Il canadese Django Lovett e Marco Arup guardano le speranze olimpiche svanire con gli eventi

Django Lovett ha annusato il podio all’inizio della sua prima finale olimpica di salto in alto dove ha affrontato il campione del mondo ad ogni tentativo. Lo scontro è iniziato domenica con Moataz Issa Barshim a 2,24 metri, poi 2,27 metri, poi 2,30 metri.

Ma in pochi secondi, il vantaggio di Lovett e il suo sogno ai Giochi estivi sono stati infranti dopo un tentativo fallito di pareggio stagionale e un record personale di 2,33. Il 28enne del Surrey, BC, ha mancato tutti e tre i tentativi ed è arrivato ottavo su un campo da 13 uomini in una calda notte di Tokyo.

“Sono deluso dal risultato finale – ha detto Lovett ad Athletics Canada -. Mi sentivo molto meglio e sentivo di poter fare molto meglio di me”. “Sono grato al popolo giapponese per aver ospitato questi eventi e per aver portato un tale fardello sul resto del mondo. È stato davvero un dono per tutti”.

A pochi metri sulla pista dello Stadio Olimpico c’era il connazionale Marco Arup, che sentiva il dolore di Lovett.

Il mezzofondista di Edmonton è avanzato in ritardo nella semifinale di 800 metri prima di svanire in cima al rettilineo per finire settimo con un tempo di 1:44.90, 16-100 millisecondi dietro al keniano Emmanuel Currier, la qualificazione finale partita per la finale mercoledì. 8:05 ET.

“Marco è un talento straordinario e si riprenderà”, ha detto l’allenatore di Arup Chris Woods a CBC Sports in un messaggio di testo dal Giappone.

Trova live streaming, video imperdibili, ultime notizie e altro ancora in un unico pacchetto perfetto per le Olimpiadi. Seguire il Team Canada non è mai stato così facile o più emozionante.

Altro da Tokyo 2020

Più tardi domenica, il velocista Andre de Grasse è tornato sul podio olimpico, fermando il cronometro in 9,89 secondi come record personale per una medaglia di bronzo, 14° in Canada a questi Giochi e primo di un uomo. Ha anche vinto una medaglia di bronzo nei 100 metri al suo debutto alle Olimpiadi del 2016 a Rio.

Guarda | Bronzo per De Grasse, Alexiak entra nella storia olimpica:

Andre de Grasse è tornato sul podio olimpico pur avendo un record personale, e Penny Oleksiak è ufficialmente considerato il campione olimpico più decorato del Canada. 4:25

READ  Il Paris Saint-Germain rinforzato inizia a tentare di riconquistare il titolo francese | Gli sport

Lovett ha fatto il suo debutto olimpico ai massimi livelli dopo aver fatto 2.33 al suo terzo e ultimo tentativo di vincere il suo primo titolo nazionale alle prove olimpiche canadesi a fine giugno dopo un mese fuori concorso.

Il 28enne è apparso forte anche nelle qualificazioni di Tokyo, finendo secondo dopo Barshim con un salto migliore di 2,28 per unirsi ad altri 12 giocatori in finale.

Il primo titolo olimpico di Barshim e Timberi

Barshim, 30 anni, ha continuato a saltare il suo miglior record stagionale con 2.37, condividendo il suo primo titolo olimpico con l’italiano Gianmarco Tampere (2.37 SB). Maxim Nidasekow della Bielorussia ha preso il bronzo in un record nazionale di 2.37, registrando due tentativi falliti lungo la strada.

Guarda | Barshim e Temperi hanno gioito dopo aver accettato di condividere la medaglia d’oro:

Quando i funzionari hanno detto loro che la competizione di salto in alto era troppo serrata, il Qatar Mutaz Issa Barshim ha chiesto se poteva condividere l’oro con l’italiano Gianmarco Tampere. 1:26

Era solo il terzo evento del 2021 per Barchem, il tre volte olimpionico che ha conquistato il bronzo nel 2012 a Londra e l’argento quattro anni dopo a Rio. Il due volte campione del mondo detiene anche il record outdoor del Qatar e dell’Asia di 2,43.

Arup lascerà Tokyo dopo essere arrivato 14esimo nella 24esima semifinale.

Dopo essere salito in testa sabato e aver vinto la sua semifinale, domenica è rimasto fedele al piano, guadagnando in anticipo un vantaggio di due metri e facendo segnare un primo giro di 50,94 secondi con Peter Paul che respirava al collo.

Arup, 22 anni, è riuscito a tenere a bada l’australiano dopo che quest’ultimo si è spostato intorno ai 500 metri, ma è stato più debole una volta raggiunto il tracciato diretto di circa 80 metri alla fine.

“Le gambe non c’erano oggi. Pensavo di aver fatto tutto bene fino a questo punto, quindi penso che dovrei lavorare su altre cose”, ha detto Arup, che ha lavorato duramente solo per sei anni, a Canadian Athletics. “Ho cercato di combatterlo, ma quando ho visto passare gli ultimi tre giovani, il mio corpo si è chiuso a me. Non era rimasto nulla”.

READ  La “passione per il marchio CEO” dell'Alfa Romeo potrebbe essere la chiave per rilanciare le sue fortune

Paul ha tagliato per primo in 1:44.11 PB, davanti all’americano Clayton Murphy (1:44.18) e al francese Gabriel Tolle (1:44.28). Ferguson Rotich, medaglia di bronzo mondiale 2019 dal Kenya, ha segnato il miglior tempo nelle semifinali con un rapporto di 1:44.04.

L’americano Isaiah Jewett si è scontrato con il giocatore del Botswana Nigel Amos e i due sono caduti a terra. Si aiutarono a vicenda e corsero insieme lentamente verso il traguardo.

“Opportunità di apprendimento”

Woods ha detto che Arup sarà pronto per alcune gare rimanenti in questa stagione, traendo lezioni apprese dalla navigazione attraverso le qualifiche e le semifinali dal suo debutto olimpico.

“L’esperienza acquisita qui a Tokyo è positiva”, ha affermato l’allenatore di atletica leggera presso la Mississippi State University, dove Arup ha recitato prima di diventare professionista nel dicembre 2019. Amici e atletica Canada e l’intero paese del Canada.

“Indipendentemente dal fatto che sia la sua prima partita, la useremo come un’opportunità per imparare e andare avanti meglio”.

Il campione dei Giochi Pan Am 2019 ha fatto molto meglio nel 2021. Ha vinto le sue prime due gare della stagione outdoor, è arrivato secondo nella Diamond League a Stoccolma e il 9 luglio è caduto 6-100 dal record di 1: del canadese Brandon McBride: 43.26 PB al meeting della Diamond League a Monaco.

Jacobs finisce il pugno di Bolt a 100 metri

Per de Grasse, è stato il suo sesto podio nella sua sesta finale di singolare alle Olimpiadi o ai Campionati del mondo. Ha vinto anche la medaglia di bronzo ai 100 ai mondiali 2015 e 2019, nonché l’argento ai 200 di Rio e ai due mondiali di due anni fa a Doha, in Qatar.

Guarda | De Grasse ha terminato le sue forze per prendere il secondo bronzo nei 100m olimpici:

Il canadese Andre de Grasse ha conquistato il bronzo nei 100 metri alla seconda Olimpiade consecutiva, mentre l’italiano Lamont Jacobs ha vinto l’oro e l’americano Fred Curley ha vinto l’argento. 6:00

Domenica, il 26enne è stato impressionante negli ultimi 30 metri, ma non è riuscito a raggiungere il texano Lamont Jacobs, che ha chiuso il record europeo di 9.80 conquistando la prima medaglia italiana nei 100 metri e chiudendo il 13- di Usain Bolt. decennio sull’evento.

READ  Il Festival italiano inizia nel 2021 | Notizie, sport, lavoro

Bolt ha vinto i suoi ultimi tre titoli consecutivi nel 2016 prima di ritirarsi l’anno successivo e aprire la strada a un nuovo re nemico. Pochi avrebbero pensato al 26enne Jacobs, che si è scontrato con le braccia del compagno di squadra e saltatore in alto Tampere dopo la gara.

Lo stesso per il cinese Su Bingtian, che ha aggiunto un’emozionante semifinale di 9,83 per battere il record asiatico e finire come il miglior qualificato per la finale in uno stadio quasi vuoto. È arrivato sesto nella finale a otto uomini a 9,98, diciannovesimo secondo legale per il 31enne nella sua carriera.

Il britannico Zharnel Hughes è stato eliminato in finale per una falsa partenza, unendosi al compagno di squadra Reece Prescod, che è stato eliminato nelle qualificazioni di sabato e nelle semifinali di domenica.

Una delle più grandi sorprese in pista domenica è stata l’assenza del velocista americano Trayvon Brommel dalla finale dei 100. È entrato nella competizione olimpica con un 9,77 leader mondiale nel 2021 e ha vinto le prove degli Stati Uniti a 9,80, ma si è a malapena qualificato per le semifinali in Tokyo alle 10.05 prima di uscire alle 10 partite.

Il venezuelano stabilisce il record mondiale vincendo il salto triplo femminile

Yulimar Rojas non ha nemmeno bisogno di cercare conferme.

La pista, il decollo, il modo in cui ha colpito la sabbia: tutto era così bello che in qualche modo sapeva di aver conquistato la sua medaglia d’oro olimpica nel salto triplo femminile con un record mondiale.

Rojas ha battuto il record olimpico nel primo turno della finale di domenica, indicando il suo intento.

Ha superato altri quattro round prima di raccogliere tutto perfettamente con il segno di 15,67 m nel suo ultimo tentativo, migliorando il vecchio segno di 15,50 fissato dall’ucraina Inessa Kravets nel 1995.

La portoghese Patricia Mamona ha conquistato l’argento, stabilendo il record nazionale di 15.01. Ana Pelletiero, che si è allenata con Rojas, ha stabilito un record spagnolo di 14.87 per prendere il bronzo.

Guarda | Rob Pizzo di CBC Sports presenta fatti divertenti sulla squadra di atletica canadese:

Dai gruppi alle bizzarre superstizioni, gli atleti di atletica leggera in Canada hanno alcune stranezze interessanti. 2:48

Ravenna Bianchi

"Esperto di tv estremo. Fanatico della birra. Amichevole fan del bacon. Comunicatore. Aspirante esperto di viaggi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post I fan di GTA online ricreano le gare di Mario Kart in un nuovo fantastico video
Next Post Le Hawaii contano 452 nuovi casi di coronavirus; I casi attivi hanno superato i 3.000 in tutto lo stato