I sacchi a pelo sottovuoto per gli astronauti della NASA cercano di prevenire la perdita della vista dalle missioni su Marte

(Foto: NASA via Getty Images) Jezero Crater, marzo – 18 febbraio: in questa immagine pubblicata fornita dalla NASA, la prima immagine a colori ad alta risoluzione inviata da Hazard Cameras (Hazcams) mostra la parte inferiore della persistenza del rover su Marte della NASA dopo il suo atterraggio nell’area conosciuta come il cratere Jezero il 18 febbraio 2021 su Marte. L’astrobiologia è uno degli obiettivi principali della missione di persistenza su Marte, compresa la ricerca di segni di antica vita microbica. Il rover caratterizzerà la geologia del pianeta e il clima del passato, aprendo la strada all’esplorazione umana del Pianeta Rosso, e sarà la prima missione a raccogliere e immagazzinare rocce e regolite marziane.

I nuovi sacchi a pelo sottovuoto ad alta tecnologia della NASA cercano di fornire una soluzione ai loro problemi di vista mentre l’agenzia spaziale si prepara per missioni a lungo termine sulla Luna e poi su Marte.

I sacchi a pelo sottovuoto per gli astronauti della NASA cercano di prevenire la perdita della vista dalle missioni su Marte

(Immagine: NASA via Getty Images)
JEZERO CRATER, MARZO – 18 FEBBRAIO: In questa immagine pubblicata fornita dalla NASA, la prima immagine a colori ad alta risoluzione inviata da Hazard Cameras (Hazcams) sul lato inferiore del rover Persevere Mars della NASA dopo il suo atterraggio nella famosa regione come Jezero Crater il 18 febbraio 2021 sul pianeta Marte. L’astrobiologia è uno degli obiettivi principali della missione di persistenza su Marte, compresa la ricerca di segni di antica vita microbica. Il rover caratterizzerà la geologia del pianeta e il clima del passato, aprendo la strada all’esplorazione umana del Pianeta Rosso, e sarà la prima missione a raccogliere e immagazzinare rocce e regolite marziane.

Astronauti della NASA e problemi di vista

Sebbene la NASA invii da anni astronauti sulla Stazione Spaziale Internazionale o sulla Stazione Spaziale Internazionale per rimanere per due mesi, la soluzione ai problemi di vista dopo il loro ritorno sulla Terra rimane poco chiara.

Secondo un rapporto GenSide Regno Unito, Lo strano effetto di rimanere a lungo nello spazio è stato scoperto per la prima volta nel 2005.

Durante quel periodo, l’astronauta della NASA John Phillips è tornato sulla Terra con un netto calo della vista dopo essere rimasto sulla Stazione Spaziale Internazionale per sei mesi. La sua visione è passata da 20/20 a 20/100 dopo la sua missione spaziale.

Successivamente, sono emerse due teorie sull’incidente.

READ  Rivelata la scatola di lancio controllata di Sigmar Era

Tuttavia, la ragione di ciò è stata rivelata solo dopo una ricerca condotta dal professore di radiologia e ingegneria biomedica dell’Università di Miami, Noam Alperin, che lo ha studiato.

Lo studio ha proseguito scoprendo che il problema alla vista derivante dall’essere nello spazio esterno dopo pochi mesi è causato da un cambiamento nella chimica del cervello di una persona.

Per essere precisi, la ricerca ha scoperto che il liquido cerebrospinale in alcune parti del cervello degli astronauti aumenta, il che porta poi a una significativa perdita della vista.

Il fluido extra nel cervello fa sì che i bulbi oculari delle persone si appiattiscano permanentemente, portando a problemi di vista o, nei casi peggiori, alla cecità.

Sacchi a pelo sottovuoto per astronauti della NASA

Detto questo, un gruppo di scienziati dell’Università del Texas Southwestern Medical Center o dello Utah si è concentrato sullo studio del problema che gli astronauti della NASA affrontano con la vista.

Secondo un rapporto repubblica mondiale, L’agenzia spaziale statunitense ha contattato UT per rivelare una soluzione al problema della vista infuriato tra gli astronauti.

Arriva mentre la NASA sta anche cercando di riportare gli umani sulla Luna e, subito dopo, sul Pianeta Rosso.

Uno studio dello scienziato li ha portati a sviluppare un sacco a pelo sottovuoto in grado di prevenire l’appiattimento dei bulbi oculari di coloro che sarebbero rimasti nello spazio per due mesi.

Leggi anche: Programma spaziale cinese per utilizzare un potente reattore nucleare per le missioni su Marte! 100 volte più efficiente della NASA

Sacchi a pelo per astronauti della NASA: come funzionano

In sostanza, i sacchi a pelo per gli astronauti della NASA aiutano a prevenire che i loro fluidi corporei fluiscano nel cervello.

READ  Il video del creatore del personaggio trapelato da Elden Ring attira gli elogi dei fan

Per fare questo, i ricercatori hanno incorporato un aspirapolvere o una funzione di aspirazione nel sacco a pelo invece della gravità sul pavimento.

Va notato che sul nostro pianeta questi problemi di vista sono impossibili da verificarsi perché i fluidi dalla nostra testa scendono nei nostri corpi non appena ci alziamo dal letto.

D’altro canto, almeno mezzo gallone di fluidi corporei rimane nello spazio esterno sulle loro teste. Un sacco a pelo cerca di impedire ai prodotti chimici di incasinare le loro teste.

Articoli Correlati: Riparare Marte con un campo magnetico artificiale? Gli esperti dicono che è possibile attraverso la luna di Marte Phobos, ma come?

Questo articolo è di proprietà di Tech Times

di Tejay Boris

ⓒ 2021 TECHTIMES.com Tutti i diritti riservati. Non riprodurre senza permesso.

Agapeto Vecoli

"Imprenditore. Freelance introverso. Creatore. Lettore appassionato. Ninja della birra certificato. Nerd del cibo."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post L’India guarda a cinque leader dell’Asia centrale come ospiti chiave nella Giornata del Partito Repubblicano
Next Post Telescopio spaziale James Webb: guardare indietro nel tempo per catturare la prima luce stellare della creazione – 60 minuti