I paesi del GCC dovrebbero temere il piano fiscale delle imprese del G7?

Dubai: La minaccia era chiara. I paesi a bassa tassazione in Medio Oriente dovranno andare d’accordo con l’elevata tassazione e le economie di spesa dell’Europa e del Nord America e imporre significativi aumenti delle tasse che minacceranno la loro competitività globale.

Ma sebbene inizialmente salutato come “storico”, quando esperti e politici sono entrati nel nocciolo delle recenti proposte del G7 per un sistema fiscale globale unificato delle società, sembravano più inclini a mettere in discussione tutto il trambusto. In giro.

Nient’altro che il Medio Oriente. All’inizio, il piano del G7 sembrava rappresentare una minaccia per i regimi fiscali bassi in vigore nella maggior parte dei paesi del GCC, che erano visti come una parte importante delle loro strategie di crescita economica.

Gli esperti finanziari sono stati pronti a riconoscere la minaccia implicita per le economie dei paesi del Consiglio di cooperazione del Golfo (GCC). “Si potrebbe sostenere che le proposte del G7 sono un esempio di paesi ricchi sviluppati che cercano di imporre i propri sistemi economici e finanziari al resto del mondo, come molti come il GCC sono riusciti così bene attraverso le proprie pratiche”, ha affermato Tariq Fadlallah, Presidente Direttore esecutivo di Nomura Asset Management Middle East, con sede a Dubai, Arab News.

L’Arabia Saudita è stata vista come particolarmente vulnerabile alle ramificazioni fiscali globali. Il Regno è membro del Gruppo dei Venti paesi ed è vincolato dalle decisioni prese dall’autorità nelle sue riunioni annuali. Il prossimo passo per il G7 nel suo piano fiscale è portarlo al più ampio G-20, dove i politici sauditi dovranno prendere posizione sulle proposte.

Il consigliere economico Nasser Al-Saeedi ha affermato che la fase di attuazione delle proposte porterà a difficili negoziati. “Il G-20 deve accettarlo, rivelando le differenze tra le esigenze di aumento delle tasse nelle nazioni avanzate del G7 che affrontano deficit di bilancio senza precedenti (in parte dovuti alla copertura della spesa di stimolo e minori entrate) e le nazioni in via di sviluppo che vogliono aliquote fiscali più basse per attrarre investimenti, tecnologia e conoscenza, ha detto Saidi Arab News.

READ  Quattro quinti delle perdite di reddito del settore privato durante la prima ondata di Covid: rapporto

Ma Mohammed al-Jadaan, il ministro delle finanze saudita, è sembrato ottimista riguardo alle proposte del G7 e le ha accolte, osservando che il vertice del G-20 dell’anno scorso ha approvato specificamente i piani per bilanciare la ripresa post-pandemia attraverso la spesa fiscale per il mondo. maggiori economie.

Asad Khan, capo della gestione patrimoniale presso la Emirates Investment Bank (BEI) negli Emirati Arabi Uniti, ha convenuto che il diavolo sarebbe nei dettagli delle proposte per i responsabili politici regionali. “Ora, affinché l’accordo del G7 sia un successo globale a lungo termine, il G20 più ampio che include le principali economie come Cina, India, Russia e Arabia Saudita deve aderire e ratificare l’accordo”, ha detto ad Arab News.

“Dettagli fissi come ‘almeno 15% di tasse’ e ‘margine di profitto superiore al 10%’ rimarranno controversi, ma la sostanza dell’accordo è apprezzata e potrebbe essere approvata dal G20, anche se con diverse eccezioni”.

Ma qualunque compromesso raggiungano i politici globali, le proposte del G7 mettono in luce ancora una volta il delicato tema della tassazione in Medio Oriente. La regione è apparsa regolarmente negli elenchi dei paradisi fiscali globali in cui “uomini loschi in luoghi soleggiati” possono evitare di pagare le loro quote.

Ad esempio, all’inizio di quest’anno, il Tax Justice Network, un gruppo di pressione, ha classificato gli Emirati Arabi Uniti tra i primi 10 paradisi fiscali in cui le aziende possono creare una serie di “abusi fiscali globali sulle società”.

Gli Emirati Arabi Uniti hanno lanciato una campagna per cancellarsi dalle “liste nere” compilate dalle autorità finanziarie internazionali.

Alcuni esperti ritengono che questo sia un equivoco sul ruolo che le tasse hanno svolto nella regione. Sebbene l’imposta sul reddito delle persone fisiche sia ancora sconosciuta nella regione del Golfo, molti paesi hanno introdotto un’imposta sul valore aggiunto sui consumi, con l’Arabia Saudita che ha triplicato l’aliquota al 15% lo scorso anno per soddisfare le esigenze economiche della recessione pandemica.

L’imposta sulle società viene pagata anche in una serie di settori, in particolare petrolifero e bancario, in molti paesi del Golfo. C’è una vasta gamma di tasse e tasse governative riscosse in tutti i settori economici della regione.

Il Fondo Monetario Internazionale propone regolarmente una qualche forma di imposta sul reddito delle persone fisiche nella regione, un appello che finora ha incontrato resistenza da parte dei responsabili delle politiche economiche che riconoscono la necessità di attirare espatriati a vivere e lavorare nel GCC.

Un consulente fiscale, che ha chiesto di non essere nominato, ha dichiarato ad Arab News: “Gli Emirati Arabi Uniti e altri paesi del GCC non sono paradisi fiscali nello stesso senso delle Isole Cayman o del Liechtenstein. Sono giurisdizioni che sono state storicamente avverse alle tasse e hanno già utilizzato come strumento di politica economica”. .

Il miglior esempio di ciò sono le zone franche (FZ) e le zone economiche speciali (SEZ) che sono emerse nella regione come mezzo per attrarre investimenti diretti esteri.

Questa formula vincente potrebbe essere messa a repentaglio dalle proposte del G7?

Saidi ha affermato: “I paesi che hanno fatto affidamento su tasse zero nelle loro zone franche e zone economiche speciali per attirare capitali e diversificare le loro economie saranno accusati di facilitare l’evasione fiscale e aumentare le richieste di scambio di informazioni a fini fiscali e standard di governo societario più elevati, trasparenza e divulgazione.” .

READ  VOX POPULI: I dolci italiani non avranno lo stesso sapore durante la Golden Week: The Asahi Shimbun

Il regno ha recentemente promesso una serie di incentivi, comprese agevolazioni fiscali, alle multinazionali che hanno stabilito il loro quartier generale a Riyadh come parte di una strategia per rendere la città il centro finanziario del Golfo.

I dettagli del piano, che entrerà in vigore nel 2024, sono ancora in fase di elaborazione. “La giuria è ancora fuori su come l’aliquota dell’imposta sulle società del 15% nei paesi del GCC influenzerà la competitività dei vari centri finanziari in lizza per la sovranità nella regione”, ha affermato Fadlallah.


Inizialmente, il piano del G7 sembrava rappresentare una minaccia per i regimi fiscali bassi in vigore nella maggior parte dei paesi del Consiglio di cooperazione del Golfo, come l’Arabia Saudita, che erano visti come una parte importante delle loro strategie per la crescita economica. (AFP/foto d’archivio)

Khan della Banca europea per gli investimenti ha affermato che la politica fiscale è solo uno dei fattori della competitività della regione. “Dal nostro punto di vista, i governi del GCC cercano costantemente di competere per il capitale straniero a condizioni diverse dalle tasse basse”, ha detto ad Arab News.

“Mentre siamo d’accordo che il requisito fiscale minimo costringe a ripensare i paesi nella zona esentasse per attrarre e trattenere gli investimenti diretti esteri, la nostra sensazione è che il Medio Oriente rimanga un hub regionale strategico per le società globali e le potenze occidentali.

“La regione vanta una forza lavoro giovane e dinamica e una fascia demografica molto favorevole con un reddito spendibile più elevato. La regione è anche una fonte ampia e stabile di finanziamento per le startup new age tramite fondi sovrani”.

Complessivamente, le proposte del G7 hanno raccolto alcuni titoli per i paesi sviluppati che tassano e spendono, e saranno un vantaggio per avvocati e commercialisti globali. Ma è improbabile che sia un fattore significativo nel pensiero a lungo termine dei responsabili delle politiche economiche in Medio Oriente.

——————-

Cinguettio: Tweet incorporato

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post La proposta di matrimonio di Skywriting si conclude con uno scatto all’altezza di Joe Rogan
Next Post “Fearless” Photon dovrebbe iniziare per l’Inghilterra contro la Croazia mentre Richards esorta Southgate ad attaccare a tutto campo