I venti contrari economici aumentano mentre i leader soppesano i costi per affrontare la Russia

BRUXELLES – L’economia globale si sta dirigendo verso un periodo potenzialmente cupo poiché l’aumento dei costi, la carenza di cibo e altri beni e la continua invasione russa dell’Ucraina minacciano di rallentare la crescita economica e causare una dolorosa recessione globale.

Due anni dopo che la pandemia di coronavirus è emersa e ha lasciato gran parte del mondo paralizzato, i responsabili politici devono affrontare sfide persistenti, tra cui catene di approvvigionamento intasate, blocchi in Cina e il potenziale di una crisi energetica quando le nazioni scaricano petrolio e gas russi. . Queste forze contrastanti hanno fatto sì che alcuni economisti iniziassero a preoccuparsi di una recessione globale poiché diverse regioni del mondo trovano le loro economie danneggiate dagli eventi.

Trovare modi per evitare un rallentamento globale continuando a fare pressione sulla Russia per la sua guerra in Ucraina sarà l’obiettivo principale dei ministri delle finanze del Gruppo dei Sette, che si riuniranno a Bonn, in Germania, questa settimana.

Le sfide economiche affrontate dai governi di tutto il mondo potrebbero iniziare a disfare il fronte unito che le nazioni occidentali hanno mantenuto di fronte all’aggressione russa, comprese le sanzioni radicali progettate per paralizzare la loro economia e gli sforzi per ridurre la dipendenza dall’energia russa.

I politici stanno valutando sottili compromessi mentre valutano come isolare la Russia, sostenere l’Ucraina e mantenere a galla le loro economie in un momento in cui i prezzi stanno aumentando rapidamente e la crescita rallenta.

Le banche centrali di tutto il mondo hanno iniziato ad aumentare i tassi di interesse per aiutare a domare la rapida inflazione, misure che smorzeranno la crescita economica aumentando i costi finanziari e potrebbero portare a un aumento della disoccupazione.

La crescita globale dovrebbe rallentare al 3,6% quest’anno, secondo le previsioni del Fondo monetario internazionale ad aprile, in calo rispetto al 4,4% previsto prima dell’invasione russa dell’Ucraina e del blocco del coronavirus in Cina.

La Commissione europea lunedì ha pubblicato la sua previsione economica rivista, che mostra un rallentamento della crescita al 2,7% quest’anno dal 4% stimato nel suo rapporto invernale. Allo stesso tempo, l’inflazione ha raggiunto livelli record e dovrebbe raggiungere il 6,8% in media per quest’anno. Alcuni paesi dell’Europa orientale stanno registrando incrementi più marcati, con Polonia, Estonia, Repubblica Ceca, Bulgaria e Lituania che devono far fronte a tassi di inflazione superiori all’11%.

La scorsa settimana, Christine Lagarde, presidente della Banca centrale europea, ha segnalato un possibile aumento dei tassi di interesse a luglio, la prima mossa del genere in più di un decennio. A lettera In Slovenia, la signora Lagarde ha paragonato l’Europa a un uomo che “prende un colpo dal destino”.

Eswar Prasad, ex capo della divisione Cina del Fondo monetario internazionale, ha riassunto le sfide che devono affrontare i paesi del G7, affermando che “i loro responsabili politici sono bloccati nel dilemma che qualsiasi inasprimento delle viti sulla Russia limitando gli acquisti di energia stia esacerbando l’inflazione e danneggiando la crescita nel Paese e nelle loro economie”.

READ  Qatargas è solo una soluzione a breve termine al problema delle importazioni italo-russe

Ha aggiunto: “Tali sanzioni, nonostante tutte le giustificazioni morali su cui si basano, portano a perdite economiche sempre più pesanti che a loro volta potrebbero avere conseguenze politiche interne per i leader del G7”.

Tuttavia, gli Stati Uniti dovrebbero esercitare pressioni sui loro alleati affinché continuino a isolare la Russia e fornire maggiori aiuti economici all’Ucraina nonostante i loro problemi economici. I funzionari dovrebbero anche discutere i meriti dell’imposizione di dazi sulle esportazioni di energia russe in vista di un proposto embargo petrolifero europeo che gli Stati Uniti temono possa far aumentare i prezzi limitando le forniture. I responsabili politici discuteranno anche se dovrebbero esercitare pressioni su paesi come l’India affinché annulli le restrizioni all’esportazione di prodotti alimentari di base che stanno esacerbando i prezzi già elevati.

In questo contesto, c’è una crescente urgenza di aiutare a sostenere l’economia ucraina, che secondo il Fondo monetario internazionale ha bisogno di circa 5 miliardi di dollari al mese di aiuti per continuare le operazioni del governo. Il Congresso degli Stati Uniti è vicino all’approvazione di un pacchetto di aiuti da 40 miliardi di dollari all’Ucraina che coprirà alcuni di questi costi, ma il segretario al Tesoro Janet L. Yellen ha chiesto alle sue controparti europee di fornire maggiore assistenza finanziaria.

I ministri delle finanze dovrebbero prendere in considerazione altre misure per fornire soccorso all’Ucraina. C’è un crescente interesse per l’idea di accaparrarsi alcuni dei circa 300 miliardi di dollari di riserve della Banca centrale russa che gli Stati Uniti e i loro alleati hanno congelato per aiutare a finanziare la ricostruzione dell’Ucraina. I funzionari del Tesoro stanno studiando l’idea, ma nutrono dubbi sulla legalità di una tale mossa e sulla possibilità che sollevi dubbi sugli Stati Uniti come luogo sicuro in cui conservare i beni.

Prima della riunione del G7 di questa settimana, i funzionari statunitensi hanno visto in prima persona le sfide economiche che l’Europa deve affrontare. Durante una pausa per incontrare gli alti funzionari a Varsavia lunedì, la Yellen ha riconosciuto il danno che il conflitto in Ucraina sta arrecando all’economia polacca, poiché i funzionari hanno aumentato drasticamente i tassi di interesse per combattere l’inflazione. La Polonia ha assorbito più di tre milioni di rifugiati ucraini e ha dovuto affrontare tagli alle esportazioni di gas dalla Russia.

“Devono affrontare una politica monetaria più rigorosa come fanno con i paesi di tutto il mondo e gli Stati Uniti”, ha detto Yellen ai giornalisti. “Mentre la Polonia sta impegnando enormi spese per rafforzare la sua sicurezza, questo è un difficile atto di equilibrio”.

READ  Perché essere 'Nature Positive' è la chiave del nostro futuro

Una recessione economica potrebbe essere inevitabile in alcuni paesi e gli economisti stanno valutando molteplici fattori mentre misurano la probabilità di una recessione, incluso un forte rallentamento in Cina legato ai blocchi in corso per Covid-19.

La Commissione europea, nel suo rapporto economico, ha affermato che l’UE è stata “la prima tra le economie avanzate a subire un duro colpo”, a causa della sua vicinanza all’Ucraina e della sua dipendenza dall’energia russa. Allo stesso tempo, ha assorbito più di cinque milioni di rifugiati in meno di tre mesi.

Gli analisti di Deutsche Bank hanno affermato questa settimana di ritenere improbabile una recessione in Europa. Al contrario, lunedì Carl B. Weinberg, capo economista di High Frequency Economics, ha avvertito in una nota che con una domanda e una produzione inferiori, “l’economia tedesca sta andando in recessione”. Gli analisti di Capital Economics si aspettavano che Germania, Italia e Gran Bretagna dovessero affrontare recessioni, il che significa che c’è una “ragionevole possibilità” che anche la più ampia zona euro debba affrontare una recessione, definita come due trimestri consecutivi di riduzione della produzione.

Vicki Redwood, consigliere economico capo di Capital Economics, ha avvertito che forti aumenti dei tassi di interesse da parte delle banche centrali potrebbero portare a una deflazione globale.

“Se l’inflazione e le aspettative di inflazione si rivelano più ostinate di quanto ci aspettiamo e di conseguenza i tassi di interesse devono aumentare ulteriormente, è probabile che ci sia una recessione sulla carta”, ha scritto la signora Redwood in una nota ai clienti questa settimana.

Il principale colpevole sono i prezzi dell’energia. In Germania, che era fortemente dipendente dal carburante russo tra le principali economie europee, il settore dell’industria pesante e i consumatori risentono maggiormente della pressione.

All’assemblea generale annuale della società il mese scorso, Martin Brudermüller, CEO del colosso chimico BASF, ha affermato che le spedizioni di gas russe “supportano la competitività del nostro settore”.

Pur chiedendo una riduzione della sua dipendenza, Brudermüller ha comunque ammonito che “se le forniture di gas naturale dalla Russia si interromperanno improvvisamente, causerà danni economici irreversibili” e potrebbe costringere a fermare la produzione.

READ  Walton acquista 3 marchi italiani per produrre 4,8 milioni di compressori all'anno

Le implicazioni del divieto del gas sono state oggetto di accesi dibattiti tra economisti e politici tedeschi, con analisi che vanno da gestibili a catastrofiche. Il flusso di energia è solo uno dei tanti problemi di approvvigionamento nel settore industriale.

L’aumento dei prezzi dei generi alimentari è un’altra preoccupazione tra i ministri delle finanze. Il Tesoro dovrebbe pubblicare un rapporto entro questa settimana che delineerà i piani della Banca Mondiale e di altre istituzioni finanziarie internazionali per combattere la carenza di cibo.

L’arresto delle esportazioni di grano da Ucraina e Russia, che insieme rappresentano il 28% delle esportazioni globali, insieme a interruzioni della catena di approvvigionamento, una grave siccità in India che ha causato il divieto delle spedizioni di grano e chiusure legate al Covid anche in Cina. Ha causato l’aumento dei prezzi dei generi alimentari e l’aumento della fame nel mondo, in particolare in Africa e nel Medio Oriente.

La domanda per i responsabili politici americani ed europei è come controllare gli aumenti dei prezzi senza spingere le loro economie in recessione. La Federal Reserve ha iniziato ad aumentare i tassi di interesse per domare l’inflazione statunitense e il suo presidente, Jerome H. Powell, ha riconosciuto che tagliare i tassi senza danneggiare gravemente l’economia nel suo complesso sarà una sfida.

Martedì, Charlie Scharf, CEO di Wells Fargo, ha dichiarato durante un evento ospitato dal Wall Street Journal che “sarà difficile evitare una sorta di recessione”.

Questo enigma spiega la riluttanza della Banca centrale europea ad aumentare i tassi di interesse. In una colonna positiva, la Commissione europea ha osservato che la disoccupazione nell’eurozona è diminuita, così come il disavanzo pubblico, nonostante l’aumento dei costi associati alla guerra.

Mentre i prezzi dei generi alimentari stanno aumentando in tutto il mondo, il livello di inflazione varia ampiamente. L’inflazione alimentare ha raggiunto il 2,5% in Francia e Irlanda durante i primi tre mesi del 2022 e il 10% nei paesi dell’Europa orientale. Mentre in Turchia e Argentina, dal 60 al 70 percento nel solo marzo, secondo l’analisi della scorsa settimana di ING.

Martedì, in un discorso al Forum economico di Bruxelles, la Yellen ha affermato che le azioni della Russia ricordano che i paesi non dovrebbero scambiare la sicurezza nazionale con energia a basso costo. Ha affermato che è importante ridurre la dipendenza da Russia e Cina e accelerare gli investimenti nelle risorse rinnovabili.

“Nessun paese controlla il vento e il sole”, ha detto la signora Yellen. “Assicuriamoci che questa sia l’ultima volta che l’economia globale è ostaggio delle ostilità di chi produce combustibili fossili”.

Alan Raport riferisce a Bruxelles e Patricia Cohen a Londra.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post Naomi è stata “truccata” da RAW: Ariane Andrews
Next Post Benvenuti a far girare nuovamente Cole Irwin nel prossimo viaggio di A