Il capo della difesa sollecita un cambiamento nei prestiti della BEI

Il capo della Difesa italiano ha chiesto una riforma della politica di prestito della Banca europea per gli investimenti per consentirle di finanziare progetti militari sulla scia dell’invasione russa dell’Ucraina.

Alessandro Profumo, amministratore delegato di Leonardo e presidente dell’Unione Europea per il Commercio ASD, ha affermato che la mossa invierà un segnale importante poiché il sindacato punta a rafforzare la propria base di difesa.

“Un cambiamento nelle regole della BEI su come viene finanziato il settore della difesa sarà molto importante in quanto determinante della direzione del settore finanziario”, ha detto in un’intervista al Financial Times.

La Banca europea per gli investimenti, il braccio di prestito dell’UE di proprietà degli Stati membri, viene utilizzata per finanziare progetti che promuovono gli obiettivi del blocco, ma non è autorizzata a investire in attività di difesa fondamentali o beni come munizioni e armi.

La banca ha rifiutato di commentare in modo specifico i commenti di Profumo, ma ha osservato che svolge un ruolo nel sostenere l’industria in generale, in particolare nei progetti di ricerca e sviluppo che hanno un approccio a duplice uso.

È anche uno dei maggiori fornitori mondiali di finanziamenti per il clima, mentre altre priorità includono prestiti a progetti infrastrutturali e piccole e medie imprese.

La Banca ha deciso a marzo di sostenere il finanziamento di a Iniziativa strategica europea per la sicurezza Promuovere la ricerca e gli investimenti a duplice uso nello sviluppo in settori quali le infrastrutture e la tecnologia della sicurezza civile.

Prima della guerra in Ucraina, le preoccupazioni del settore sull’accesso ai finanziamenti stavano crescendo a causa delle prove che alcune banche nazionali e fondi di investimento stavano voltando le spalle al settore.

READ  L'Europa sta affrontando una leggera recessione a causa di una crisi energetica sempre più profonda, ma potrebbe peggiorare se si verificasse un razionamento del gas naturale, afferma UBS

L’improvviso aumento degli investimenti ESG ha anche portato alcuni fondi a escludere le società della difesa per motivi di sostenibilità.

Jan Bey, segretario generale di ASD, ha affermato che alcune banche nazionali hanno sfruttato il fatto che la BEI non ha concesso prestiti al settore come scusa per non interferire con se stesse.

“Uno degli argomenti che usano è che se la difesa è vista come difficile da affrontare, perché dobbiamo farlo a livello nazionale se la BEI non lo fa a livello europeo?” Lo ha detto al Financial Times nella stessa intervista.

Alessandro Profumo, CEO dell’italiana Leonardo © Miguel Medina / AFP / Getty Images

Profumo di Leonardo ha affermato che il conflitto in Ucraina “ha cambiato in modo significativo l’atteggiamento di molti paesi europei… nei confronti del settore della difesa” e ha sottolineato l’opinione che “non c’è sostenibilità senza sicurezza”.

Da allora, le proposte dell’UE dello scorso anno su cosa costituisse un finanziamento socialmente sostenibile che avrebbe caratterizzato l’industria della difesa come socialmente dannosa sono state abbandonate.

Profumo ha affermato che il rapporto finale era “migliore di quello che era”, ma ha sottolineato che “non era ancora stato rilasciato”. L’accesso ai finanziamenti è particolarmente critico per le piccole imprese della filiera del settore, essenziali per l’innovazione.

La guerra ha spinto i governi europei, in particolare la Germania, ad annunciare aumenti significativi della spesa per la difesa e ha spinto Bruxelles a presentare una serie di proposte per aumentare la cooperazione e semplificare la produzione di armi all’interno del blocco.

Profumo ha affermato che l’industria desidera anche vedere un aumento del budget dell’EDF alla luce delle esigenze operative all’indomani della guerra in Ucraina.

READ  Media, Notizie sulle comunicazioni, ET Telecom

Lanciato lo scorso anno per cofinanziare progetti di ricerca e sviluppo collaborativi nel settore della difesa in tutto il blocco, il fondo doveva inizialmente avere un budget di 13 miliardi di euro, ma tale importo è stato ridotto a 7,9 miliardi di euro, in parte a causa dell’impatto economico di la pandemia di coronavirus. .

“Ovviamente riteniamo che proprio in questo momento sia importante riesaminare il bilancio del FES e trovare un importo aggiuntivo per assicurarsi che i paesi europei stiano davvero facendo bene in ricerca e sviluppo da un lato, e ristabilire la base operativa su l’altro», disse Profumo.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post La reazione di Oliver Hudson a una foto in topless mostra le dinamiche tra fratelli
Next Post Asus lancia ROG Phone 6 e 6 Pro per portare più potenza di gioco su Android