I ricercatori decodificano i meccanismi genetici che regolano la velocità della sintesi proteica

In tutti gli organismi eucarioti, il materiale genetico è immagazzinato nel nucleo cellulare sotto forma di DNA. Per essere utilizzato, questo DNA viene prima trascritto in RNA messaggero nel citoplasma della cellula, e poi tradotto in una proteina con l’ausilio di ribosomi, minuscole macchine in grado di decodificare l’RNA messaggero per sintetizzare le proteine ​​appropriate.

Tuttavia, la velocità con cui si verifica questo meccanismo non è uniforme: deve adattarsi per consentire alla proteina di assumere la configurazione corretta. Infatti, liberalizzare il tasso di produzione porta a difetti strutturali. Le proteine, che non sono piegate correttamente, si riuniranno e diventeranno inutilizzabili e spesso tossiche per la cellula. Analizzando la velocità di movimento del ribosoma nelle cellule di lievito, un team dell’Università di Ginevra (UNIGE), Svizzera, in collaborazione con l’Università di Amburgo, è riuscito a dimostrare che la velocità di sintesi proteica è modulata da fattori regolatori modulati in la velocità di traduzione dell’mRNA in proteine. Questi risultati possono essere trovati nella rivista rapporti cellulari.

Le proteine ​​sono strutture tridimensionali che devono incastrarsi tra loro o interagire con i partner per funzionare. In caso di difetto strutturale, le proteine ​​si aggregano, diventano tossiche e potenzialmente patologiche. Questo fenomeno è già osservato in molte malattie neurodegenerative, come il morbo di Alzheimer o la sclerosi laterale amiotrofica.

Sappiamo già che la velocità con cui vengono prodotte le proteine ​​varia a seconda delle necessità: a volte veloce, a volte molto lenta. Tuttavia, non sapevamo ancora come fosse controllato questo meccanismo”.

Martin Kollart, Professore presso il Dipartimento di Microbiologia e Medicina Molecolare, Facoltà di Medicina dell’Università delle Nazioni Unite

Profilazione dei ribosomi

Per comprendere questo processo, gli scienziati hanno utilizzato una tecnica molto innovativa e ancora poco conosciuta: il profilo dei ribosomi. “Questa metodologia consente di determinare la posizione dei ribosomi in un particolare momento nella cellula”, spiega Olesya Panasenko, ricercatrice nel laboratorio di Martin Collart e presidente del “BioCode: RNA to Proteins” Core Facility presso il College of Medicine, che è specializzato in questa tecnologia. “Consiste nella degradazione, in un dato momento, di tutto l’RNA non protetto da parte del ribosoma, per trattenere solo i frammenti di ribosoma protetti (RPF). Quindi sequenziamo gli RPF per determinare quanti ribosomi ci sono sull’mRNA, e in quale posizione, in quel particolare momento Questo indica la velocità e l’efficienza della traduzione.”

Gli scienziati hanno osservato la velocità e la dinamica della produzione di proteine ​​nelle cellule di lievito normali e nel lievito geneticamente modificato, al fine di identificare possibili differenze a seconda del codice genetico. Durante la sintesi, nella cellula compaiono piccoli condensatori di RNA e proteine, con la funzione di rallentare la velocità di produzione dei ribosomi. “La formazione di questi addensanti dipende dalla presenza o meno di fattori regolatori, detti Not, che agiscono da riduttori vegetativi”, spiega Martine Kollart. In loro assenza, il meccanismo accelera nei punti sbagliati e produce proteine ​​assemblate.

Velocità regolata dal codice genetico

Pertanto, i fattori non si legano al ribosoma in momenti specifici durante la sintesi proteica, per rallentare il ribosoma durante la traduzione condensando l’RNA e la proteina nascente. “Ci si potrebbe chiedere se questo meccanismo di regolazione è influenzato durante le malattie neurodegenerative o con l’età”, chiedono gli autori. È quindi possibile che piccole perturbazioni, quando si sommano l’una all’altra, possano avere un grande effetto cumulativo nel tempo.

Fonte:

Riferimento alla rivista:

Allen, General Electric, et al. (2021) Not4 e Not5 modulano l’allungamento della traduzione mediante l’ubiquitinazione di Rps7A, il moonlighting di Rli1 e i soppressori che escludono eIF5A. rapporti cellulari. doi.org/10.1016/j.celrep.2021.109633.

READ  La migliore collezione animata di Samurott in Pokemon GO
Agapeto Vecoli

"Imprenditore. Freelance introverso. Creatore. Lettore appassionato. Ninja della birra certificato. Nerd del cibo."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Decine di cani lasciati all’aeroporto di Kabul. Il Pentagono dice “non nostra” notizia del mondo
Next Post Notizie sul trasferimento dell’Everton: Salomon Rondon in arrivo a Goodison Park dopo la partenza di Moise Kean | notizie di calcio