I pittoreschi canali di Venezia si stanno prosciugando tra i timori della siccità in Italia

La siccità a Venezia è stata in gran parte attribuita al cambiamento climatico, che ha provocato temperature più elevate e minori precipitazioni in alcune zone.

Venezia, una città costruita su un gruppo di piccole isole in Italia, è nota per i suoi pittoreschi canali che attraversano la città e fungono da principale mezzo di trasporto. Tuttavia, negli ultimi anni, questi canali si sono prosciugati poiché l’Italia deve affrontare frequenti e gravi siccità. Questa non è solo una preoccupazione per i residenti ei visitatori di Venezia, ma anche per l’ambiente e l’economia dell’intera regione.

La siccità è diventata sempre più comune in Italia negli ultimi anni, con alcune delle peggiori siccità nella storia del paese che si sono verificate nell’ultimo decennio. Queste siccità sono in gran parte attribuite al cambiamento climatico, che ha provocato temperature più elevate e precipitazioni inferiori in alcune aree. Venezia è particolarmente vulnerabile agli effetti del cambiamento climatico a causa della sua geografia unica e della sua posizione nel mare Adriatico.

Quest’estate, secondo quanto riferito, le Alpi hanno ricevuto meno della metà delle nevicate abituali. I fiumi stanno vivendo gravi carenze idriche con il Po, il fiume più lungo d’Italia, che quest’anno contiene il 61% di acqua in meno del normale. Anche il livello dell’acqua del Lago di Garda nel nord Italia è sceso a livelli record.

Venezia ha sempre avuto un problema di inondazioni e la siccità è relativamente nuova. La marea insolitamente bassa rende impossibile il funzionamento di gondole, taxi d’acqua e ambulanze. Gruppi ambientalisti e scienziati attribuiscono la mancanza di pioggia, il sistema di alta pressione, la luna piena e le correnti marine al crescente problema di Venezia.

READ  Città, tra cui Miami e Atene, stanno assumendo "ufficiali del calore senior" per aiutare le imprese e i residenti a resistere al caldo torrido.

Le gondole sono state filmate nel Canal Grande durante la bassa marea nella città balneare di Venezia.

I canali di Venezia dipendono dal flusso naturale dell’acqua del mare e dalle fonti di acqua dolce delle isole circostanti. Quando c’è una mancanza di precipitazioni o una diminuzione della quantità di fonti di acqua dolce, i canali possono prosciugarsi, lasciandoli stagnanti e vulnerabili all’inquinamento. Ciò ha anche effetti negativi sull’ecosistema marino che dipende dai canali nel loro habitat.

I canali asciutti hanno anche implicazioni economiche per Venezia, che fa molto affidamento sul turismo come fonte di reddito. I canali e le gondole sono le principali attrazioni per i visitatori e la perdita d’acqua nei canali può dissuadere i turisti dal visitare la città. Questo può avere un effetto a catena sulle imprese locali che dipendono dal turismo, come hotel, ristoranti e negozi di souvenir.

Per affrontare il problema del prosciugamento dei canali, il governo italiano ha attuato diverse misure, tra cui iniziative di conservazione dell’acqua e investimenti nelle infrastrutture idriche. Il governo ha introdotto un piano per modernizzare il sistema di approvvigionamento idrico nelle isole intorno a Venezia per ridurre lo spreco di acqua e aumentare l’efficienza. Inoltre, la città ha implementato regolamenti sull’uso dell’acqua, come il divieto di utilizzare fontane e altri giochi d’acqua negli spazi pubblici.

Sebbene queste misure siano un passo nella giusta direzione, occorre fare di più per affrontare la causa principale del problema: il cambiamento climatico.

Tuttavia, i meteorologi hanno previsto pioggia e neve nelle Alpi nei prossimi giorni, molto necessarie nella regione.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Interazioni proteiche inaspettate necessarie per costruire fiori Ars Technica
Next Post L’inflazione in Pakistan è salita al 40%: le cipolle sono aumentate del 370%, il diesel del 108% | L’elenco completo è qui