I proprietari delle stazioni di servizio in Italia hanno spento le pompe di fila sui prezzi del carburante

Gli automobilisti italiani hanno vissuto una giornata di turbolenze quando gli operatori delle stazioni di servizio hanno spento le pompe del carburante per protestare contro quello che dicono essere il tentativo del primo ministro Giorgia Meloni di incolparli per l’aumento dei prezzi del carburante.

Il governo di destra italiano ha accusato i proprietari di pompe di speculazione e truffe sui prezzi dopo che gli automobilisti si erano lamentati degli alti prezzi del carburante, che sono aumentati una volta terminati i sussidi temporanei per il carburante alla fine dello scorso anno. Il sussidio ha contribuito a proteggere gli automobilisti dall’aumento dei prezzi dell’energia a causa della Russia Invasione dell’Ucraina.

Questo mese il governo ha emesso un ordine che impone alle stazioni di mostrare i prezzi medi di benzina e diesel, insieme ai propri prezzi alla pompa, che il primo ministro ha affermato essere necessario per combattere il “comportamento irregolare” di alcuni proprietari di pompe.

Tuttavia, gli operatori si sono arrabbiati per quella che chiamano la richiesta onerosa – e la minaccia di multe se non si conformano – e hanno accusato la Meloni di aver cercato di farne dei capri espiatori per un problema che non era loro. Giorni di trattative non sono riusciti a scongiurare lo sciopero, iniziato martedì sera.

“È nell’interesse dei proprietari di pompe non scioperare”, ha affermato Giuseppe Spirodoto, presidente dell’Associazione Italiana Pompe Indipendenti. Non vogliamo essere etichettati come speculatori. Non fissiamo i prezzi di pompaggio praticati dalle compagnie petrolifere”.

Tuttavia, il secondo giorno di lavoro previsto per mercoledì è stato annullato dopo che i funzionari governativi hanno tenuto riunioni di emergenza con le associazioni dei proprietari di pompe di benzina.

READ  Perché l'euro è sceso alla parità rispetto al dollaro?

Gli analisti hanno affermato che il confronto con i proprietari della pompa – e il disagio che ha causato ai consumatori – è stato una battuta d’arresto per Meloni, in quanto non avrebbe fatto ben poco per lucidare la sua immagine tra gli elettori italiani.

“Mi sembra che abbia sbagliato i calcoli e questo è stato un errore molto grave”, ha detto Daniel Albertazzi, professore di politica all’Università del Surrey in Inghilterra. “Mostra l’istinto dell’alt-right di combattere le organizzazioni e gli individui che possono incolpare per problemi complessi. Ma gli è esploso in faccia”.

I cartelli affissi mercoledì alle pompe di benzina chiuse dicevano che i negozi erano stati chiusi “per protesta contro la campagna vergognosa e diffamatoria” e si lamentavano di essere stati “coperti di fango” dopo la fine del temporaneo taglio delle tasse.

All’annullamento della seconda giornata di lavoro, i titolari delle pompe hanno espresso la volontà di evitare ulteriori disagi agli automobilisti. Ma hanno detto che continueranno a premere contro la nuova regola, che ora è in fase di revisione da parte del Parlamento.

Meloni Lunedì ha escluso l’abolizione dell’obbligo per i proprietari di pompe di mostrare i prezzi medi. “Non potevamo tornare a una procedura equa”, ha detto. “Pubblicare un prezzo medio ha senso.”

Con i prezzi globali dell’energia in forte aumento dopo l’invasione russa dell’Ucraina lo scorso febbraio, l’ex primo ministro italiano Mario Draghi ha rapidamente accettato una riduzione temporanea delle tasse sul carburante, mentre il governo cercava di proteggere i consumatori della terza economia dell’eurozona da uno shock sui prezzi.

Ma con i prezzi dell’energia lontani dai massimi dello scorso anno – e dell’Italia Le finanze pubbliche sono sotto pressione Dal rialzo dei tassi – Il nuovo governo Meloni ha scelto di non prorogare il sostegno temporaneo una volta scaduto.

READ  Gran Bretagna ed Europa hanno ora un'aggressione comune

Mentre gli economisti hanno applaudito la sua cautela, la mossa è stata politicamente scomoda per la Meloni, che si è lamentata spesso delle elevate tasse sul carburante in Italia mentre era all’opposizione, e ha promesso di tagliarle se fosse salita al potere.

Ma con i consumatori danneggiati dall’aumento dei prezzi, ha affermato Albertazzi, la diminuzione del margine di manovra fiscale del governo ha portato il governo ad incolpare i proprietari delle pompe, provocando una risposta rabbiosa.

Anche questo è un tipo di messaggio che viene inviato al governo [by petrol station operators] “Non scherzare con noi”, ha detto.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post L’asteroide 2023 BU sta per attraversare la Terra in uno degli incontri più ravvicinati di sempre asteroidi
Next Post Morte di una donna indiana investita da un’auto della polizia negli Stati Uniti: denuncia