I paesi del G7 promettono più di 1 miliardo di dosi di vaccino contro il Covid ai paesi poveri: il primo ministro britannico Johnson

Parlando domenica alla fine del vertice dei leader del G7 nel sud-ovest dell’Inghilterra, Johnson ha affermato che le dosi arriveranno direttamente e attraverso il programma internazionale COVAX.

L’impegno è ben al di sotto degli 11 miliardi di dosi che il capo dell’Organizzazione mondiale della sanità ha dichiarato necessarie per vaccinare almeno il 70% della popolazione mondiale entro la metà del 2022 e debellare veramente l’epidemia.

I leader del G7 dovrebbero assumere ulteriori impegni dopo il vertice di tre giorni ospitato da Johnson.

I paesi del G7 sono Canada, Francia, Germania, Italia, Giappone, Regno Unito e Stati Uniti.

I leader del G7 mirano a concludere il loro primo vertice in due anni con una serie di forti promesse domenica, tra cui la vaccinazione del mondo contro il coronavirus, il far pagare le mega aziende alla loro giusta quota di tasse e affrontare il cambiamento climatico con un mix di tecnologia e denaro.

In precedenza, il presentatore del vertice Johnson voleva che l’incontro di tre giorni alzasse la bandiera della “Gran Bretagna globale”, la spinta del suo governo per dare al paese di medie dimensioni un’enorme influenza globale.

Tuttavia, la Brexit ha messo in ombra questo obiettivo durante il vertice sulla costa del sud-ovest dell’Inghilterra. I leader dell’Unione europea e il presidente degli Stati Uniti Joe Biden hanno espresso preoccupazione per i problemi con le nuove regole commerciali tra il Regno Unito e l’Unione europea che hanno intensificato le tensioni in Irlanda del Nord.

Ma nel complesso, l’umore è stato positivo: i comandanti hanno sorriso alle telecamere sulla spiaggia del villaggio sulla scogliera di Carbis Bay, un villaggio e resort che è diventato una fortezza piena di traffico per l’incontro. L’ultimo vertice del G7 si è tenuto in Francia nel 2019, poiché la pandemia ha interrotto l’evento dello scorso anno negli Stati Uniti.

READ  3 giudici SC ascolteranno oggi le suppliche di Pegasus

I leader si sono mescolati con la regina Elisabetta II a un ricevimento reale la prima sera e bistecche e aragoste sono state servite a un barbecue sulla spiaggia dopo aver visto uno spettacolo aereo delle Frecce rosse della RAF la seconda.

Gli alleati dell’America erano chiaramente a loro agio con il ripristino degli Stati Uniti come un attore internazionale impegnato seguendo la politica “America First” dell’amministrazione Trump.

“Gli Stati Uniti sono tornati e le democrazie del mondo sono unite”, ha detto Biden al suo arrivo nel Regno Unito durante il primo viaggio all’estero dei suoi cinque mesi di presidenza. Tè con la regina domenica, lunedì ha partecipato al vertice della NATO a Bruxelles e mercoledì ha avuto colloqui con il leader russo Vladimir Putin a Ginevra.

Al G-7, Johnson ha definito Biden “una boccata d’aria fresca”. Il presidente francese Emmanuel Macron, dopo aver parlato faccia a faccia con Biden, ha dichiarato: “È bello avere un presidente americano che fa parte del club e così disposto a collaborare”.

Il rivitalizzato Gruppo dei Sette ha rilasciato dichiarazioni ambiziose durante i suoi incontri sull’istruzione delle ragazze, la prevenzione di future epidemie e il finanziamento di infrastrutture più verdi a livello globale. Soprattutto, si sono impegnati a condividere le dosi di vaccino con i paesi meno ricchi che ne hanno più bisogno. Johnson ha affermato che il gruppo si impegnerà per almeno 1 miliardo di dosi, metà delle quali proverrà dagli Stati Uniti e 100 milioni dalla Gran Bretagna.

Il direttore generale dell’OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus e altri funzionari della sanità pubblica hanno elogiato l’impegno sul vaccino, ma hanno affermato che non era sufficiente. Ha detto che per porre veramente fine all’epidemia, sono necessarie 11 miliardi di dosi per vaccinare almeno il 70% della popolazione mondiale entro la metà del 2022.

“Abbiamo bisogno di più e abbiamo bisogno di loro più velocemente”, ha detto Tedros.

READ  I talebani controllano diverse aree dell'Afghanistan

Il cambiamento climatico è l’obiettivo principale dell’ultimo giorno dei colloqui dei leader di domenica e il gruppo dovrebbe annunciare nuove misure di finanziamento per aiutare i paesi poveri a ridurre le emissioni di carbonio.

Il piano “Building Back Better for the World” promette di fornire finanziamenti alle infrastrutture – “dalle ferrovie in Africa ai parchi eolici in Asia” – per aiutare ad accelerare la transizione globale verso le energie rinnovabili. Il piano arriva in risposta all’iniziativa cinese “Belt and Road”, che ha aumentato l’influenza globale di Pechino.

Attivisti e analisti del clima affermano che il finanziamento annuale di 100 miliardi di dollari per aiutare i paesi poveri ad affrontare gli effetti del riscaldamento globale dovrebbe essere in cima alla lista del G7.

Tutte le nazioni del G7 si sono impegnate a raggiungere le emissioni nette di carbonio zero entro il 2050, ma molti ambientalisti dicono che sarebbe troppo poco, ed è troppo tardi.

Domenica il naturalista David Attenborough si è rivolto ai leader tramite video, avvertendo che l’umanità è “sul punto di destabilizzare l’intero pianeta”.

“Se è così, allora le decisioni che prendiamo in questo decennio – in particolare quelle prese dalle nazioni economicamente più avanzate – sono le più importanti nella storia umana”, ha affermato il documentarista veterano.

Max Lawson, capo della politica di disuguaglianza di Oxfam International, ha accolto con favore i piani per aumentare gli investimenti per aiutare i paesi poveri a ridurre le emissioni di carbonio, ma ha affermato che “non aiuta i poveri che sono attualmente colpiti dai cambiamenti climatici”.

“Quindi, sì, potrebbe essere una buona cosa, ma è abbastanza? Assolutamente no”, ha detto.

Grandi folle di surfisti e barche sono scese in mare sabato in una massiccia protesta per chiedere una migliore protezione per gli oceani del mondo, mentre migliaia di persone hanno suonato i tamburi mentre marciavano fuori dal centro media del summit a Falmouth.

READ  Regno Unito: 11enne denunciato per estremismo dopo che l'insegnante considera "l'elemosina" un'"armi"

I manifestanti hanno cantato: “Il G7 è tutto verde. Stiamo affogando nelle promesse, e ora è il momento di agire”.

Funzionari della Casa Bianca hanno anche affermato che Biden vuole che i leader del G7 parlino con una sola voce contro le pratiche di lavoro forzato che prendono di mira i musulmani uiguri cinesi e altre minoranze etniche. Biden spera che la condanna faccia parte di una dichiarazione congiunta domenica, ma alcuni alleati europei sono riluttanti a dividersi con forza con Pechino.

Canada, Gran Bretagna e Francia hanno ampiamente sostenuto la posizione di Biden sulla Cina, mentre Germania, Italia e Unione Europea hanno mostrato più esitazione, secondo due alti funzionari dell’amministrazione Biden.

Si prevede inoltre che la dichiarazione di chiusura dei leader adotti formalmente una tassa minima globale di almeno il 15% sulle grandi multinazionali per impedire alle aziende di utilizzare i paradisi fiscali per eludere le tasse.

Gli Stati Uniti hanno approvato il tasso minimo, allineandosi con l’obiettivo di Biden – e Johnson – di focalizzare il vertice sui modi in cui le democrazie possono collaborare per costruire un’economia globale più inclusiva ed equa e competere con regimi autoritari in crescita come la Cina.

Le nazioni non G7 India, Corea del Sud, Australia e Sud Africa sono state invitate a partecipare come ospiti per rafforzare il sostegno del gruppo ad altre democrazie.

Questa notizia è stata pubblicata dal feed dell’agenzia di stampa senza modifiche al testo. È cambiato solo il titolo.

partecipazione a Newsletter alla menta

* Inserisci un’email disponibile

* Grazie per esserti iscritto alla nostra newsletter.

Non perderti nessuna storia! Rimani connesso e informato con Mint. Scarica subito la nostra app!!

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Kovacic, centrocampista del Chelsea: mi ha fatto rompere una gamba con la Dinamo Zagabria
Next Post Cosa rende l’informatica quantistica così difficile da spiegare?