla fine, ho pensato che avrei avuto un infarto.

“Sono uno dei più grandi critici di chiunque, le prestazioni dei nostri pugili, e penso che lo abbia superato”.

Antonio Giosuè
immagine:
Le statistiche mostrano che Joshua ha meritato la sua leggera vittoria

Camarelli si è ritirato dallo sport dopo la finale di marzo 2016. Poche settimane dopo, Joshua è stato incoronato campione del mondo FIFA.

Perché Camarelle non lo ha seguito nei ranghi dei professionisti alla ricerca di una ricompensa più grande?

“Quando ho iniziato a fare boxe, Mike Tyson era l’atleta meglio pagato al mondo in quel momento”, ha detto Camarell.

“Era tipico di me diventare un professionista, ma dopo un po’ sono diventato sempre più attratto dal mondo olimpico.

“Quando ho vinto la medaglia nel 2008 alle Olimpiadi avevo 28 anni, ea quel punto diventare professionista in Italia non ne valeva proprio la pena, economicamente.

“Avrei dovuto trasferirmi in un altro paese, Germania o Stati Uniti, e non ne avevo voglia”.

L’ultimo passo tattico di Camarelli è stato sapere quando dire addio.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Baby Boy Born – Guarda la foto – Hollywood Life
Next Post Vale ancora la pena celebrare la libertà?