I rendimenti dell’Eurozona scendono per rischi geopolitici, occhi puntati sul voto italiano

I rendimenti dei titoli di Stato dell’Eurozona sono scesi lunedì poiché le preoccupazioni per un possibile attacco russo all’Ucraina hanno aumentato la domanda di beni rifugio in un mercato prudente in vista della riunione politica federale di questa settimana.

Domenica, gli Stati Uniti hanno ordinato la partenza dei familiari del personale dell’ambasciata in Ucraina, mentre il presidente degli Stati Uniti Joe Biden stava valutando le opzioni per rafforzare le risorse militari statunitensi nell’Europa orientale.

La Federal Reserve ha concluso mercoledì la sua riunione di due giorni e gli investitori si aspettano che la banca centrale statunitense alzi i tassi di interesse quattro volte quest’anno a partire da marzo e riduca le dimensioni del suo bilancio. I mercati stanno ora fissando una probabilità dell’85% di aumentare la Fed di 25 punti base a marzo e di altri tre punti all’1,0% entro la fine dell’anno. IRPR

“È probabile che Powell non alimenterà lo scenario di rialzo di 50 punti base (marzo), ma piuttosto rassicurerà che i primi passi saranno misurati”, hanno affermato gli analisti di Commerzbank in una nota ai clienti.

“Riteniamo che la discussione sull’inasprimento quantitativo (QT) sia il rischio maggiore”, hanno aggiunto.

Il rendimento del titolo di Stato tedesco a 10 anni è sceso di 2,5 punti base a -0,086% DE10YT = RR, dopo aver toccato un minimo intraday di -0,102%.

Deutsche Bank ha affermato che la situazione attuale potrebbe essere la calma prima della tempesta.

“C’è il rischio di una maggiore sorpresa da falco (da parte della Fed) nei prossimi mesi, con la Fed che potrebbe aumentare i tassi a marzo e poi aumentare i tassi 6 o 7 volte quest’anno”, ha affermato in un rapporto. Nota.

READ  Il rapporto ha rilevato che il PIL dell'America Latina è legato alla Francia, che è più grande dell'Italia

I dati PMI dell’Eurozona hanno mostrato la debole ripresa economica dell’Eurozona questo mese, nonostante la ripresa in Germania.

Il futuro di Draghi sotto i riflettori

Le elezioni presidenziali italiane saranno sotto i riflettori anche per gli investitori, con il presidente del Consiglio Mario Draghi tra i candidati di punta. Il primo turno di votazioni, che inizia alle 1400 GMT di lunedì, è considerato inconcludente.

Gli analisti sono preoccupati per i pericoli di elezioni anticipate in caso di elezione di Draghi. Ma per ora scommettono sul fatto che l’ex presidente della Bce Draghi rimanga nella sua posizione di primo ministro o diventi presidente, ma con l’attuale governo che rimarrà in carica fino al 2023.

Gli economisti di Berenberg hanno soprannominato questo scenario “business as usual” in cui l’Italia potrebbe godere di una relativa stabilità nel 2022.

Il rendimento del decennale italiano è sceso di 3,5 punti base all’1,319%, con lo spread tra il rendimento del decennale italiano e quello tedesco che si è ridotto a 140 punti base.

Tuttavia, le turbolenze nel contesto politico potrebbero influenzare negativamente l’economia italiana e la sua sostenibilità del debito poiché l’Italia deve raggiungere i 100 obiettivi del Fondo europeo di ripresa nel 2022 per ottenere i fondi dell’UE, ha recentemente affermato Barclays in una nota di ricerca.

(Segnalazione di Stefano Rebaudo; Redazione di Thomas Janowski e Emilia Sithole Mataris) ((stefano.rebaudo@thomsonmigration.com; +390266129431;))

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post Nayara Azevedo pronuncia e minaccia di lasciare BBB 22: ‘Non sono pronta per vivere questo’
Next Post La maggior parte dei mercati azionari asiatici chiude con un crollo dopo una dolorosa vendita di Wall Street