I talebani allo zoo di Kabul si mescolano a famiglie e bambini

La relativa calma dello zoo è stata interrotta quando un talebano ha afferrato un cervo per le corna.

Accettazione:

I soldati talebani abbracciano i fucili AK-47 e M16 e si mescolano tra le famiglie allo zoo di Kabul, una nuova esperienza per molti giovani combattenti dell’Afghanistan rurale.

Mentre i visitatori allestivano aree per picnic nei terreni ombreggiati per gustare gelati e semi di melograno salati, militanti talebani armati fino ai denti hanno studiato luoghi che ospitano leoni, leopardi, cammelli, lupi, struzzi e macachi.

Dopo anni di combattimenti in campagna, catturare la capitale è stata la prima volta che molti sono entrati in una grande città, figuriamoci in uno zoo.

Si fanno selfie e posano per le foto di gruppo, ma la relativa calma viene improvvisamente capovolta quando qualcuno afferra un cervo per le corna e i suoi amici ridono.

in posa con le pistole

Dopo la preghiera del venerdì, decine di combattenti talebani armati – molti senza armi – sono usciti indossando cappelli, turbanti e scialli tradizionali. Alcuni indossavano il trucco per gli occhi che è popolare tra gli uomini afgani.

Un membro dei talebani, il 40enne Abdul Qadir, che ora lavora per il Ministero degli Interni, ha detto di essere uscito con un gruppo di amici maschi.

“Mi piacciono molto gli animali, soprattutto quelli che si trovano nel nostro paese”, dice. “Mi piace molto il nero.”

Quando gli è stato chiesto della presenza armata – di cui non aveva mai sentito parlare in altri zoo del mondo – ha detto che i talebani sono favorevoli a vietare l’ingresso di armi nel luogo in modo che “bambini o donne non abbiano paura”.

READ  Il famoso cardiologo di origine indiana Sujata Das tra i 2 morti in un incidente aereo in California

Lo zoo è stato a lungo un paradiso per donne, bambini e giovani innamorati in una capitale dove non c’è spazio pubblico per nessuno tranne che per gli uomini.

Sei uomini armati della direzione dei servizi segreti talebani – in piena uniforme militare, nastro da combattimento pieno di munizioni e manette d’acciaio, copricapo e ginocchiere – si sono riuniti per una foto di squadra con un mullah vestito di turbante.

Il fotografo incaricato coordina lo scatto, che viene successivamente esaminato attentamente dal gruppo.

L’approvazione di un combattente della bandiera dei talebani è apparsa dalla sua borsa della rivista, indicando la loro approvazione.

Più tardi, un altro gruppo di uomini armati ha mostrato le armi ai ragazzi di appena otto anni, che stavano scattando foto con i loro telefoni cellulari.

Non ci sono pistole nello zoo

Il capolavoro è un leone, chiamato semplicemente “il leone bianco”, che dorme su un tetto nella sua circonferenza, dell’area di circa 20 metri per 30 metri.

Uno dei residenti più ricchi dello zoo era Marjan, un leone maschio che era un simbolo della sopravvivenza afghana durante i colpi di stato, le invasioni, la guerra civile e il primo dominio talebano, fino alla sua morte nel 2002.

Una statua in bronzo di un grosso felino, una volta ferito in un attacco con una granata, saluta i visitatori durante il loro cammino, mentre una targa sulla sua tomba recita: “Qui giaceva Corallo, che aveva ventitré anni. Era il leone più famoso del mondo.”

Un’altra attrazione popolare è l’acquario e la casa dei rettili, in cui ci sono donne Niqab e burqa e una barriera Prenditi cura delle ragazze e dei ragazzi intorno ai carri armati.

READ  RT-PCR Share Cut, "Gold Standard" diventa "Standard" per la virata centrale

Il serpente è avvolto in un grande recinto di vetro dove pesci rossi, pesci gatto e tartarughe nuotano in vasche che costeggiano le pareti.

Sameer, che è a Kabul in attesa di tornare a Londra dove vive, è allo zoo con il figlio e il nipote.

Dice che hanno avuto “tempi molto duri” da quando i talebani sono saliti al potere a metà agosto.

“Non ci aspettavamo che (i talebani) arrivassero così rapidamente. È pacifico a Kabul, ma è lo stesso, la gente non si sente al sicuro”.

Incastonato tra ripide colline e vicino al fiume Kabul, l’ingresso allo zoo costa 40 centesimi agli afgani, anche se alcuni soldati talebani entrano senza pagare, ignorando sfacciatamente il cartello che dice “non ci sono armi nello zoo”.

(Ad eccezione del titolo, questa storia non è stata modificata dalla troupe di NDTV ed è pubblicata da un feed sindacato.)

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Lodge rivela quanto il trasferimento dell’Arsenal fosse vicino all’uomo di Valves
Next Post I trucchi stanno già rovinando la beta multiplayer di Call of Duty: Vanguard