Il capo dell’Organizzazione mondiale della sanità esorta il mondo a seguire gli Stati Uniti ea rinunciare alla protezione brevettuale del vaccino Covid

Il Direttore Generale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) Tedros Adhanom Ghebreyesus partecipa a una conferenza stampa organizzata dall’Associazione di Ginevra dei Corrispondenti delle Nazioni Unite (ACANU) durante l’epidemia di COVID-19, presso la sede dell’OMS a Ginevra, Svizzera, il 3 luglio 2020.

Fabrice Coffrini | Piscina | Reuters

Venerdì, il direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità, Tedros Adhanom Ghebreyesus, ha esortato altri paesi, in particolare il Gruppo dei sette paesi industrializzati, a seguire l’esempio degli Stati Uniti e sostenere la proposta dell’Organizzazione mondiale del commercio di rinunciare temporaneamente alla protezione brevettuale per il vaccino Covid-19.

Tedros ha dichiarato in un comunicato: “L’annuncio di mercoledì da parte degli Stati Uniti che sosterrà una rinuncia temporanea alla protezione della proprietà intellettuale per i vaccini Covid-19 è un’importante dichiarazione di solidarietà e sostegno alla giustizia nei vaccini”. “So che politicamente non è una cosa facile, quindi apprezzo molto la leadership degli Stati Uniti e esorto gli altri paesi a fare lo stesso”.

Gli Stati Uniti, strenui sostenitori del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale in tutto il mondo, si sono opposti alla rinuncia alla protezione brevettuale per i vaccini Covid.

Il vice segretario stampa della Casa Bianca Karen Jean-Pierre ha detto ai giornalisti a bordo dell’Air Force One giovedì che il presidente Joe Biden aveva preso personalmente la decisione di cambiare la posizione degli Stati Uniti. Biden aveva sostenuto la cessione dei diritti di proprietà intellettuale per un vaccino Covid come candidato alla presidenza.

La ricerca e i produttori farmaceutici americani, tra cui i produttori di vaccini AstraZeneca, Pfizer e Johnson & Johnson, si oppongono con veemenza alla decisione dell’amministrazione Biden.

READ  Mercati azionari oggi: Restrizioni Covid, Israele e Palestina, Michael Berry, Tesla

Venerdì, il capo dell’OMS Tedros ha invitato i sette principali paesi industrializzati – Canada, Francia, Germania, Italia, Giappone e Regno Unito oltre agli Stati Uniti – a compiere maggiori sforzi per facilitare l’equa distribuzione dei vaccini Covid in tutto il mondo.

“Per il G7, il supporto più importante e immediato di cui abbiamo bisogno in questo momento sono i vaccini e l’uguaglianza nei vaccini”, ha detto Tedros. “Penso che tutti sappiano cosa dobbiamo fare per aumentare la capacità di produzione e quindi aumentare la copertura vaccinale in tutti i paesi”.

Secondo il capo dell’OMS, oltre l’80% degli oltre 1 miliardo di dosi di vaccino Covid distribuite in tutto il mondo è andato a paesi ad alto reddito, mentre i paesi a basso reddito hanno ricevuto lo 0,3%.

“Questo tipo di divisione è inaccettabile”, ha detto Tedros. “È inaccettabile non solo per una questione etica, ma è inaccettabile perché non sconfiggeremo il virus in un mondo diviso”.

Il capo dell’Organizzazione mondiale della sanità ha affermato: “È nell’interesse di ogni paese del mondo condividere i vaccini e aiutare in ogni modo possibile a garantire l’uguaglianza nei vaccini”. “L’equità dei vaccini non è beneficenza. I diritti sui vaccini sono nell’interesse di tutti”.

La campagna di rinuncia al brevetto, proposta da India e Sud Africa nell’ottobre dello scorso anno, affronta una dura battaglia presso l’Organizzazione mondiale del commercio, che sta prendendo decisioni per consenso tra i 164 Stati membri.

La Germania, la più grande economia europea, si è opposta alle pressioni per revocare temporaneamente i brevetti sui vaccini. BioNTech, che ha sviluppato il vaccino Covid in collaborazione con Pfizer, ha sede in Germania.

READ  Il fitto calendario economico mette l'euro e il dollaro sotto i riflettori

“La proposta degli Stati Uniti di annullare la protezione brevettuale per i vaccini Covid-19 ha importanti implicazioni per la produzione di vaccini nel suo complesso”, ha detto giovedì un portavoce del governo tedesco. “Il fattore limitante nella produzione di vaccini è la capacità di produzione e standard di alta qualità, non i brevetti”.

I governi di Canada, Italia, Giappone e Regno Unito non hanno adottato posizioni pubbliche chiare a favore o contro la rinuncia alla protezione della proprietà intellettuale all’indomani del colpo di stato americano. Il presidente francese Emmanuel Macron ha sostenuto la posizione americana.

La presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen – a capo dell’organo esecutivo dell’Unione europea – non ha adottato il piano di rinuncia, affermando in una lettera di essere “pronta a discutere qualsiasi proposta che affronti la crisi in modo efficace e pratico”.

La Russia, che ha sviluppato il vaccino Sputnik, ha espresso sostegno a questo passo e la Cina è aperta a ulteriori discussioni. L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha annunciato venerdì di aver approvato un vaccino sviluppato dalla società cinese Sinopharm per uso di emergenza.

Circa 80 paesi dell’Organizzazione mondiale del commercio, la maggior parte dei quali paesi in via di sviluppo, hanno espresso il loro sostegno alla proposta, Secondo l’Associated Press, Che ha citato un funzionario commerciale a Ginevra.

“È anche importante ricordare che la rinuncia alla proprietà intellettuale deve essere accompagnata da un trasferimento di tecnologia e conoscenza a coloro che rendono difficile la produzione di vaccini”, ha detto Tedros.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Il Dipartimento della sanità pubblica sta rilasciando dati sulle scoperte del vaccino Covid-19 che evidenziano l’efficacia del vaccino
Next Post Singapore limita l’ingresso ai titolari di permesso di lavoro in mezzo all’escalation di COVID-19 in India