Il Burnley Everton si unisce alla lista delle partite della Premier League che sono state rinviate a causa del Covid-19

Venerdì è stato annunciato che la partita casalinga del Burnley contro l’Everton del 26 dicembre sarà l’ultima partita della Premier League rinviata a causa dell’epidemia di coronavirus. I casi di Covid-19 all’interno del campo dell’Everton hanno visto i Merseysiders richiedere un rinvio giovedì. Ma quella richiesta iniziale è stata respinta nonostante il boss dell’Everton Rafael Benitez abbia affermato di avere solo nove giocatori decenti in campo a sua disposizione per la partita di Santo Stefano, uno dei giorni più impegnativi del calendario calcistico inglese.

Tuttavia, l’Everton ha dichiarato venerdì che la partita era stata annullata, con una dichiarazione del club che diceva: “La nostra partita della Premier League a Burnley il giorno di Santo Stefano è stata rinviata a causa del numero di casi di coronavirus e infortuni nella nostra squadra”.

La Premier League ha aggiunto di aver preso la “sfortunata” decisione di posticipare la partita dopo una riunione del consiglio di venerdì.

Il consiglio di amministrazione ha esaminato oggi la richiesta del club di posticipare la partita dopo altri infortuni alla sua squadra.

“Hanno concluso che il club non sarà in grado di giocare questo fine settimana a causa di un numero insufficiente di giocatori disponibili per giocare a causa di casi e infortuni di Covid-19”.

Un totale di 13 partite sono state cancellate nelle ultime due settimane mentre la Gran Bretagna combatte un numero record di casi di Covid a causa del tipo di virus Omicron.

Benitez ha detto giovedì di essere “sorpreso” dal fatto che la partita dell’Everton fosse prevista, dopo che altre due partite del Boxing Day – Liverpool vs Leeds e Wolves vs Watford – sono state rinviate a causa di problemi di Covid.

READ  Punti di esperti che preoccupano l'insabbiamento di Rafa; Crepacuore con la star che parte su una sedia a rotelle: OPEN LIVE

“parlando al muro”

Il manager del Tottenham Hotspur Antonio Conte ha dichiarato che l’incontro di giovedì tra la Premier League e tutti i 20 dirigenti della Premier League per discutere dell’escalation della situazione di Covid che colpisce la Premier League è stata una perdita di tempo.

L’incontro virtuale è stato progettato per consentire agli allenatori di esprimere le proprie preoccupazioni su una lista affollata di partite dopo che i club della Premier League hanno deciso di continuare con il programma programmato piuttosto che mettere in pausa la stagione.

Il manager del Manchester City Pep Guardiola ha indicato che l’unico modo in cui le autorità calcistiche affronteranno i problemi di benessere è se i giocatori scioperano.

Ma con la mossa del settore prevista come altamente improbabile, Conte ha affermato che le discussioni con la Premier League erano come parlare di un muro.

“Se devo essere sincero, è stato un incontro in cui abbiamo provato a parlare e alcuni allenatori hanno provato a parlare, a chiedere soluzioni, ma credo che tutto sia stato deciso”, ha detto Conte venerdì.

“Penso che ieri (giovedì) sia stato un muro, ed è per questo che preferisco non entrarci”, ha aggiunto.

Alla domanda in conferenza stampa se le conversazioni fossero una perdita di tempo, l’italiano ha risposto: “Penso di sì. Perché quando hai un muro davanti puoi parlare e chiedere quello che vuoi ma ogni decisione è stata (già) presa. “

Il Tottenham, che è appena tornato da una pausa forzata di due settimane a causa dell’epidemia di COVID-19 del club, dovrebbe ospitare il Crystal Palace domenica prima di visitare il Southampton martedì.

READ  Roger Federer entra nel Round 4, Nick Kyrgios si ritira per infortunio

Il manager del Norwich Dean Smith ha detto che è “folle” aspettarsi che le squadre giochino due partite entro 48 ore nelle circostanze attuali, poiché le Canarie minacciate di retrocessione si preparano ad ospitare l’Arsenal domenica prima di affrontare il Crystal Palace il 28 dicembre.

promozione

“Abbiamo alcuni nuovi casi, ma ne abbiamo altri che stanno tornando”, ha detto Smith. Non siamo sicuri di quanti mancheranno Santo Stefano.

“È pazzesco giocare due partite in 48 ore e dovrebbe esserci una domanda sull’integrità della competizione quando le squadre giocano contro squadre deboli contro altre squadre e questo influisce sulle posizioni del campionato”.

Argomenti citati in questo articolo

Ravenna Bianchi

"Esperto di tv estremo. Fanatico della birra. Amichevole fan del bacon. Comunicatore. Aspirante esperto di viaggi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Oggi stanno scomparendo oltre 150 folli offerte per le vacanze di Amazon
Next Post I funzionari affermano che i primi casi di omicron sono stati rilevati nella contea di Allegheny