I talebani affermano che gli afghani che hanno lavorato con le forze straniere saranno al sicuro | Notizie talebane

Group afferma che gli afgani che hanno lavorato con gli Stati Uniti e la NATO negli ultimi 20 anni non hanno nulla da temere finché mostrano “rammarico”.

I talebani affermano che le persone che hanno lavorato con le forze straniere in Afghanistan saranno al sicuro fintanto che mostreranno “pentimento” e non dovranno lasciare il paese devastato dalla guerra.

Una dichiarazione rilasciata lunedì dal gruppo armato ha dichiarato: “Non saranno in pericolo dalla nostra parte… Nessuno dovrebbe lasciare il paese ora”.

“L’Emirato Islamico desidera informare tutte le suddette persone della necessità di mostrare rimorso per le loro azioni passate e di non impegnarsi in tali attività in futuro che equivalgono a tradimento contro l’Islam e la patria”.

La dichiarazione è arrivata mentre le forze statunitensi e della NATO continuano a ritirarsi, dopo che il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha fissato l’11 settembre come scadenza per porre fine al coinvolgimento militare ventennale di Washington nel paese.

Migliaia di afgani hanno lavorato con le forze internazionali negli ultimi 20 anni come interpreti, guardie di sicurezza e assistenti in altre posizioni.

Temono ritorsioni talebane una volta che le forze straniere se ne saranno andate. Molti hanno richiesto visti speciali per lasciare il Paese.

Diversi paesi, tra cui Stati Uniti, Germania e Gran Bretagna, hanno programmi per reinsediare i propri dipendenti locali.

Secondo i dati dell’ambasciata, all’ambasciata degli Stati Uniti a Kabul sono ancora pendenti le domande per circa 18.000 afgani in cerca di visti speciali per immigrati.

Migliaia di persone sono già state reinsediate nei paesi con cui hanno lavorato.

La scorsa settimana i talebani hanno anche cercato di calmare le ambasciate straniere dopo la chiusura della missione australiana a Kabul.

READ  Gli utenti di sedia a rotelle in Cina evitano il traffico fuoristrada per conoscerli

Il gruppo ha affermato che fornirà un “ambiente sicuro” per consentire a queste missioni di operare anche dopo che le forze straniere hanno lasciato il paese.

Secondo No One Left Behind, una ONG statunitense, dal 2016 sono state uccise circa 300 persone che lavoravano come dipendenti militari statunitensi locali o come loro familiari.

In passato, i talebani hanno affermato che gli afgani che lavorano con gli “invasori” erano “traditori” o “schiavi”.

Il gruppo ha invitato questi afghani a “mostrare rimorso per le loro azioni passate” e ha affermato che non dovrebbero impegnarsi in tali attività in futuro.

“Li consideravamo nostri nemici quando erano direttamente nelle file dei nostri nemici”, ha aggiunto la dichiarazione.

“Ma quando abbandoneranno i ranghi del nemico e sceglieranno di vivere come normali afghani nella loro patria, non avranno problemi”.

È dubbio che i dipendenti locali si fideranno di queste affermazioni.

Anche gli utenti di Twitter che sostengono i talebani esprimono regolarmente idee su come trattare con il personale locale dopo il ritiro delle truppe.

Molti di questi non sono in linea con la dichiarazione di lunedì. Dicono, tra l’altro, che nessuno può perdonare chi lavorava per gli stranieri.

Negli ultimi due decenni, decine di traduttori afgani sono stati uccisi e torturati in attacchi mirati da parte dei talebani.

Nelle ultime settimane, molti di questi afgani hanno organizzato manifestazioni a Kabul, invitando le forze straniere e le ambasciate con cui hanno lavorato a trasferirli fuori dall’Afghanistan.

“Ci stanno seguendo”, ha detto la scorsa settimana all’AFP Omid Mahmoud, un traduttore che ha lavorato con le forze statunitensi tra il 2018 e il 2020.

READ  Confronto su Twitter: Scontri tra netizen pro-Netanyahu e anti-Netanyahu dopo essere stati estromessi dal premier israeliano

I talebani non ci risparmieranno. Ci uccideranno e ci taglieranno la testa».

Un altro traduttore, Omar, che ha lavorato con l’ambasciata Usa per 10 anni, temeva che senza lasciare il Paese non sarebbe fuggito a lungo dai talebani.

“Mi pento di lavorare negli Stati Uniti. È stato l’errore più grande della mia vita”, ha detto Omar, che ha chiesto all’AFP di non usare il suo nome completo. “Mio zio e i miei cugini mi chiamano un agente d’America”.

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Wetbush afferma che Tesla potrebbe aumentare del 67% poiché raccoglie i vantaggi della “trasformazione della domanda dei consumatori” per i veicoli elettrici in Cina
Next Post GitHub: ecco come cambiamo le nostre regole sulla ricerca su malware e vulnerabilità