Il Canada, il secondo paese più grande del mondo, sta finendo le terre

In Canada, l’acquisto di una casa è stato a lungo considerato la via più sicura per la sicurezza della classe media

Il mercato immobiliare in Canada è più caldo che in qualsiasi altra parte del mondo.

Ma nonostante la preoccupazione per le guerre di offerte illogiche e le paure di scoppio di bolle, è principalmente guidato dall’esacerbazione dello squilibrio tra domanda e offerta: gli acquirenti vogliono case grandi ma sono sempre più incapaci di ottenerle a causa dello spazio insufficiente all’interno e intorno all’area. Grandi città dove le persone lavorano.

Il secondo paese più grande del mondo per superficie terrestre in realtà sta esaurendo lo spazio, che è ciò che ha reso il Canada sulla buona strada per la resa dei conti. Il sogno di una casa e di un appezzamento di terra separati, che generazioni di canadesi hanno dato per scontato e che continua ad attrarre nuovi immigrati, potrebbe presto sfuggire nei luoghi in cui le persone vogliono vivere. Ciò potrebbe espandere l’idea di casa per includere appartamenti e affitti, potenzialmente cambiando il modo in cui la classe media fa di tutto, dalla crescita delle famiglie al risparmio per la pensione.

“L’esaurimento dei terreni in Canada è un fenomeno relativamente recente rispetto all’Europa, al Giappone o ad altre parti del mondo”, ha affermato Robert Hogg, economista della Royal Bank of Canada. “Penso che per le generazioni future, ad esempio, la proprietà della casa sembrerà più europea di quanto non lo sia oggi”.

In Canada, l’acquisto di una casa è stato a lungo considerato la via più sicura per la sicurezza della classe media. I canadesi, in media, vivono in alcune delle più grandi case del mondo e registrano tassi di proprietà della casa più elevati rispetto al Regno Unito, alla Francia o persino agli Stati Uniti.

READ  Hiroshima Day 2021: Storia, significato ed effetti del bombardamento atomico della seconda guerra mondiale | notizie dal mondo

Secondo i dati compilati dai consigli immobiliari locali da Bloomberg News, quasi il 60% delle vendite di case lo scorso anno in 18 comunità nei dintorni di Toronto, Montreal, Vancouver e Ottawa riguardava case unifamiliari. i posti erano per gli appartamenti.

Ma quando si guarda a ciò che è stato costruito in queste stesse città e nelle loro comunità di camere da letto adiacenti negli ultimi dieci anni, le percentuali sono abbastanza inverse: il 60% delle nuove case sono appartamenti e solo il 25% sono case unifamiliari, secondo i dati del governo compilato da Bloomberg. Questa incoerenza ha costretto gli offerenti disperati a competere per un’offerta sempre più ristretta di case unifamiliari. Nel 2020, i prezzi record delle case in Canada sono aumentati di quasi il 15%, con solo il Lussemburgo che registra l’aumento maggiore, secondo i dati della Fed di Dallas.

lq94sql

Tuttavia, gli sviluppatori non sembravano rispondere. Sebbene la costruzione di un numero record di nuove case nelle aree metropolitane canadesi sia iniziata a marzo, la percentuale che è stata separata da una singola famiglia in realtà è scesa al 19% dal 24% dell’anno prima, secondo i dati del governo. Mentre questo è migliorato in aprile, i nuovi alloggi iniziati in quel mese hanno generalmente rallentato.

“Se c’è un problema, è nella creazione di nuove forniture”, ha detto Robert Cavic, un economista presso la Bank of Montreal. “Non stiamo più costruendo case unifamiliari. Questo sta accadendo da una prospettiva demografica ed è ciò che il mercato richiede. Quindi siamo un po ‘bloccati su questo fronte”.

Si tratta di atterrare. Mentre il Canada vanta un’area totale di circa 10 milioni di chilometri quadrati (3,9 milioni di miglia quadrate), quasi 40 volte la dimensione del Regno Unito, la maggior parte dei canadesi si riunisce in alcune grandi città non lontane dai confini degli Stati Uniti. Qui è dove sono i lavori. E mentre l’era del lavoro da casa si è espansa in questo raggio per alcuni e ha trasformato tranquille comunità agricole e luoghi del fine settimana nel mercato immobiliare più caldo del paese, la possibilità di tornare in ufficio anche pochi giorni alla settimana è persistita . La maggior parte dei lavoratori sciopera in luoghi molto lontani.

READ  Il partito laburista britannico accusato di politica "divisiva" con un sondaggio che mostra il primo ministro Modi

I fattori specifici della città hanno ulteriormente limitato l’uso del suolo. Vancouver è inserita tra l’Oceano Pacifico e le montagne. Le normative regionali contro l’urbanizzazione hanno trasformato Toronto e Ottawa in isole ai fini dello sviluppo; In effetti, Montreal è un’isola.

“Se pensiamo agli acquirenti di casa per la prima volta che una giovane coppia sta iniziando, è realistico per loro pensare a un appartamento come una casa per principianti dal punto di vista dell’accessibilità”, ha detto Hogg della Royal Bank of Canada. “Questa è la norma per le grandi città globali. Mi sento molto sotto pressione a pensare a qualsiasi grande città globale in cui una singola casa vicino al nucleo urbano sarebbe conveniente”.

Anche il Canada avrà bisogno di più appartamenti, soprattutto perché il primo ministro Justin Trudeau si sta muovendo per aumentare l’immigrazione ai record storici per compensare la tregua della pandemia. Il paese soffre di una carenza di alloggi in generale, con il numero più basso di unità abitative per 1.000 persone tra i paesi del Gruppo dei Sette, secondo un recente rapporto della Bank of Nova Scotia.

Questa pressione significa che la recessione che è emersa negli appartamenti urbani e nei mercati degli affitti nell’ultimo anno dovrebbe essere di breve durata, il che spiega molto bene l’attenzione degli sviluppatori sulla densità. Invece delle restrizioni sulla terra, il principale ostacolo alla costruzione di più appartamenti nelle città canadesi sono le normative locali sulla zonizzazione.

1s75 Como

Julia Zakagnini e suo marito, Daniel Goldsmith, tengono la loro figlia di quattro mesi, Laila, davanti alla loro nuova casa.

Ma anche se venissero costruiti più appartamenti, i canadesi dovrebbero abituarsi a viverci. Julia Zakagnini, massaggiatrice di 42 anni, ha sempre vissuto in appartamenti, dall’infanzia nella periferia di Parigi, in Francia, al periodo trascorso a Montreal dopo la sua immigrazione in Canada. Ma quando la pandemia ha permesso il lavoro a distanza, lei e suo marito hanno acquistato una proprietà separata in una città a circa un’ora fuori città per crescere i loro tre figli.

READ  Una foto del presentatore della BBC che indossa pantaloncini durante una trasmissione in diretta fa breccia in Internet

Tuttavia, con i prezzi delle case che dovrebbero continuare a salire, i futuri canadesi potrebbero vivere un’esperienza più simile a quella che Zakagnini ricorda di Parigi.

“Non conoscevo nessuno che vivesse in una casa”, ha detto. “Questo era davvero per i ricchi, credo.”

(Ad eccezione del titolo, questa storia non è stata modificata da una troupe di NDTV ed è stata pubblicata da un feed comune.)

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post La Cina vieta alle istituzioni finanziarie di servire criptovalute | Notizie economiche ed economiche
Next Post YouTube e YouTube TV inattivo: rapporto utenti 429, altri bug