I sintomi prolungati del COVID possono dipendere dalla variante con cui la persona è stata infettata

il nuovoOra puoi ascoltare gli articoli di Fox News!

Diverse varianti di SARS-CoV-2, il virus che causa il COVID, possono innescare diversi sintomi prolungati del COVID, secondo uno studio che sarà presentato in Congresso Europeo di Microbiologia Clinica e Malattie Infettive (ECCMID 2022) a Lisbona il prossimo mese.

Ricercatori italiani hanno suggerito che gli individui infettati dalla variante alfa mostrassero sintomi emotivi e neurologici diversi rispetto a quelli infettati dalla forma originale di SARS-CoV-2, un rilascio precoce di ECCMID. per quanto riguarda studia.

FILE – In questa foto del 20 aprile 2020, il medico residente Leslie Putrell si trova fuori da una stanza dell’unità di terapia intensiva mentre un’infermiera aspira i polmoni di un paziente infetto dal nuovo coronavirus al St. Joseph Hospital di Yonkers, New York.
(Foto AP/John Minchillo, File)

Lo studio condotto dal Dott. Michele Spinichi e colleghi dell’Università di Firenze e dell’Azienda Ospedaliera Universitaria di Careggi in Italia, ha condotto uno studio retrospettivo su 428 pazienti curati in un servizio ambulatoriale dopo il COVID presso l’Azienda Ospedaliera Universitaria di Careggi tra giugno 2020 e giugno 2021. Secondo il comunicato, quello era il periodo in cui la forma originale di SARS-CoV era -2 La variante Alpha colpisce la popolazione.

Il papà single riceve una donazione di reni da un perfetto sconosciuto che è uscito sui social media

Secondo il rapporto, almeno tre quarti di 325/428 (76%) di I pazienti Hai segnalato almeno un sintomo in corso. I sintomi più comuni riportati dalla coorte alta di pazienti COVID erano mancanza di respiro (37%) e affaticamento cronico (36%). È stato seguito da problemi di sonno (16%), nebbia cerebrale (13%) e problemi visivi (13%), secondo la dichiarazione.

READ  Il presidente della NASA Bill Nelson parla di razzi, piani lunari e partnership

L’analisi dei ricercatori ha suggerito che gli individui con casi gravi, che richiedevano farmaci immunosoppressori come il tocilizumab, avevano sei volte più probabilità di riportare sintomi COVID prolungati e quelli trattati con supporto di ossigeno ad alto flusso avevano il 40% in più di probabilità di manifestare sintomi a lungo termine .

La dichiarazione ha anche osservato che, rispetto agli uomini, le donne avevano il doppio delle probabilità di riportare sintomi COVID prolungati. Gli autori osservano che i pazienti con diabete di tipo 2 sembrano avere meno probabilità di sviluppare sintomi COVID prolungati e affermano che sono necessari ulteriori studi per comprendere meglio questo risultato.

Una donna d'affari dorme spegnendo il suo laptop mentre lavora, il nuovo concetto normale di affaticamento, o lavorando a casa a tarda notte durante la pandemia di COVID-19.

Una donna d’affari dorme spegnendo il suo laptop mentre lavora, il nuovo concetto normale di affaticamento, o lavorando a casa a tarda notte durante la pandemia di COVID-19.
(istock)

Dopo un’ulteriore valutazione del lungo corona virus sintomiI ricercatori hanno rilevato un cambiamento sostanziale nel pattern dei problemi neurologici e cognitivi/emotivi segnalati dai pazienti infetti tra marzo e dicembre 2020, quando era prevalente il virus SARS-COV-2 originale, rispetto a quelli segnalati dai pazienti infetti tra gennaio. e aprile 2021 quando Alpha era l’alternativa dominante.

SUBVARIANT OMICRON BA.2: i funzionari sanitari lo chiamano “un tipo diverso di preoccupazione”

La dichiarazione affermava che i ricercatori hanno scoperto che quando la variante alfa era il ceppo dominante, la prevalenza di dolori muscolari, insonnia, nebbia cerebrale e ansia/depressione aumentava in modo significativo, mentre la perdita dell’olfatto, la disgeusia (un senso del gusto distorto) , e l’ipoacusia erano meno comuni.

intervenne il dottor Spinicci pubblicazione. “La lunga durata e l’ampia gamma di sintomi ci ricordano che il problema non andrà via e che dobbiamo fare di più per sostenere e proteggere questi pazienti a lungo termine. La ricerca futura dovrebbe concentrarsi sui potenziali effetti di variabili preoccupanti e sulla vaccinazione per stato sintomatico persistente”.

READ  Colonscopia: cosa sapere dopo che lo studio mette in dubbio la sua efficacia

I dati dello studio sono stati ottenuti dalle cartelle cliniche elettroniche di pazienti ricoverati in ospedale con COVID-19 e dimessi da 4 a 12 settimane prima che fossero visitati in regime ambulatoriale. I dati dello studio includevano un questionario sui sintomi persistenti che gli individui hanno completato in media 53 giorni dopo la dimissione dall’ospedale. Ulteriori dati includevano dati demografici del paziente, anamnesi e decorso microbiologico e clinico di COVID-19, afferma la dichiarazione.

Gli infermieri del pronto soccorso parlano tra loro allo Houston Methodist Hospital The Woodlands il 18 agosto 2021 a Houston, in Texas.

Gli infermieri del pronto soccorso parlano tra loro allo Houston Methodist Hospital The Woodlands il 18 agosto 2021 a Houston, in Texas.
(Brandon Bell/Getty Images)

Il dottor Aaron Glatt, responsabile delle malattie infettive al Mount Sinai South Nassau a New York, non faceva parte dello studio, ma ha detto a Fox News che sarebbe sorprendente che non ci fossero tali differenze.

Glatt, che è anche a oratore ufficiale Per l’Infectious Diseases Society of America, ha anche affermato: “È molto chiaro che varianti diverse hanno capacità diverse. E alcune sono chiaramente più contagiose e altre sono in grado di causare malattie più gravi. Allo stesso modo, alcune varianti hanno una maggiore propensione a gruppi di età. Quindi. Non sorprende che potrebbero esserci differenze anche nel “covid lungo” tra le variabili. “

CLICCA QUI PER APPLICAZIONE FOX NEWS

La dichiarazione ha anche affermato che gli autori hanno riconosciuto che “lo studio è stato osservazionale e non dimostra causa ed effetto, e non sono stati in grado di confermare quale tipo di virus ha causato l’infezione in diversi pazienti, il che potrebbe limitare le conclusioni che si possono trarre”.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post Risultati, Victoria Azarenka, congedo personale, reazione, Linda Frohvertova, Nick Kyrgios vs Fabio Fognini, Ottavi di finale
Next Post Oscar 2022 celebra i 60 anni di Bond, da Dr No di Sean Connery a No Time to Die di Daniel Craig