Il CEO di Huawei dà il benvenuto a Hero in Cina, elogia la forte patria

Meng Wanzhou è arrivata a Shenzhen su un aereo speciale inviato dal governo. Reuters

Pechino:

In quella che dovrebbe essere una grande vittoria per il Partito Comunista al governo cinese, Meng Wanzhou, l’amministratore delegato di alto rango del gigante delle telecomunicazioni Huawei che è stata detenuta in Canada per più di tre anni, ha ricevuto una standing ovation al suo arrivo a Shenzhen a una cerimonia privata. L’aereo inviato dal governo sabato.

Meng, 49 anni, vicepresidente di Huawei, direttore finanziario e figlia del fondatore dell’azienda Ren Zhengfei, ha accreditato il suo rilascio al Partito comunista cinese guidato dal presidente Xi Jinping.

È stata rilasciata dalla custodia legale in Canada sabato dopo aver stretto un accordo con i procuratori generali degli Stati Uniti per un caso di frode bancaria che l’ha tenuta in un limbo legale per quasi tre anni.

La TV di Stato ha trasmesso in diretta il suo arrivo all’aeroporto di Shenzhen su un aereo speciale organizzato dal governo, dove è stata accolta da funzionari, dipendenti Huawei e funzionari sanitari in tute con dispositivi di protezione individuale.

Dopo un breve discorso elogiando la Cina, è partita per la quarantena COVID-19.

Mentre il suo volo lasciava Shenzhen, due ex diplomatici canadesi Michael Spavor Michael Kovrig e l’uomo d’affari Michael Spavor, arrestati in Cina nel dicembre 2018 come rappresaglia per l’arresto di Meng, sono stati rilasciati dal carcere e trasportati in aereo in Canada descritti dagli osservatori come simile alla “diplomazia degli ostaggi”.

I due canadesi sono stati accusati di danneggiare la sicurezza nazionale cinese.

La Cina ha anche bloccato alcune importanti importazioni canadesi. Pechino ha costantemente negato che il loro arresto fosse collegato al caso Meng.

Sorprendentemente, non ci sono notizie ufficiali sul loro rilascio in Cina e il primo ministro Justin Trudeau ha dichiarato la loro libertà.

“Circa 12 minuti fa, l’aereo che trasportava Michael Kovrig e Michael Spavor ha lasciato lo spazio aereo cinese, mentre tornava a casa”, ha detto Trudeau al South China Morning Post di Hong Kong.

I due sono stati arrestati poco dopo l’arresto di Meng. Pechino ha arrestato Kovrig, un consulente, e Spavor, un ex analista e diplomatico canadese, e ha anche cambiato la pena di morte di 15 anni di carcere inflitta al trafficante di droga canadese Robert Lloyd Schellenberg.

READ  La Cina dovrebbe offrire alle coppie 156.000 dollari per stimolare la gravidanza: esperto

Il mese scorso, dopo che i tribunali cinesi hanno respinto un ricorso nel caso della pena di morte di Schellenberg, l’ambasciatore del Canada in Cina Dominic Barton ha affermato che “non è stato un caso” che la sentenza sia stata raggiunta mentre Meng era ancora sotto la custodia di Vancouver.

Dopo il suo rilascio dal tribunale canadese, il braccialetto alla caviglia del localizzatore GPS che Meng aveva indossato per più di due anni è stato rimosso e si è rivolta al pubblico dopo l’udienza, esprimendo la sua gratitudine al giudice canadese e alla corte che sostiene lo stato di diritto.

Il Washington Post ha riferito che l’aeroporto di Shenzhen, chiuso al traffico aereo internazionale a causa della pandemia del virus Corona, ha aperto al volo in arrivo dal Canada.

Prima del suo arrivo, la China Central Television (CCTV) di stato ha trasmesso la sua partenza in diretta da Vancouver mentre elogiava il Partito Comunista Cinese e il governo cinese per il suo rilascio.

“Fuori è buio. Sono nel cielo sopra il Polo Nord, a casa”, ha detto in seguito nei commenti pubblicati sui social media.

Il suo aereo ha sorvolato il Polo Nord, evitando lo spazio aereo americano dell’Alaska a causa del timore che potesse essere dirottato negli Stati Uniti.

“Sotto la guida del Partito Comunista Cinese, la mia madrepatria sta diventando giorno dopo giorno più forte e più prospera. Senza una patria forte, non avrei la mia libertà oggi. Viviamo in un’epoca di pace e siamo nati nell’era di riforma e apertura”, ha detto Meng.

Meng ha detto di aver assistito e assistito alla grande trasformazione che il popolo cinese ha ottenuto sotto la guida del Partito Comunista Cinese.

I media statali hanno riferito che Meng ha descritto la Cina e il Partito Comunista Cinese come una luce splendente che ha illuminato i “momenti più bui” della sua vita e l’ha condotta in un lungo viaggio verso casa.

Il suo rilascio arriva pochi giorni prima della Giornata nazionale cinese del 1 ottobre, che cade venerdì, e Meng si è detta felice di poter festeggiare nella madrepatria.

READ  La polizia sta indagando sul conto della colazione del primo ministro finlandese Sanna Marin

E lei disse: “Buon compleanno alla Patria! La strada di casa, nonostante le sue vicissitudini, è la più calda del mondo”.

Il suo drammatico rilascio è arrivato dopo che venerdì ha raggiunto un accordo storico con il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti che le consente di tornare in Cina, in base al quale si è dichiarata non colpevole.

“Non si è dichiarata colpevole e ci aspettiamo che l’accusa venga archiviata con pregiudizio dopo quattordici mesi”, ha detto l’avvocato di Meng, William Taylor, dai media statali. “Ora sarà libera di tornare a casa per stare con lei. famiglia.”

“Dopo gli instancabili sforzi del governo cinese, Meng ha lasciato il Canada e sta tornando su un aereo noleggiato organizzato dal governo cinese. Incontrerà presto la sua famiglia”, ha dichiarato sabato la portavoce del ministero degli Esteri cinese Hua Chunying.

“I fatti hanno dimostrato che si tratta di un caso di persecuzione politica nei confronti di un cittadino cinese con l’obiettivo di sopprimere le aziende cinesi di alta tecnologia”, ha affermato Hua in una nota.

La dichiarazione di Hua non ha menzionato i due canadesi rilasciati sabato.

“Le cosiddette accuse di frode contro Meng sono pure invenzioni”, ha detto.

“Anche HSBC – la vittima” menzionata dalla parte americana – ha rilasciato file che provano l’innocenza di Meng, ha detto la Xinhua.

Hua ha detto che quello che hanno fatto gli Stati Uniti e il Canada è stato un tipico caso di detenzione arbitraria.

Meng è stata rilasciata in un baratto per il rilascio dei canadesi detenuti in Cina dopo il suo arresto.

È vista come la mossa del presidente degli Stati Uniti Joe Biden per porre fine alle crescenti ostilità tra Washington e Pechino, aggravate dalla guerra commerciale del suo predecessore Donald Trump.

Commentando il rilascio simultaneo di Meng e di due canadesi, Tom Kellogg, direttore esecutivo dell’Asian Law Center presso la Georgetown University Law School, ha detto al giornale che alcuni potrebbero vedere il rilascio del CEO di Huawei come una vittoria per la dura “diplomazia degli ostaggi” della Cina. strategia. .

READ  L'ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump critica il leader della Corea del Sud, ma afferma di amare Kim Jong Un in Corea del Nord

Meng, accusato di presunto inganno delle banche sui rapporti commerciali della società in Iran in violazione delle sanzioni statunitensi, è stato arrestato al culmine della guerra commerciale scatenata da Trump tra Stati Uniti e Cina.

Meng è stato arrestato a Vancouver nel dicembre 2018 con l’accusa statunitense di frode bancaria ai sensi dell’accordo bilaterale USA-Canada.

Il CEO di Huawei è stato anche accusato di aver fuorviato HSBC Holdings sui rapporti della sua azienda con l’Iran, che è stato sanzionato dagli Stati Uniti.

Negli ultimi tre anni, Meng ha combattuto una feroce battaglia legale per evitare una possibile estradizione negli Stati Uniti.

Il suo arresto ha sbalordito la Cina, data la statura iconica di Huawei nel paese, ed è arrivato quando Trump ha vietato i suoi prodotti e le esportazioni di chip e altri componenti tanto necessari utilizzati nelle sue apparecchiature di rete e nelle società di smartphone.

L’arresto di Meng ha anche indebolito l’immagine della Cina sotto il Partito Comunista Cinese come un paese potente.

Il governo cinese ha lanciato una grande offensiva diplomatica contro Stati Uniti e Canada contro la sua “detenzione illegale”, mentre lo stesso Xi, nella sua ultima conversazione telefonica con Biden, ha fatto pressioni per la sua liberazione.

Gli osservatori affermano che il suo rilascio mostra anche che l’amministrazione Biden sta allentando le politiche intransigenti nei confronti della Cina per un approccio più conciliante in linea con l’enfasi del presidente degli Stati Uniti nel suo recente discorso all’Assemblea generale delle Nazioni Unite per non “combattere una guerra fredda” con la Cina .

“Il Canada ha persuaso gli Stati Uniti a chiudere il caso. Per l’amministrazione Biden, negli ultimi otto mesi ha costruito le relazioni USA-Cina da una posizione di forza ed è consapevole che se le accuse contro Meng vengono ritirate, tale progresso sarebbe un progresso”, ha affermato La Xiang, ricercatore presso l’Accademia cinese delle scienze. Social, al Global Times: “Soddisferà le aspettative di miglioramento delle relazioni bilaterali”.

(Ad eccezione del titolo, questa storia non è stata modificata dalla troupe di NDTV ed è pubblicata da un feed sindacato.)

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Anthony Joshua vs. Alexander Usic Live Fight Risultati: aggiornamenti di boxe, scorecard, ora di inizio, Undercard
Next Post I tuoi vecchi videogiochi valgono qualcosa?