I pagamenti del debito del Kenya alla Cina sono balzati a 73,5 miliardi di scellini

Economia

I pagamenti del debito del Kenya alla Cina sono balzati a 73,5 miliardi di scellini


L’edificio del Tesoro nazionale a Nairobi. immagine | Salton Ong | NMG

BDgeneric_logo

sommario

  • I dati sulla spesa rilasciati dal Tesoro questa settimana mostrano che l’importo rimborsato agli istituti di credito cinesi è aumentato del 135,15% rispetto a Sh31,25 miliardi nell’anno fino a giugno 2021.
  • Il denaro è stato inviato ai due istituti di credito – Exim Bank of China e China Development Bank – in due rate di Sh43,62 miliardi nel terzo trimestre dell’anno fiscale in corso.
  • I pagamenti a istituti di credito cinesi hanno rappresentato l’81,4% dei 90,26 miliardi di scellini kenioti spesi dal Tesoro per il servizio del debito bilaterale nei nove mesi fino a marzo.

I pagamenti del debito del Kenya verso i progetti infrastrutturali finanziati dalla Cina sono più che raddoppiati, raggiungendo il massimo storico di 73,48 miliardi di Shri quest’anno fiscale, sulla scia di una maggiore compensazione del periodo di grazia successivo.

I dati sulla spesa pubblicati dal Tesoro questa settimana mostrano che l’importo rimborsato agli istituti di credito cinesi è aumentato del 135,15% rispetto a Sh31,25 miliardi nell’anno fino a giugno 2021, quando era in vigore la moratoria dovuta agli shock del COVID-19.

Il denaro è stato inviato ai due istituti di credito – Exim Bank of China e China Development Bank – in due rate da 43,62 miliardi di Sh nel terzo trimestre dell’anno fiscale in corso (attorno a gennaio) e 29,86 miliardi di Sh nel luglio 2021.

Secondo i dati provvisori, i pagamenti agli istituti di credito cinesi rappresentavano l’81,4% dei 90,26 miliardi di scellini kenioti spesi dal Tesoro per il servizio del debito bilaterale nel periodo di nove mesi fino a marzo.

Il Kenya ha cercato di fornire la maggior parte della liquidità dovuta alla Cina nella prima metà dell’anno fiscale in corso, ma Pechino ha respinto la sua richiesta di posticipare gli obblighi di debito di sei mesi fino allo scorso dicembre.

Gli istituti di credito cinesi, in particolare Exim Bank, sono stati a disagio con la richiesta del Kenya di estendere il programma di sospensione del servizio del debito indotto dal Covid da parte dei paesi ricchi, che ha ritardato i pagamenti per progetti attivi in ​​gran parte finanziati da finanziatori cinesi nel sottosettore della trasmissione di energia.

Ciò ha spinto Nairobi ad abbandonare la sua richiesta a Pechino per un “beneficio reciproco”, poiché ha scelto di cercare altre fonti di reddito per riempirla, ha affermato Aaron Sirima, direttore generale dell’ufficio di gestione del debito pubblico del Tesoro, in una precedente risposta a Business Richieste quotidiane. Il conseguente divario di bilancio.

La Cina ha cercato di negoziare accordi di riduzione del debito con i paesi più poveri separatamente dalle nazioni del G-20 – tra cui Francia, Italia, Giappone, Spagna, Stati Uniti, Belgio, Germania e Repubblica di Corea – ma ha applicato gli stessi termini.

Ciò ha assicurato che Pechino conservasse il diritto di determinare l’importo dei prestiti che sarebbero stati soggetti a una moratoria.

I termini degli accordi di prestito di Pechino con i paesi in via di sviluppo sono generalmente segreti e richiedono ai paesi mutuatari come il Kenya di dare la priorità ai rimborsi alle banche statali cinesi rispetto ad altri creditori, secondo un set di dati compilato da AidData, un laboratorio di ricerca statunitense presso il College of William & Maria.

Il rapporto del Tesoro mostra che il debito totale della Cina nei confronti del Kenya è sceso a $ 6,84 miliardi (circa Sh793 miliardi) a marzo da $ 6,95 miliardi (circa Sh806 miliardi, 796,37 miliardi) lo scorso dicembre, il livello più basso da $ 6,73 miliardi (Sh780 miliardi) nel dicembre 2020.

L’amministrazione del presidente Uhuru Kenyatta ha in gran parte ottenuto prestiti dalla Cina dal 2014 per costruire strade, ponti, centrali elettriche e Standard Rail (SGR). Ciò è iniziato dopo che il Kenya è diventato un’economia a reddito medio-basso, che ha portato alla negazione di prestiti altamente agevolati da istituti di credito per lo sviluppo come il Gruppo della Banca mondiale.

La maggior parte dei prestiti cinesi è stata convogliata in Kenya attraverso Exim Bank, che nel maggio 2014 si è assicurata un enorme accordo per finanziare il 90% dei 3,6 miliardi di dollari (circa 417 miliardi di Sh al tasso di cambio prevalente) 485 km a Mombasa e Nairobi SGR. Ciò ha portato Pechino a superare Tokyo come il più grande prestatore bilaterale del Kenya.

Nelle sue stime di bilancio per il prossimo anno fiscale a partire da luglio, il Tesoro ha incluso il Giappone come la principale fonte di prestiti e sovvenzioni bilaterali, superando la Cina, che è stato il più grande finanziatore per quasi un decennio.

Si prevede che Pechino presterà 29,46 miliardi di Ksh per l’anno fiscale 2022/23, un forte calo rispetto a 140,03 miliardi di Ksh nel bilancio 2015/16. Questo segna il secondo anno consecutivo in cui la Cina è rimasta indietro rispetto al Giappone nei prestiti bilaterali, dopo aver impegnato 21,25 miliardi di NIS nell’anno in corso terminato a giugno contro i 36,49 miliardi di Ksh a Tokyo, secondo il Tesoro.

Ciò avviene sullo sfondo dell’annuncio del presidente Xi Jinping lo scorso novembre durante l’ottava conferenza ministeriale del Forum sulla cooperazione Cina-Africa (FOCAC) che la Cina avrebbe ridotto di un terzo i suoi investimenti in Africa entro tre anni.

Il signor Xi ha impegnato $ 40 miliardi (Sh4,6 trilioni) in Africa, in calo del 33,33% rispetto ai $ 60 miliardi (Sh6,9 trilioni) degli ultimi due vertici triennali del Forum sulla cooperazione Cina-Africa.

“Penso che il debito cinese sia sul punto o vicino al punto di diminuire i rendimenti se le spese generali dei biglietti grandi in Kenya, ad esempio, sono qualcosa da affrontare”, ha affermato Churchill Ogoto, un economista presso IC Asset Managers, un africano. . Banca d’investimento concentrata.

“In quanto tale, vedo che la Cina è selettiva riguardo ai progetti che finanzia in futuro”.

Le stime del bilancio del Tesoro mostrano che più della metà (15,62 miliardi di scellini) dei prestiti attesi dalla Cina il prossimo anno sarà incanalata in progetti sotto il Ministero dell’Energia, principalmente infrastrutture di trasmissione dell’energia.

Altri beneficiari sono il Dipartimento delle Infrastrutture [largely roads] Che riceverà 5,73 miliardi di scellini, il Ministero delle comunicazioni e delle tecnologie dell’informazione (4,02 miliardi di scellini) e il Ministero dell’acqua e dei servizi igienici (4,10 miliardi di scellini).

[email protected]

READ  Il G20 approva l'imposta minima globale sulle società al vertice di Roma
Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post Oroscopo di oggi per il 20 maggio 2022
Come arredare una gaming room
Next Post Come arredare una gaming room