I talebani hanno giurato di non vendicarsi e una famiglia afghana racconta una storia diversa

Miliziani talebani hanno distrutto parte della casa ancestrale di Omar a Kodi Khel. Reuters

Quando il mese scorso i talebani hanno ripreso il controllo della provincia orientale afgana di Nangarhar, hanno deciso di regolare i conti con un vecchio nemico. Durante la ricerca dell’importante politico locale Ajmal Omar, che un anno fa ha aiutato a cacciare i militanti dal distretto di Nangarhar e ha cercato di dissuadere i giovani afgani dal unirsi a loro, i talebani hanno fatto esplodere esplosivi a casa dei suoi nonni.

Hanno anche saccheggiato oro e auto, e arrestato e frustato molti dei suoi parenti nel tentativo di localizzarlo. Due dei loro parenti hanno raccontato gli eventi che hanno detto essere stati presi di mira nelle rappresaglie, 10 funzionari locali e residenti che hanno assistito o erano a conoscenza degli incidenti e un ex funzionario dell’intelligence afghana.

Le immagini delle fonti, che Reuters non ha potuto verificare in modo indipendente, mostrano ingenti danni alla proprietà e membri della famiglia con ferite che si dice siano stati causati dallo sciopero dei talebani. Omar, 37 anni, si è nascosto.

Ha rifiutato di commentare questa storia citando problemi di sicurezza. Poco dopo la presa del potere da parte dei talebani il 15 agosto, il movimento islamista ha cercato di rassicurare la comunità internazionale e i suoi ex avversari dicendo che non ci sarebbero state rappresaglie.

La famiglia di Omar ha affermato che la loro esperienza è in conflitto con questo impegno. “Nessuno di noi immaginava di essere preso di mira in questo modo”, ha detto uno dei parenti di Omar, chiedendo di non essere nominato.

“I talebani hanno detto che non avrebbero punito nessuno che avesse lavorato con il precedente regime, ma nel nostro caso hanno fatto l’esatto contrario”.

I portavoce dei talebani non hanno risposto alle domande sugli eventi descritti dalla famiglia di Omar e dai residenti locali o sui suoi sforzi per aiutarli a sconfiggerli. Un ministro del governo talebano ha detto a Reuters che i comandanti di tutto il paese hanno preso d’assalto le case e gli uffici di ex funzionari del governo per sequestrare armi e armature, ma non era a conoscenza della punizione inflitta alla famiglia di Omar. E la scorsa settimana, il ministro della difesa del gruppo, il mullah Muhammad Yaqoub, ha rimproverato il comportamento di alcuni combattenti dopo la vittoria dei talebani. Non è entrato nei dettagli. Ha detto che “noti ex soldati e miscredenti” si sono uniti ai ranghi dei talebani e hanno commesso crimini che vanno dall’occupazione di ministeri e uffici governativi a due o tre omicidi segnalati. “Siete tutti a conoscenza dell’amnistia generale annunciata in Afghanistan e nessun mujahid ha il diritto di vendicarsi di nessuno”.

READ  L'ufficiale di polizia britannico ammette il rapimento e lo stupro di Sarah Everard | Notizie sui tribunali

social media

I talebani hanno brutalmente attuato la loro versione della legge islamica durante il loro precedente governo dal 1996 al 2001, effettuando lapidazioni e amputazioni pubbliche e impedendo alle donne di lavorare e alle ragazze di andare a scuola. Hanno detto che questa volta rispetteranno i diritti delle persone e non daranno la caccia ai nemici, tuttavia, decine di migliaia di persone sono fuggite dal paese temendo per la loro sicurezza e il futuro in caso di una caotica evacuazione da Kabul.

Molti altri si stanno nascondendo. Centinaia di post sono stati pubblicati sui siti di social media che mostrano immagini sgranate di telefoni cellulari di uomini armati che perquisiscono case, picchiano le persone per strada e le raccolgono in auto. Diversi ex funzionari, personale militare e altri vicini al governo crollato hanno affermato che si erano verificate rappresaglie.

Reuters non è stata in grado di verificare i propri account. Alcuni intervistati da Reuters hanno affermato di avere troppa paura di condividere pubblicamente le loro esperienze. La storia di Omar è uno dei resoconti più dettagliati fino ad oggi della vendetta dei talebani su coloro che hanno lavorato con il governo appoggiato dall’Occidente, in particolare quelli che hanno combattuto per eliminare il gruppo dall’Afghanistan.

sulla mia strada

Secondo i residenti, i talebani hanno da tempo preso di mira Cody Khel, un remoto villaggio in una valle punteggiata di meleti e limoni nelle montagne dell’est del paese. I residenti hanno affermato che dopo essere stati estromessi dal potere nel 2001, il villaggio e il distretto circostante di Sherzad sono stati bombardati con missili mentre i talebani cercavano di riprendere il controllo della strada strategica per il Pakistan. Omar era un importante proprietario locale della terra in cui la sua famiglia aveva una vasta villa murata di 22 stanze. In qualità di vice capo del consiglio provinciale, ha guidato gli sforzi strategici per cacciare i talebani dal distretto lo scorso anno.

READ  Al-Qaeda potrebbe attaccare gli Stati Uniti dall'Afghanistan entro un anno: rapporto | notizie dal mondo

Diversi militanti sono rimasti feriti nei combattimenti, così come alcuni soldati afgani. Prima di ciò, dalla sua elezione nel 2014, Omar aveva trascorso la maggior parte del suo tempo spostandosi da un villaggio all’altro cercando di persuadere al-Shabaab ad unirsi alle forze sostenute dagli Stati Uniti che combattevano i ribelli, secondo i residenti. In una provincia che è stata a lungo un focolaio di attività talebane, questa attività può essere rischiosa. Tre membri del Consiglio di Nangarhar sono stati uccisi in vari attacchi negli ultimi cinque anni. Un ex membro del consiglio ha detto che Omar si stava recando a un raduno l’anno scorso per celebrare la vittoria dell’esercito afghano locale quando i combattenti talebani hanno attaccato un convoglio di auto su cui viaggiava, uccidendo due persone.

Il 13 agosto, quando i talebani hanno ripreso Cody Khel con un attacco maldestro in tutto il paese, i residenti hanno affermato che era stato loro ordinato di rimanere a casa mentre i combattenti cercavano Omar. I militanti talebani hanno trovato la casa di Omar vuota, fatta eccezione per alcuni domestici a cui è stato ordinato di andarsene. Auto e altri oggetti di valore sono stati sequestrati e diversi esplosivi sono esplosi, facendo crollare parti del muro perimetrale e trasformando le stanze in macerie, secondo interviste con parenti e residenti locali che hanno sentito e visto le conseguenze delle esplosioni. Omar, che si trovava a una riunione di crisi del consiglio provinciale a Jalalabad, capitale di Nangarhar, dove stava discutendo con altri su come respingere l’avanzata dei talebani, ha presto appreso della ricerca. È fuggito nella capitale, Kabul, che era ancora sotto il controllo della precedente amministrazione, ed è ancora nascosta, secondo due suoi parenti.

READ  Aggiornamenti in tempo reale sulla crisi dei talebani e dell'Afghanistan: la Cina afferma di aver stabilito una "comunicazione aperta ed efficace" con i talebani

La provincia di Nangarhar è caduta in mano ai talebani dopo pochi giorni. Il 3 settembre, combattenti talebani armati in uniforme militare hanno fatto irruzione nella residenza ufficiale di Omar a Jalalabad, hanno detto due membri della famiglia presenti. Hanno preso i suoi tre figli, cinque nipoti e un fratello in custodia e hanno confiscato oro, contanti, automobili, un’auto blindata e alcune armi che ha usato per proteggersi.

Da allora tutti i parenti sono stati rilasciati. Uno dei suoi parenti ha detto che lui e altri sono stati frustati e gettati in una stanza senza finestre. Ha condiviso foto di ferite che mostravano le sue membra coperte da pesanti bende e pelle contusa, e un altro parente ha detto che è stato rinchiuso in una stanza per tre giorni e torturato. Reuters non ha potuto confermare in modo indipendente il suo account

Non vede alcun futuro per sé e la sua famiglia in Afghanistan sotto il dominio dei talebani. La moglie di Omar, i figli, quattro fratelli, cinque sorelle e le loro famiglie vivono tutti in Afghanistan e sono tenuti nascosti. I parenti hanno detto che Omar si sta attualmente facendo crescere i capelli e la barba, spostandosi di casa in casa cercando di sfuggire ai talebani nella speranza di trovare un modo per lasciare il paese.

(Questa storia non è stata modificata dalla troupe di NDTV ed è generata automaticamente da un feed condiviso.)

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Nick Cannon nasconde il “full face” del jet privato di Kevin Hart per promuovere il suo nuovo spettacolo
Next Post Le storie di Jurassic World Evolution 2 sono storie canoniche