I ricercatori hanno scoperto il primo pianeta possibile al di fuori della Via Lattea

Rappresentazione artistica di un esopianeta in orbita attorno a una binaria a raggi X, come il candidato extragalattico scoperto. (credito: NASA)

Un gruppo internazionale di astronomi ha scoperto quello che potrebbe essere il primo esopianeta ad essere individuato al di fuori della nostra galassia, dice Salvador Nogueira a Folha de S.Paulo.

Per saperne di più:

1 – Nate Bolsonaro, che ha minacciato Felipe Neto, ha un rapporto di aggressione contro sua figlia di 6 anni e un latitante.

2 – Serra prende una decisione sul suo futuro politico e invia una lettera al PSD

3 – ESCLUSIVO: In lettere, Dalaniol ha concordato con i pubblici ministeri come fare pressione su giudici e pubblici ministeri

Un pianeta al di fuori della Via Lattea?

La stella scoperta sarà di dimensioni simili al pianeta Saturno e risiederà nella galassia M51, che si trova a 23 milioni di anni luce da qui, vicino al cielo della costellazione settentrionale dell’Orsa Maggiore. E fino ad allora, siamo d’accordo, niente di strano. La cosa strana è la cosa intorno a cui gira questo pianeta. Stiamo parlando di una radiografia binaria.

È una stella doppia, una delle quali è già esplosa e diventa uno dei due possibili corpi stellari: un buco nero o una stella di neutroni.

Per gravità, questa stella morta inghiotte la materia dalla sua vicina ancora in vita e, nel processo, genera un disco di gas e polvere attorno ad essa. Questo materiale, spostandosi a spirale verso l’oggetto compresso, diventa un potente emettitore di raggi X.

I ricercatori guidati da Rosanne Di Stefano dell’Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics pensavano che fosse del tutto possibile che i pianeti esistessero intorno a queste stelle, dal momento che i pianeti sono stati trovati intorno a stelle di neutroni nella nostra Via Lattea. (A proposito, i primi esopianeti scoperti nella storia dell’astronomia, nel 1992, hanno orbitato attorno a uno di questi corpi stellari, e non a una stella nella sua fase attiva, come il Sole).

READ  2K Games annuncerà un nuovo gioco questo mese

Dopo il loro ragionamento, hanno ipotizzato che alcuni di questi sistemi si sarebbero allineati in modo che il pianeta passasse davanti alla stella che emette raggi X compressi, bloccando temporaneamente il flusso.

Tali transiti possono essere rilevati come “flash” nei raggi X, anche a distanze enormi, come quelle che separano altre galassie.

Unisciti al nostro gruppo su WhatsApp Cliccando su questo link.

Unisciti al nostro canale su Telegram, Clicca su questo link.

Agapeto Vecoli

"Imprenditore. Freelance introverso. Creatore. Lettore appassionato. Ninja della birra certificato. Nerd del cibo."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Durant ha segnato 31 punti, battendo i Nets Raptors per la quinta volta
Next Post Il derby di Milano finisce in parità, il Napoli pareggia 1-1 con il Verona | Gli sport