I pazienti affetti da leucemia possono beneficiare dei rivoluzionari “anticorpi antitumorali” trovati nella nuova chemioterapia

Migliaia di malati di leucemia potrebbero presto beneficiare del rivoluzionario “anticorpo contro il cancro”, che riduce di un quarto il rischio di ricaduta e risparmia ai pazienti gli effetti tossici della chemioterapia.

Il trattamento viene iniettato con proteine ​​sintetiche che inseguono i tumori nel corpo e forniscono farmaci chemioterapici direttamente alle cellule tumorali, distruggendole.

Descritto come un farmaco “cavallo di Troia”, questo effetto non solo lo rende più efficace dei trattamenti convenzionali, ma è anche molto più preciso, proteggendo le cellule sane dai danni.

Gli esperti hanno elogiato il farmaco, Polivy, come la “più grande svolta in due decenni” per i malati di una delle forme più comuni della malattia che non rispondono alla chemioterapia convenzionale.

I risultati di uno studio fondamentale sull’uso del farmaco, pubblicato la scorsa settimana, hanno mostrato che coloro che si sottoponevano al trattamento avevano il 25% in meno di probabilità rispetto agli altri di vedere il loro cancro tornare dopo due anni.

Migliaia di malati di leucemia potrebbero presto beneficiare del rivoluzionario “anticorpo contro il cancro”, che riduce di un quarto il rischio di ricaduta e risparmia ai pazienti gli effetti tossici della chemioterapia.

Se i pazienti rimangono liberi da malattia dopo due anni, la possibilità che ritorni è molto ridotta.

Il dottor Graham Collins, consulente ematologo presso l’NHS Foundation Trust degli ospedali dell’Università di Oxford e ricercatore dello studio, afferma: “Questo nuovo trattamento è il primo grande passo in avanti che abbiamo visto da tempo per i pazienti con malattia avanzata”.

Precedenti studi hanno dimostrato che i farmaci, che i medici chiamano coniugati anticorpali, sono altamente efficaci nel cancro della vescica, riducendo i decessi di un terzo.

READ  Il rover Curiosity della NASA ha praticato dei buchi su Marte e ha trovato qualcosa di molto strano

L’attuale studio ha incluso pazienti con un tipo di cancro del sangue chiamato linfoma diffuso a grandi cellule B, di cui ogni anno vengono diagnosticati 5.500 britannici.

Esistono 70 tipi di linfoma e ogni tipo si riferisce a un tipo specifico di linfociti – cellule del sangue – che sono disfunzionali. Nel linfoma diffuso a grandi cellule B, sono colpite le cellule che combattono l’infezione chiamate cellule B.

Dopo la diagnosi, i pazienti del SSN attualmente ricevono una combinazione di farmaci chemioterapici, che nella maggior parte dei casi funzionano bene e impediscono la ricomparsa del cancro.

Ma per un terzo dei pazienti la malattia ritorna ed è quasi impossibile da curare. Il nuovo approccio combina Polivy, noto anche come polatuzumab vedotin, con molti dei farmaci chemioterapici attualmente in uso.

Polivy contiene anticorpi simili a quelli prodotti naturalmente dal sistema immunitario in risposta a un intruso.

Ma è progettato per cercare una proteina specifica in una cellula cancerosa.

Gli anticorpi contengono una piccola ma efficace dose di chemioterapia e quando trovano un bersaglio si attaccano a se stessi, erogando la dose direttamente al tumore.

Questa tecnologia consente ai medici di infettare il cancro con dosi più elevate di farmaci senza timore di gravi danni all’organismo, poiché la combinazione di anticorpi danneggia molto meno le cellule sane perché sono programmate per non rilasciare la chemioterapia fino a quando non rilevano il cancro.

“È un po’ come un cavallo di Troia, che si infiltra in una cellula cancerosa e poi la distrugge”, ha detto il dottor Collins.

I risultati di uno studio fondamentale sull'uso del farmaco, pubblicato la scorsa settimana, hanno mostrato che coloro che si sottoponevano al trattamento avevano il 25% in meno di probabilità rispetto agli altri di vedere il loro cancro tornare dopo due anni. [File image]

I risultati di uno studio fondamentale sull’uso del farmaco, pubblicato la scorsa settimana, hanno mostrato che coloro che si sottoponevano al trattamento avevano il 25% in meno di probabilità rispetto agli altri di vedere il loro cancro tornare dopo due anni. [File image]

READ  Le viste di Venere dalla sonda solare della NASA mostrano il potenziale degli strumenti scientifici per l'escursionismo

La scorsa settimana, i risultati di uno studio globale su 800 pazienti, fornito dal produttore di farmaci Roche, hanno scoperto che il trattamento ha comportato meno effetti collaterali e ha mantenuto più pazienti liberi dal cancro più a lungo, rispetto alla chemioterapia convenzionale.

I pazienti trattati con Polivy hanno sperimentato un rischio inferiore del 27% di sviluppare il cancro o di morire rispetto ai pazienti sottoposti a chemioterapia convenzionale, nell’arco di 24 mesi.

Uno dei pazienti che già ne beneficiano è Richard Clarke, 78 anni, un agricoltore in pensione di Oxford. Gli è stato diagnosticato nel settembre 2018 dopo aver sofferto di dolore alla spalla.

Una risonanza magnetica ha rivelato un tumore alla spalla sinistra e uno nella parte bassa della schiena. Il dottor Collins lo ha iscritto allo studio Polivy e ha iniziato il trattamento un mese dopo la sua diagnosi.

Nel corso dell’anno successivo, Richard visitò l’ospedale sei volte, a tre settimane di distanza, per iniettare farmaci nella vena, incluso Polivy.

Dopo le sei sessioni, ha dovuto prendere due dosi di un farmaco non correlato per rafforzare la sua immunità.

Le scansioni MRI durante il trattamento hanno mostrato che i tumori si stavano riducendo di dimensioni e quando ha terminato il trattamento i tumori sembravano scomparsi. “Ho fatto la mia ultima scansione due mesi fa e sono ancora senza cancro”, dice Richard.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post La Premier League userà la carota, non il bastone, per convincere più giocatori a passare
Next Post La regina Elisabetta ricorda il principe Filippo nel suo discorso di Natale, senza menzionare Meghan Markle, il principe Harry e Andrew