I primi campioni lunari di oltre 40 anni fa potrebbero cambiare la storia della luna

Panoramica del sito di atterraggio di Chang’e 5.

Centro di esplorazione lunare e ingegneria aerospaziale dell’Agenzia spaziale nazionale cinese

Alla fine del 2020, una capsula spaziale cinese ha consegnato nuovi campioni della Luna sulla Terra per la prima volta in quasi quattro decenni, e questa preziosa roccia lunare ha appena rivelato nuovi dettagli sul compagno luminoso del nostro pianeta: i suoi vulcani sono vivi e attivi da molto più tempo. di quanto pensassero gli scienziati. .

Alexander Nemchin, professore di geologia alla Curtin University in Australia e autore di Analytics pubblicato Giovedì sulla rivista Science.

Insieme a un team globale di ricercatori in espansione, Nemchin ha scoperto che alcune delle rocce lunari appena trasportate contengono frammenti lunari di giorni dopo la linea temporale del corpo bianco. Queste parti risalgono a quasi due eoni e sono relativamente giovani. Ma ecco la cosa importante: questi stessi pezzi sono anche i resti di un’eruzione vulcanica.

Unendo i puntini, i membri del team si sono resi conto che stavano cercando una solida conferma che la Luna fosse viva così tardi nel gioco.

“Dobbiamo scavare in questo”, ha commentato Nemchin. “Evidenziamo che le nostre opinioni attuali devono essere riadattate: ulteriori ricerche mostreranno quanto debba essere drammatico questo aggiustamento”.

Bentornata, Moon Research

La saga è iniziata lo scorso anno a dicembre, quando la missione cinese Chang’e 5 ha inviato una navicella spaziale per raschiare la superficie della luna e raccogliere una varietà di campioni di roccia e polvere per l’analisi dalla Terra. indietro con Circa 4 libbre (2 chilogrammi) di materiale extraterrestre.

bassa-ris-che-abl7958-image-3-jpg.png

Capsula di restituzione del campione Chang’e 5

Centro per l’esplorazione lunare e l’ingegneria aerospaziale dell’Agenzia spaziale nazionale cinese (CNSA)

cade nel 1976 L’ultima volta che sono stati portati campioni lunari per il nostro pianeta natale, un risultato della missione Luna 24 dell’Unione Sovietica. Ma prima, le missioni Apollo della NASA erano sul percorso dalla Terra alla Luna molte volte – Le Crociate sono tornate in immagini, rocce lunari Le storie personali degli astronauti.

“C’era un bisogno e un motivo per farlo 50 anni fa”, ha spiegato Nimchin. “Quindi, Le priorità sono cambiate Tutti sono passati a qualcos’altro. Ma ora, dice, ‘abbiamo di nuovo la luna a fuoco. “

Sottolinea che la ricerca lunare è importante non solo dal punto di vista dell’astronomia, ma anche perché qualsiasi sforzo per viaggiare sulla luna – o addirittura qualsiasi esplorazione dello spazio – tende ad accelerare le tecnologie che alla fine ci avvantaggiano sulla Terra.

Un esempio di questa tecnologia fortuita viene dalla ricerca dei fisici australiani negli anni ’90. Hanno sviluppato uno strumento matematico molto complesso nella speranza di scoprire i segnali sbiaditi dei buchi neri scomparsi nell’universo. Sfortunatamente, non hanno trovato nulla, ma la loro invenzione ha aperto la strada a questo Wi-Fi moderno.

Scienza della roccia lunare

“Ogni nuovo campione ci dà un enorme impulso nella comprensione di cosa sta succedendo, semplicemente perché ne abbiamo ancora alcuni”, ha detto Nemchin. “I campioni Apollo sono stati lavorati negli ultimi 50 anni e sono ancora oggetto di indagine attiva”.

Durante l’analisi delle rocce riportate da Chang’e 5, Nemchin e i suoi colleghi ricercatori hanno prima esaminato le specie esistenti. In particolare, cercavano frammenti di basalto, che sono associati all’attività vulcanica.

low-res-che-abl7958-image-5-jpeg.png

CE5CO400 Campione di suolo lunare dedicato al centro di studio SHRIMP di Pechino

Centro GAMBERI di Pechino, Istituto di Geologia, CAGS

“Avevamo bisogno di avere un’idea della composizione chimica dei frammenti in modo da poter confrontare [them] al grande campo di basalto che può essere visto dall’orbita”, e assicurati [those] I frammenti rappresentano questo campo di basalto e non provengono da altrove”.

Successivamente, gli scienziati hanno confermato l’età esatta dei pezzi di interesse. Uno degli obiettivi principali della spedizione era verificare che queste parti fossero giovani. Questo è il modo in cui i membri del team si aspettavano di dimostrare la loro ipotesi secondo cui la luna ha vulcani attivi più di recente di quanto suggeriscano i libri di testo.

“Tutti i basalti che avevamo prima hanno più di 3 miliardi di anni”, ha detto Nimchen. “Abbiamo anche identificato alcuni punti molto piccoli dal materiale che è stato espulso da impatti molto piccoli – l’effetto di fusione – ma non c’è niente in mezzo. Ora abbiamo un punto nel mezzo del divario”.

Tali determinazioni dell’età sono chiamate conteggio dei crateri, ed è qualcosa che il team spera di continuare a fare in futuro per trovare una serie completa di rocce per mappare ciascuna delle generazioni lunari. Nemchin nota anche che nei campioni di basalto sono state trovate alcune caratteristiche chimiche interessanti, tra cui un alto contenuto di ferro, che non si trova in nessun altro pezzo recuperato dalla superficie lunare.

Dice che più ricerche chimiche sulle rocce aiuteranno a rispondere a nuove domande poste dalle nuove scoperte del team, come la ricerca di Fonte Dal calore che ha portato all’attività vulcanica lunare qualche miliardo di anni fa.

Alla fine, il geologo australiano afferma: “La cosa importante per me in tutto questo è che siamo riusciti a convincere un grande gruppo internazionale di persone a lavorare sul campione”.

“In un certo senso”, ha aggiunto, “nell’attuale situazione in cui i viaggi internazionali sono ancora in qualche modo limitati, ho avuto più interazione con persone diverse rispetto agli anni precedenti, quando potevamo fare il pendolare nel modo che volevamo”.

READ  Queste erano le specie dimenticate che si credeva si fossero estinte su Paradise Island Paradise
Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Soriano Group fa un altro passo avanti nella sua visione del lifestyle attraverso una collezione unica
Next Post ‘Schitt’s Creek’ ottiene ufficialmente il gioco da tavolo Monopoly