I talebani incontrano il combattente Ahmed Masoud, che ha lanciato la resistenza nell’ultimo campo afghano, il Panjshir

Ci sono notizie secondo cui Ahmed Masoud ha organizzato la resistenza con altri leader afghani in esilio. (un file)

Accettazione:

Lunedì, il ministro degli Esteri talebano ha affermato di aver tenuto colloqui in Iran nel fine settimana con Ahmed Masoud, figlio del defunto leader della resistenza afghano Ahmad Shah Masoud, e di aver assicurato la sua sicurezza se fosse tornato a casa.

Le forze della valle del Panjshir guidate da Massoud hanno offerto la loro ultima resistenza a settembre alla conquista talebana dell’Afghanistan, settimane dopo la resa delle forze governative.

In un video pubblicato lunedì dai media statali su Twitter, il ministro degli Esteri Amir Khan Muttaki ha affermato di aver incontrato anche Ismail Khan, il signore della guerra nella provincia di Herat che si è arreso ai talebani e ha lasciato il Paese.

I talebani avevano annunciato la partenza di Mottaki per Teheran per colloqui con funzionari iraniani, ma non hanno menzionato alcun piano per incontrare i leader in esilio.

“Abbiamo incontrato il comandante Ismail Khan, Ahmed Masoud e altri afgani in Iran e abbiamo assicurato loro che chiunque può venire in Afghanistan e vivere senza paure”, ha detto Mottaki nel video.

“E’ una casa per tutti e non creiamo insicurezza o altri problemi a nessuno”, ha detto, “tutti possono venire liberamente e vivere”.

La valle del Panjshir è famosa per essere stata il luogo della resistenza delle forze sovietiche negli anni ’80 e dei talebani alla fine degli anni ’90, durante il loro primo periodo al potere.

La sua figura più rispettata è Ahmed Shah Massoud, meglio conosciuto come il “Leone del Panjshir”, assassinato nel 2001 da al-Qaeda due giorni prima degli attacchi dell’11 settembre.

READ  Il Qatar non si assumerà la responsabilità dell'aeroporto di Kabul senza un chiaro accordo con i talebani

Da allora, suo figlio ha ripreso il ruolo e ci sono state notizie di lui che ha organizzato resistenza con altri leader afghani in esilio.

Il Fronte di Resistenza Nazionale guidato da Massoud ha ripetutamente denunciato i talebani – definendolo un “governo illegittimo” – ma non sembra aver lanciato attacchi fisici.

L’ex presidente afghano Ashraf Ghani è fuggito dal paese con diversi alti funzionari mentre i talebani si avvicinavano a Kabul, ma molti altri leader di spicco sono rimasti, incluso l’ex capo di stato Hamid Karzai.

I talebani hanno promesso un’amnistia generale a tutti gli oppositori e critici dopo aver preso il potere, ma i gruppi per i diritti umani affermano che almeno 100 persone legate al precedente regime sono state uccise da allora.

Un eminente professore universitario afgano e schietto critico dei talebani è stato arrestato a Kabul lo scorso fine settimana dopo aver parlato ripetutamente in televisione contro i nuovi governanti del Paese.

Gli islamisti intransigenti hanno rapidamente represso il dissenso, disperso con la forza le proteste per i diritti delle donne e arrestato brevemente diversi giornalisti afgani.

(Ad eccezione del titolo, questa storia non è stata modificata dalla troupe di NDTV ed è pubblicata da un feed sindacato.)

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Kawani e Rashford guidano l’attacco
Next Post Tencent si avvicina a un accordo con il produttore di smartphone nel principale lotto del Metaverse