I talebani dicono che ora controllano l’85% dell’Afghanistan

I talebani hanno affermato venerdì che ora controllano l’85% del territorio afgano in mezzo a un’ondata di vittorie territoriali mentre le forze statunitensi completano il loro ritiro dal paese devastato dalla guerra.

L’annuncio è arrivato in una conferenza stampa a conclusione di una visita di una delegazione talebana di alto rango a Mosca questa settimana – un viaggio inteso a fornire assicurazioni che i rapidi guadagni dei militanti in Afghanistan non minacciano la Russia o i suoi alleati dell’Asia centrale.

Questa affermazione, impossibile da verificare, era molto più alta delle precedenti dichiarazioni talebane secondo cui più di un terzo dei 421 distretti e centri distrettuali del paese erano sotto il loro controllo. Non c’è stata una risposta immediata da parte del governo di Kabul all’ultima accusa.

All’inizio di questa settimana, l’avanzata dei talebani ha costretto centinaia di soldati afgani a fuggire oltre il confine in Tagikistan, che ospita una base militare russa. Il Tagikistan, a sua volta, ha chiamato 20mila soldati di riserva per rafforzare il confine meridionale con l’Afghanistan. Funzionari russi hanno espresso preoccupazione per il fatto che un aumento dei talebani potrebbe destabilizzare gli ex stati sovietici dell’Asia centrale nel nord dell’Afghanistan.

Da sinistra, Sohail Shaheen, Maulvi Shahabuddin Dilawar e Muhammad Naeem, membri di una delegazione politica talebana afgana, arrivano a una conferenza stampa a Mosca, Russia, venerdì 9 luglio 2021 (AP)

Da metà aprile, quando il presidente Joe Biden ha annunciato la fine della “guerra eterna” in Afghanistan, i talebani hanno fatto passi da gigante in tutto il Paese. Di recente hanno invaso dozzine di province, assumendone il controllo, spesso senza combattere. Nell’ultima settimana hanno sequestrato i valichi di frontiera con il Tagikistan e l’Uzbekistan e giovedì con l’Iran.

READ  Secondo le stime degli Stati Uniti, la Russia potrebbe aver accumulato fino a 190.000 dipendenti vicino al confine con l'Ucraina

Tuttavia, sulla stampa russa, i talebani hanno promesso di non attaccare o sequestrare con la forza i capoluoghi di provincia, sperando in una “soluzione politica” con Kabul.

“Non conquisteremo i capoluoghi di provincia in modo da non uccidere un cittadino afghano”, ha affermato il negoziatore talebano Maulvi Shahabuddin Dilawar.

Il Delaware ha affermato che sono state date garanzie alle autorità afgane, insieme alla richiesta che più prigionieri talebani vengano rilasciati dalle carceri afgane. Ha aggiunto che i talebani ora controllano l’85% del territorio afghano.

FILE- Sabato 13 febbraio 2021, un’immagine fissa è stata presa da un video, che mostra il fumo che sale dalle autocisterne al confine di Islam Qala con l’Iran, nella provincia di Herat, a ovest di Kabul, in Afghanistan. (AFP)

I talebani hanno anche promesso che “non permetterà a nessuna persona, individuo o entità di utilizzare il territorio dell’Afghanistan contro il paese vicino, il paese regionale e lo stato mondiale, inclusi gli Stati Uniti e i loro alleati”.

Non vogliamo litigare. “Vogliamo una soluzione politica attraverso negoziati politici”, ha detto Mohammad Sohail Shaheen, un portavoce dei talebani. Rappresentanti talebani hanno parlato tramite un interprete.

I media iraniani hanno riferito venerdì che i talebani stavano controllando due valichi di frontiera tra Afghanistan e Iran, inclusa la principale via di transito di Islam Qala che è stata sequestrata giovedì. La radio ufficiale iraniana ha affermato che 300 soldati e civili afgani sono sfuggiti all’avanzata talebana e si sono infiltrati oltre il confine in Iran.

In una foto di file di mercoledì 18 marzo 2020, migliaia di rifugiati afgani camminano mentre entrano in Afghanistan al valico di frontiera di Islam Qala con l’Iran, nella provincia occidentale di Herat. (AFP)

READ  Un uomo vestito da primo ministro britannico Boris Johnson è inseguito dalla polizia, il video si sta diffondendo rapidamente

I combattimenti si sono svolti venerdì nel sud di Kandahar, vicino alla capitale provinciale, e il governo ha inviato più truppe per proteggere la prigione dai tentativi dei talebani di attaccarla e liberare i detenuti.

Mosca, che ha combattuto una guerra di 10 anni in Afghanistan terminata con il ritiro delle forze sovietiche nel 1989, sta facendo un ritorno diplomatico come mediatrice, raggiungendo le fazioni afghane rivali mentre competono con gli Stati Uniti per l’influenza nel paese.

Ha ospitato diversi cicli di colloqui sull’Afghanistan, l’ultimo dei quali a marzo, a cui hanno partecipato i talebani, nonostante la Russia l’abbia designato come organizzazione terroristica.

In risposta a una domanda sulla visita di questa settimana e sulla designazione del terrorista, il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha affermato venerdì che i contatti di Mosca con i talebani “sono necessari, data la gravità dello sviluppo della situazione in Afghanistan e come si sta sviluppando la situazione in confine tra Afghanistan e Tagikistan”.

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post Biden sembra controllare le grandi forze economiche dietro la nave e il treno
Next Post Colors of Sonic: Ultimate Trailer mostra un sacco di grandi cambiamenti