I paesi reimpongono restrizioni e divieti di viaggio prima delle festività natalizie

L’aumento record dei casi di Covid-19 e la nuova variante ha messo molti paesi, soprattutto in Europa, sotto stress e in massima allerta. I casi in aumento stanno diventando motivo di preoccupazione in vista delle festività natalizie, che probabilmente vedranno restrizioni imposte dai governi per frenare la diffusione del virus. Selezionato di recente Corona virus Variante – B.1.1.529 – Diffusa in Sud Africa e rilevata anche a Hong Kong, Botswana ha spinto India, Regno Unito e Israele a imporre divieti di viaggio nei paesi in cui è stata rilevata la variante.

Ecco uno sguardo ai paesi che hanno reintrodotto le restrizioni Covid-19:

Austria

L’Austria è entrata nel suo quarto blocco nazionale lunedì dopo che decine di migliaia di persone, molti dei quali sostenitori di estrema destra, hanno protestato a Vienna contro le rinnovate restrizioni alla circolazione mentre l’Europa è diventata ancora una volta l’epicentro dell’epidemia di coronavirus.

Quasi il 66% della popolazione austriaca è stata completamente vaccinata contro il COVID-19, uno dei tassi più bassi dell’Europa occidentale. Il governo ha affermato che ristoranti, caffè, bar, teatri, negozi non essenziali e parrucchieri non possono aprire i battenti per 10 giorni, e forse anche per 20 giorni.

Slovacchia

Il governo della Slovacchia ha seguito l’esempio della vicina Austria mercoledì e ha ordinato un blocco di due settimane per sedare l’aumento più rapido al mondo dei casi di COVID-19 poiché il numero di pazienti ospedalizzati ha raggiunto un livello critico e le vaccinazioni sono rimaste basse.

L’agenzia di stampa Taser ha citato il ministro dell’Economia Richard Sollick affermando che le restrizioni imposte alle persone vaccinate e non includeranno ristoranti chiusi e negozi non essenziali.

Germania

La cancelliera tedesca Angela Merkel ha definito il 25 novembre un “giorno molto triste” e ha sostenuto le richieste di ulteriori restrizioni, poiché il suo paese è diventato l’ultimo paese a superare 100.000 morti per COVID-19 dall’inizio della pandemia. Anche il ministro della Sanità Jens Spahn ha chiesto maggiori restrizioni poiché il tasso di infezione da coronavirus in Germania è salito a un livello record e più politici hanno sostenuto le vaccinazioni obbligatorie.

Spahn ha affermato che più luoghi pubblici dovrebbero essere limitati a coloro che sono stati vaccinati o si sono recentemente ripresi da COVID-19 e sono risultati negativi. Tuttavia, le restrizioni ufficiali non sono state annunciate fino al 26 novembre.

Russia

Con i decessi giornalieri che si aggiravano sui massimi storici fino a pochi giorni fa, il Cremlino ha delegato l’autorità di imporre restrizioni alle autorità regionali a seconda della situazione locale, e diverse province in tutta la Russia hanno inasprito le restrizioni, consentendo l’accesso ai luoghi pubblici solo per coloro autorità. Coloro che sono stati vaccinati o sono risultati positivi al virus.

Kazan, la città centrale della provincia russa del Tatarstan, il 22 novembre è diventata la prima in Russia a richiedere codici QR che dimostrino la vaccinazione, la malattia precedente o il test negativo del coronavirus nei trasporti pubblici. A circa 500 persone è stato negato l’accesso ai trasporti pubblici nella città di 1,2 milioni di persone e un conflitto tra un passeggero e degli osservatori ha portato a una breve sospensione del servizio su una delle linee del tram della città.

Il governo russo ha introdotto una nuova legislazione che limiterà l’accesso a molti luoghi pubblici, così come ai treni e ai voli nazionali e internazionali, a coloro che sono stati completamente vaccinati, si sono ripresi dal COVID-19 o sono esenti dal punto di vista medico dalla vaccinazione. La normativa, che entrerà in vigore all’inizio del prossimo anno, ha già suscitato proteste in tutto il paese.

Olanda

Il governo olandese il 26 novembre ha ordinato ulteriori restrizioni, inclusa la chiusura notturna di bar, ristoranti e la maggior parte dei negozi per arginare un’ondata record di casi COVID-19 che minaccia di sopraffare il sistema sanitario del paese.

Venerdì, Rutte ha affermato che i negozi non essenziali sarebbero stati chiusi dalle 17:00 alle 5:00 e che sarebbero state richieste le mascherine nelle scuole secondarie. Il suo governo ha esortato tutti coloro che possono lavorare da casa e, in caso contrario, a seguire le linee guida sul distanziamento sociale. Le nuove misure entreranno in vigore dal 28 novembre.

Portogallo

Molti portoghesi accolgono con favore il ritorno di alcune delle restrizioni COVID-19 annunciate dal governo la notte del 25 novembre tra un’ondata di infezioni e la minaccia di una nuova variabile altamente contagiosa, e alcuni chiedono misure più severe.

Coloro che sono stati completamente vaccinati devono fornire la prova di un test negativo per entrare in discoteche, bar e grandi eventi, mentre sarà richiesto un certificato digitale UE per soggiornare in hotel, andare in palestra o mangiare al chiuso nei ristoranti. Il Portogallo ha reso obbligatorio l’uso della mascherina negli spazi pubblici interni, ha raccomandato il lavoro a distanza quando possibile e lo ha reso obbligatorio durante la prima settimana di gennaio.

Shanghai e Xuzhou in Cina

Una manciata di casi locali di COVID-19 nelle parti orientali della Cina ha spinto Shanghai a limitare le attività turistiche e una città vicina a tagliare i servizi di trasporto pubblico, poiché la Cina insiste sul fatto di non avere tolleranza per consentire la diffusione di assembramenti.

La città di Suzhou, con una popolazione di 9,1 milioni di abitanti, ha sospeso le sue tre linee della metropolitana, interrotto alcuni servizi di autobus a lunga percorrenza in tutta la città e chiuso alcuni ingressi alle autostrade che la collegano e le aree circostanti. Ha consigliato ai residenti di non lasciare la città per motivi non essenziali e ha chiesto la sospensione di attività pubbliche faccia a faccia più ampie, tra cui concerti, eventi sportivi e mostre.

Repubblica Ceca

Il governo ceco il 16 novembre ha ordinato a bar e club di chiudere alle 22:00 e ha vietato i mercatini di Natale nel tentativo di arginare uno dei più alti tassi di infezione da coronavirus nel mondo. Le nuove restrizioni includono anche un tetto alla partecipazione di 1.000 persone a eventi culturali e sportivi, con uno stop ai blocchi generalizzati nelle vicine Austria e Slovacchia, dove i tassi di infezione sono in aumento.

Le restrizioni su bar ed eventi si aggiungono alle precedenti restrizioni che già escludevano le persone che non sono state vaccinate o guarite dal COVID-19 da luoghi come bar, ristoranti, cinema, parrucchieri e palestre.

Leggi tutti i file ultime notiziee Ultime notizie e Notizie sul coronavirus Qui. Seguici Sito di social network Facebooke Twitter e cavo.

READ  Dai droni agli aerei ... La Cina mostra il suo nuovo arsenale al più grande spettacolo aereo finora | notizie dal mondo
Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Meets non mi firmerà più
Next Post C’è un nuovo gioco di caccia di Bitcoin simile a Pokemon