I principali paesi europei accettano la proposta degli Stati Uniti per un’aliquota minima di imposta sulle società di almeno il 15%

Nuvole scure incombono sul distretto finanziario mentre il Coronavirus (COVID-19) continua a diffondersi a Francoforte, Germania, 16 marzo 2021. Reuters / Kay Waffenbach

Francia, Germania e Italia hanno dichiarato venerdì che una nuova proposta degli Stati Uniti per un’aliquota fiscale minima globale per le società di almeno il 15% è stata una buona base per concludere un accordo internazionale entro luglio.

Giovedì, il Tesoro degli Stati Uniti si è offerto di accettare un tasso inferiore di almeno il 15%, ben al di sotto del minimo proposto del 21% per le multinazionali statunitensi.

La proposta è stata presentata all’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) con sede a Parigi, dove quasi 140 paesi mirano a raggiungere un ampio accordo quest’estate per riscrivere le regole di tassazione per i gruppi multinazionali e le grandi società tecnologiche, come Alphabet Inc (GOOGL) . O) e Facebook Inc (FB.O).

“Il Dipartimento del Tesoro ha proposto allo Steering Group che l’aliquota fiscale minima globale sia almeno del 15%”, ha affermato il ministero in un comunicato. “Il Dipartimento del Tesoro ha sottolineato che il 15% è il minimo e che le discussioni dovrebbero continuare ad essere ambiziose e spingere quel tasso ancora più in alto”.

Il segretario al Tesoro degli Stati Uniti Janet Yellen ha proposto per la prima volta un importo minimo per l’imposta sulle società negli Stati Uniti del 21% ad aprile come parte della proposta di spesa per infrastrutture da 2,2 trilioni di dollari del presidente Joe Biden, che sarà finanziata in gran parte aumentando l’aliquota dell’imposta sulle società statunitensi al 28%. Leggi di più

READ  Suning dovrebbe vendere l'Inter per il club, secondo i media italiani

L’amministrazione Trump ei repubblicani al Congresso nel 2017 hanno abbassato l’aliquota dell’imposta sulle società dal 35% al ​​21%. Allo stesso tempo, il Dipartimento del Tesoro ha lanciato un’imposta minima statunitense, del 10,5%, nota come Global Low-Tax Intangible Income Tax (GILTI) per raccogliere le entrate trasferite dalle società ai paesi del paradiso fiscale.

L’aliquota GILTI del 21% proposta dall’amministrazione Biden è stata ampiamente considerata come un punto di partenza per i rinnovati colloqui dell’OCSE sulle imposte minime globali.

Mentre Francia e Germania hanno sostenuto il 21%, altri paesi hanno spinto per un tasso più basso, poiché le precedenti discussioni dell’OCSE sull’argomento si sono concentrate intorno al 12,5%, lo stesso tasso dell’Irlanda.

“L’ultima proposta presentata dagli Stati Uniti potrebbe essere una buona soluzione”, ha detto il ministro delle finanze francese Bruno Le Maire al suo arrivo per tenere colloqui con i suoi omologhi della zona euro a Lisbona.

Il suo omologo tedesco Olaf Schulz ha accolto con favore la nuova proposta statunitense, descrivendola come un “grande progresso” e il Commissario per l’Economia dell’Unione Europea Paolo Gentiloni ha detto che si tratta di un passo avanti verso un accordo, così come il ministro dell’Economia italiano Daniele Franco.

Tutti speravano di concludere i colloqui come previsto alla riunione di luglio dei ministri delle finanze del G20, tra i suggerimenti dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico che potrebbe volerci fino a ottobre per raggiungere un accordo.

Sebbene il ministro delle finanze Baschall Donohue non abbia sollevato pubblicamente la questione a Lisbona, in un’intervista preregistrata per un evento online ha ribadito la sua opposizione alle tasse minime “alte” e ha affermato che settembre e ottobre sarebbero il periodo principale per ottenere un accordo .

READ  L'Italia riapre i battenti nella speranza di un vero rilancio economico

Due funzionari dell’Eurozona hanno dichiarato alla riunione di Lisbona che l’offerta degli Stati Uniti troverà ampio sostegno nella più ampia Unione Europea. Un funzionario ha detto: “Quel 15% sarà accettabile per tutti gli Stati membri dell’Unione europea, compresi Lussemburgo e Irlanda”.

La Gran Bretagna, che la prossima settimana ospiterà una riunione online dei ministri delle finanze, rimane preoccupata per il fatto che le ultime proposte degli Stati Uniti non affrontano la sfida di garantire che le grandi multinazionali, in particolare le aziende tecnologiche, paghino più tasse nei paesi in cui generano entrate.

“Più realistico”

Un funzionario del Tesoro degli Stati Uniti ha detto che l’amministrazione Biden continuerà a sostenere l’aliquota più alta possibile superiore al 15%, aggiungendo che l’offerta non modifica la proposta fiscale minima statunitense del 21%.

Anche al 15%, ha detto il funzionario, la differenza tra le aliquote minime statunitensi e globali si ridurrebbe in modo significativo, perché attualmente non esiste un minimo fiscale globale.

“L’aliquota del 15% è decisamente più realistica guardando ad altri paesi”, ha detto Manal Corwin, capo della pratica fiscale nazionale presso KPMG a Washington ed ex funzionario del Tesoro.

“Soprattutto, questo indica che gli Stati Uniti sono pronti ad accettare un’aliquota fiscale minima globale ben al di sotto dell’aliquota che propone a GILTI”, ha aggiunto. “Penso che sia importante raggiungere un accordo nell’OCSE che gli Stati Uniti siano disposti ad accettare qualcosa di molto inferiore al 21%”.

Il Tesoro ha proposto un’imposta minima globale come un modo per ridurre l’impatto di un’elevata aliquota fiscale statunitense sulla competitività delle società statunitensi e dissuaderle dal trasferire le operazioni oi profitti verso giurisdizioni a tassazione inferiore.

READ  L'Italia ha segnalato 344 morti per coronavirus mercoledì, con 13.385 nuovi casi

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Blake Shelton e Gwen Stefani hanno in programma di utilizzare una classica canzone degli anni ’80 per il primo ballo del loro matrimonio
Next Post Henry Cavill per parlare con le star del curriculum “Highlander” per Lionscate – Hollywood Reporter