I turisti stranieri sono fondamentali per la ripresa economica del Giappone dalla pandemia

Yomiuri Shimbun
I visitatori affollano Owakudani, una destinazione turistica ad Hakone, nella prefettura di Kanagawa, a dicembre.

È probabile che i turisti stranieri svolgano un ruolo importante nella salute futura dell’economia giapponese, che è rimasta indietro rispetto ad altri grandi paesi nel riprendersi dagli effetti della pandemia di coronavirus.

Le mosse sono già in corso nel settore del turismo per recuperare il terreno perduto. È prevista l’apertura di numerosi hotel di lusso per accogliere facoltosi turisti stranieri.

Questo aprile, il Bulgari Hotel Tokyo – filiale del marchio italiano di gioielli di lusso – aprirà dal 39° al 45° piano del Tokyo Midtown Yesu, un grattacielo vicino alla stazione di Tokyo. L’hotel dovrebbe essere uno degli alloggi più costosi del paese e si rivolgerà a persone facoltose dal Giappone e dall’estero.

Mitsui Fudosan, che gestisce l’edificio, ha visto il suo reddito legato agli hotel salire a circa il 90% del suo livello pre-pandemia. “La domanda di viaggi dall’Europa e dagli Stati Uniti è stata enorme”, ha affermato il presidente dell’azienda Masanobu Komoda. “È più che sufficiente per compensare la diminuzione dei viaggi di lavoro”.

Nel frattempo, Oryx Group aprirà Karaku, un lussuoso ryokan in stile giapponese con un bagno all’aperto in ogni stanza, ad Atami, nella prefettura di Shizuoka, entro la fine dell’anno. Un altro ryokan affiliato al gruppo ad Hakone, nella prefettura di Kanagawa, sta andando abbastanza bene — anche se una notte costa più di 100.000 yen in alta stagione — con il 20% degli ospiti provenienti dall’estero, secondo l’operatore.

“Sempre più ospiti stranieri non vedono l’ora di sperimentare il lusso in stile giapponese”, ha affermato Naruo Fujii, direttore generale del ryokan Hakone.

READ  Opinione: L'aumento del modello delta rallenterà la ripresa economica, la colpa è dei governi impazienti

Circa 31,88 milioni di persone hanno visitato il Giappone nel 2019, spendendo circa 4,8 trilioni di yen, ovvero circa l’1% del PIL del paese. Ma le restrizioni all’ingresso dovute alla pandemia hanno spazzato via la maggior parte di questi vantaggi. La ricaduta della pandemia è stata diffusa perché l’industria del turismo ha un’ampia base che include alloggi, trasporti e vendita al dettaglio, con ben 5 milioni di persone coinvolte nelle industrie correlate, secondo una stima.

Secondo il Fondo monetario internazionale, nel 2020 la diffusione del nuovo coronavirus ha causato forti cali economici in tutto il mondo. cresciuto. Solo al livello dell’1%.

“Il Giappone è stato in ritardo nel vaccinare la sua gente e anche nel prendere la successiva decisione di normalizzare la sua economia”, ha affermato Keiji Kanda, capo economista del Daiwa Research Institute Ltd..

Il Giappone è stata l’ultima tra le nazioni del G7 ad allentare i severi controlli alle frontiere, attirando le critiche della comunità imprenditoriale. Il presidente della Japan Business Confederation (Keidanren) Masakazu Tokura si è lamentato del ritardo, descrivendo la situazione del Giappone come “uno stato di isolamento”.

I controlli alle frontiere in Giappone hanno finalmente iniziato ad allentarsi gradualmente nel 2022 e, a novembre, il numero di visitatori è rimbalzato a 930.000, circa il 40% rispetto al livello di tre anni fa. Si prevede che questo aumento rafforzerà la ripresa economica nel paese e si prevede che il tasso di crescita in Giappone nel 2023 sarà dell’1,6%, superiore a quello degli Stati Uniti e dei paesi europei, che attualmente soffrono di prezzi elevati .

Il rapido deprezzamento dello yen negli ultimi sei mesi ha portato a un afflusso di capitali dal Giappone, che importa gran parte della sua energia e cibo. A causa dello yen più debole, il consumo dei visitatori è una delle poche fonti di valuta estera per la nazione, poiché i turisti beneficiano di beni e servizi più economici nel paese.

READ  I mercati azionari europei oggi: commercio, apertura e chiusura

Il governo ha fatto dell’attrazione di visitatori dall’estero un pilastro centrale della sua strategia di crescita e ha fissato l’obiettivo di aumentare il numero di visitatori a 60 milioni entro il 2030. La chiave per rilanciare l’economia giapponese sarà se il governo sarà in grado di rendere l’industria del turismo resiliente e sostenibile aumentando il prezzo per unità di consumo e attirando i visitatori nelle regioni regionali.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Come osservare la “cometa verde” mentre si avvicina al suo punto più vicino in 50.000 anni
Next Post La Columbia Britannica, l’Alberta, il Quebec e l’Isola del Principe Edoardo emettono inviti a presentare domanda per l’immigrazione provinciale