Il capo del team italiano della MotoGP Fosto Grissini muore di corona virus all’età di 60 anni

Fosto Grecini è stato ricoverato in ospedale per un’infezione virale durante le vacanze di Natale.© Twitter



Il compagno di squadra italiano Fosto Grecini, il doppio campione del mondo 125cc e proprietario del team MotoGP, è morto per un coronavirus di 60 anni, ha annunciato il suo team martedì. La Grecini Racing ha twittato: “Questa è una notizia che non vogliamo mai dare e purtroppo siamo costretti a condividerla con tutti voi.

“Quasi due mesi dopo il colpo di stato, Fosto Gresini è purtroppo scomparso pochi giorni dopo aver compiuto 60 anni. # Xiaophosto.”

Gressini ha vinto i Campionati del Mondo di Moto 125cc nel 1985 e 1987 prima di creare la propria squadra.

Affetto da gravi e persistenti problemi respiratori dopo essere stato contagiato dal virus durante le vacanze natalizie, è stato ricoverato prima il 27 dicembre ad Imola e successivamente all’Ospedale Magior di Bologna.

Classe 1961, ha gareggiato nella divisione 125cc tra il 1983 e il 1994, vincendo 21 Gran Premi con 13 podi e 17 pole position in 13 gare, diventando tre volte vice-campione.

Dopo il ritiro ha formato la sua squadra, che gareggia nell’élite della MotoGP con il costruttore italiano Aprilia in tutte e tre le divisioni.

promozione

Grizzly Racing ha una storia recente tragica in quanto l’ex campione del mondo 250cc giapponese DiGiro Kato è morto in un incidente durante il Gran Premio del Giappone 2003.

La tragedia ha colpito di nuovo nell’ottobre 2011 quando il pilota italiano Marco Simoncelli è morto in un incidente al Gran Premio della Malesia.

Emanuele Schiavone

"Appassionato ninja della birra. Risolutore di problemi estremi. Pensatore. Appassionato di web professionista. Avido comunicatore. Piantagrane hardcore. "

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post Cristiano Ronaldo segna un gol contro ogni top team italiano dopo Brace vs Croton
Next Post Il CEO di Stolandis afferma che i costi sono alti nelle fabbriche automobilistiche italiane, ma non a causa del lavoro