Il Brasile punta alla rimonta dopo che il presidente Bolsonaro ha superato le sue aspettative nel sondaggio

Il Brasile punta alla rimonta dopo che il presidente Bolsonaro ha superato le sue aspettative nel sondaggio

È stato un risultato inaspettatamente forte per l’ex capitano dell’esercito Bolsonaro

Rio de Janeiro:

Le elezioni presidenziali in Brasile, amaramente divise, si avviano al ballottaggio il 30 ottobre, con l’incumbent Jair Bolsonaro che ha superato le aspettative di finire secondo con un margine più ampio del previsto sul leader Luiz Inacio Lula da Silva. Lula, un veterano di sinistra che cerca un ritorno alla presidenza, ha ottenuto il 48,4% dei voti contro il 43,2% per il presidente di estrema destra con oltre il 99% dei risultati dei sondaggi, secondo il Tribunale elettorale supremo.

È stato un risultato inaspettatamente forte per l’ex capitano dell’esercito veterano Bolsonaro – e per l’estrema destra brasiliana, che ha anche avuto prestazioni sorprendentemente buone in una serie di importanti gare del Congresso e degli arbitri.

Lula, l’ex presidente estremamente popolare che ha guidato il Brasile dal 2003 al 2010, è stato il favorito per vincere la gara, forse in un round.

Alla vigilia delle elezioni, la principale società di sondaggi Datafolha ha concesso a Lula il 50 percento dei voti contro il 36 percento di Bolsonaro.

Per vincere al primo turno, un candidato deve ricevere più del 50 per cento dei voti.

Invece, Bolsonaro, 67 anni, e Lula, 76 anni, combatteranno ora una battaglia di quattro settimane fino all’ultima campana.

Bolsonaro ha salutato il risultato come una vittoria. “Abbiamo battuto la menzogna oggi”, ha detto ai giornalisti, riferendosi ai sondaggi di opinione che hanno preceduto il voto. “Ora la nostra campagna… sono assolutamente fiducioso. Abbiamo molti risultati positivi da mostrare”.

READ  10.488 nuovi casi di COVID in India; L'Organizzazione mondiale della sanità è "estremamente preoccupata" per la diffusione del virus in Europa

“Cosa sta succedendo al Brasile?”

Lula ha radunato i suoi sostenitori frustrati, giurando: “Vinceremo queste elezioni” in un discorso a centinaia di sostenitori in posa in rosso per il Partito dei Lavoratori in Main Street a San Paolo.

“Continueremo a lottare fino alla vittoria finale”, ha detto.

Ma il risultato non è stato all’altezza delle aspettative per i suoi tifosi, che hanno avuto paura di una brutta gara.

“Sarà una campagna difficile”, ha detto il tifoso del Lula Vivian Lauriano da Silva, che si è riunito con centinaia di altri tifosi per quella che speravano sarebbe stata una celebrazione della vittoria al primo turno nel centro di Rio de Janeiro.

“Ma Lula vincerà”, ha detto il 36enne impiegato del governo. “Io vengo dai bassifondi e ho visto come la gente lo sostiene lì”.

“Non so cosa sta succedendo al Brasile. Il cinquanta per cento della nostra popolazione è malata. Lula è l’unica che può guarire il nostro popolo”, ha detto Jose Antonio Benedetto, 63 anni, con un cartello con la scritta “Amore e verità regneranno”. San Paolo.

Il muscolo di estrema destra si flette

Lula, un ex operaio metalmeccanico uscito dalla povertà estrema per diventare il presidente più popolare nella storia del Brasile, cerca una rivincita dopo essere caduto in disgrazia e aver trascorso 18 mesi in prigione.

È stato condannato per un massiccio schema di corruzione che ha coinvolto la compagnia petrolifera statale Petrobras e ha riguadagnato il diritto di candidarsi l’anno scorso quando la Corte Suprema ha annullato la sua condanna.

Bolsonaro, entrato in carica nel 2018 a causa di un’ondata di rabbia contro l’establishment, ha perso il sostegno del centro politico con il suo stile politico combattivo, le scarse prestazioni economiche, la crescente distruzione della foresta pluviale amazzonica e la carneficina COVID-19.

READ  Relitto del sottomarino Titanic: presunti resti umani Il sottomarino naufragato Titanic è tornato a riva

Ma gode ancora del forte sostegno della base “vangelo, proiettili e manzo”: cristiani evangelici, estremisti della sicurezza e un potente settore dell’agrobusiness.

È stata una buona notte per l’estrema destra in Brasile.

Una serie di ex ministri del governo Bolsonaro e altri alleati hanno vinto gare di frizione per Camera, Senato e governatori.

Nella corsa principale per il governatore di San Paolo, la più popolosa capitale statale e industriale, l’ex ministro delle Infrastrutture di Bolsonaro, Tarcisio de Freitas, ha infranto le aspettative per il 42,6 per cento dei voti contro il 35,5 per cento dell’alleato di Lula Fernando Haddad, che lo affronterà nel deflusso. .

“La squadra di Bolsonarismo ha vinto il primo round”, ha detto Bruna Santos, analista del think tank Wilson Center di Washington.

“Avremo un secondo round in un ambiente radicalmente polarizzato”.

Gli analisti hanno detto che lo stesso Bolsonaro sembrava essere più forte.

“Bolsonaro potrebbe fare di questo un concorso. Invece di un grande ritorno (Lula), potrebbe essere una grande sorpresa”, ha affermato Michael Schifter dell’American Dialogue Foundation.

Il segretario di Stato Anthony Blinken ha affermato che gli Stati Uniti si sono congratulati con il Brasile per le elezioni e hanno espresso fiducia che il secondo turno “si svolgerà nello stesso spirito di pace e dovere civico”.

In vista del voto, Bolsonaro ha trascorso mesi ad attaccare il sistema di voto elettronico del Brasile in quanto vulnerabile alle frodi, suscitando timori per una versione brasiliana delle rivolte del Campidoglio dello scorso anno dopo che il suo modello politico, l’ex presidente Donald Trump, ha rifiutato di accettare la sua perdita elettorale.

READ  I bambini sauditi si travestono per celebrare la tradizione dell'hovercraft

Tutti gli occhi ora saranno puntati su come il boss riproduce la traccia riconfigurata da qui.

(Ad eccezione del titolo, questa storia non è stata modificata dalla troupe di NDTV ed è pubblicata da un feed sindacato.)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *