I paesi africani non vedono l’ora che arrivi l’Esposizione Internazionale di Dubai per correggere l’immagine

Dubai: i responsabili delle politiche economiche a volte si sentono un po ‘ansiosi quando il Fondo monetario internazionale entra in città.

L’istituto finanziario globale di 77 anni non è un regolatore in senso stretto, ma ha il potere di esprimere un giudizio positivo o negativo sul modo in cui operano i responsabili politici – ministri, banchieri centrali e funzionari. La loro economia.

In circostanze estreme, il Fondo monetario internazionale potrebbe approvare o rifiutare scoperte salvavita da un’economia in crisi. In circostanze più naturali, il suo giudizio può avere un impatto significativo sui rating di credito internazionali che tutti i paesi utilizzano quando accedono ai mercati dei capitali globali.

Quando la “missione” del Fondo monetario internazionale ha concluso la sua visita in Arabia Saudita il mese scorso, ci deve essere stata almeno una leggera preoccupazione tra i responsabili delle politiche economiche nel regno in attesa del giudizio ufficiale del FMI sulla gestione della pandemia e degli shock economici associati in 2020..

Il settore petrolifero ha beneficiato del ruolo del Regno nel riequilibrio dei mercati globali attraverso l’OPEC +. (AFP)

Non c’era dubbio che il Regno dell’Arabia Saudita, ricco di risorse, stesse cercando assistenza finanziaria dal Fondo monetario internazionale, ma poiché l’organizzazione non aveva effettuato la sua consueta visita annuale nel 2020 devastato dal Coronavirus, c’erano molte ragioni da coprire. dopo un anno di cambiamenti Radicati nella politica per affrontare la grave recessione seguita allo scoppio.

A quanto pare, i funzionari sauditi non avevano affatto bisogno di preoccuparsi. La “dichiarazione di chiusura”, rilasciata la scorsa settimana, è stata un lungo voto di fiducia nel modo in cui hanno affrontato le enormi sfide poste dalla pandemia.

Inoltre, è stato un forte avallo della strategia Vision 2030 per diversificare l’economia del regno lontano dalla dipendenza dal petrolio.

Gli economisti indipendenti non sono stati sorpresi dalla positività del FMI. Nasser Al-Saeedi, ex capo economista del Dubai International Financial Centre (DIFC), ha dichiarato ad Arab News: “Il paese è stato proattivo nell’attuazione di una serie di riforme nonostante l’epidemia e il calo dei prezzi del petrolio. Il sistema sanitario pubblico si è dimostrato resiliente “.

Gli esperti del FMI erano categorici. “Le autorità hanno risposto rapidamente e con fermezza alla crisi del COVID-19. Hanno affermato che rigorose misure di contenimento precoce e mitigazione degli impatti sulla salute hanno ridotto il numero di casi e decessi e il programma di vaccinazione ha compiuto buoni progressi negli ultimi mesi.

I turisti polacchi ascoltano una guida durante la loro visita al Museo del Re Abdulaziz ad Al-Masmak, nel vecchio quartiere di Riyadh. (AFP)

Gli esperti hanno aggiunto: “I programmi di sostegno finanziario, finanziario e occupazionale forniti dal governo e dall’Agenzia monetaria dell’Arabia Saudita hanno contribuito a mitigare l’impatto dell’epidemia sulle aziende e sui lavoratori sauditi”.

I visitatori del Fondo monetario internazionale hanno concluso che una delle ragioni principali di questa performance risiede nel piano di riforma Vision 2030 in vigore dal 2016, che mira a modernizzare l’economia del regno e creare un settore privato più dinamico e imprenditoriale per sostituire il governo spesa. La forza trainante economica.

Le riforme nell’ambito della Vision 2030 hanno svolto un ruolo importante nell’aiutare l’economia a superare la pandemia. Gli sforzi per creare una solida struttura di coordinamento e governance tra agenzie, la crescente digitalizzazione del governo e dei servizi finanziari, le riforme volte ad aumentare la mobilità nel mercato del lavoro e forti equilibri per la politica fiscale e fiscale hanno preparato l’economia a gestire la crisi “, il Fondo monetario internazionale ha detto.

Tutti gli indicatori si stanno muovendo nella giusta direzione. La crescita del PIL reale dovrebbe raggiungere il 2,1 per cento quest’anno, il che rappresenta un drastico cambiamento dal calo del 4,1 per cento nel 2020. E nell’importante settore non petrolifero – la principale misura del successo del piano di diversificazione – la crescita del PIL reale è rimbalzata La seconda è per il 2020 e le indicazioni sono che continuerà nel 2021.

Il Fondo monetario internazionale prevede che la crescita non petrolifera raggiungerà il 3,9% quest’anno e il 3,6% il prossimo. L’inflazione, che è spesso una delle principali preoccupazioni per il Fondo monetario internazionale, sarà gestibile al 2,8% l’anno prossimo, mentre la disoccupazione – un altro indicatore chiave della strategia di diversificazione – è scesa al 12,6% per i cittadini sauditi alla fine dello scorso anno.

Inoltre, il ruolo che l’Arabia Saudita ha svolto nella strategia di tagli dell’OPEC + per riequilibrare i mercati globali darà i suoi frutti quest’anno e il prossimo, poiché il PIL del petrolio tornerà alla crescita del 6,8% l’anno prossimo, quando le forniture di petrolio torneranno alla normalità a livelli elevati.

Anche i responsabili delle politiche fiscali nel regno sono stati schiaffeggiati dal Fondo monetario internazionale. “Il deficit si è ampliato nel 2020 all’11,3% del PIL (4,5% del PIL nel 2019) con entrate petrolifere inferiori e maggiori esigenze di spesa, ed è stato comodamente finanziato da nuovi prestiti e prelievi di depositi governativi”. Il Fondo monetario internazionale ha detto che il deficit scenderà al 4,2 per cento quest’anno, meno delle aspettative ufficiali.

Alcune delle misure controverse introdotte durante la pandemia, come l’aliquota dell’imposta sul valore aggiunto che è triplicata, così come l’abolizione delle indennità per il costo della vita e dei sussidi ai prezzi energetici interni “, sono tutti importanti contributi all’adeguamento fiscale pianificato e non dovrebbero essere invertiti. O sono ritardati. “

aPreparare

Si prevede una crescita del 3,9% non petrolifera quest’anno.

Tasso di inflazione del 2,8% previsto per il prossimo anno.

Il lavoro del Ministero delle Finanze è stato riconosciuto dal Fondo Monetario Internazionale. “Sono necessari passaggi per continuare a migliorare la trasparenza finanziaria, anche pubblicando informazioni più dettagliate nei documenti di bilancio e ampliando la copertura dei dati finanziari al di fuori del governo centrale”, hanno affermato.

E Mohammed Al-Jadaan, ministro delle finanze saudita, ha elogiato il Fondo monetario internazionale. In risposta, ha affermato: “Questi risultati sono stati raggiunti nonostante l’impatto della pandemia COVID-19, le fluttuazioni dei prezzi del petrolio, le forti fluttuazioni economiche, la diminuzione della domanda globale, il calo della crescita e altre sfide che il governo saudita deve affrontare”.

Il ministro delle finanze saudita Mohammed Al-Jadaan. (AFP)

Il Fondo monetario internazionale ha elogiato i settori monetari e i mercati dei capitali del regno. “Il settore finanziario è ancora soggetto alla regolamentazione e alla supervisione dell’Agenzia monetaria dell’Arabia Saudita”, ha aggiunto.

Le banche godono di un buon capitale e liquidità nonostante il calo della redditività e un leggero aumento delle sofferenze (che sono ancora basse) nell’ultimo anno “.

“Il ritmo impressionante delle riforme del mercato azionario e del debito è continuato, sotto la guida della Capital Market Authority e del National Center for Debt Management. Queste riforme aumentano le possibilità di raccolta di capitali per le aziende e le opportunità di investimento per i risparmiatori.

“La cautela fiscale deve essere integrata in Arabia Saudita, oltre a fare un uso efficace dei mercati del debito e strutturare le principali infrastrutture energetiche per finanziare il deficit”, ha detto Saeedi, ex capo economista del Dubai International Financial Centre.

Su un argomento importante – la graduale erosione delle riserve estere dell’Arabia Saudita sotto l’influenza di pressioni epidemiche e la necessità di investimenti continui nelle iniziative Vision 2030 – il FMI era ottimista. L’ancoraggio del tasso di cambio continua a servire bene l’Arabia Saudita data l’attuale struttura economica. Le riserve di valuta estera dell’Agenzia monetaria dell’Arabia Saudita rimangono a livelli molto confortevoli.

“Il sostegno finanziario e finanziario e i programmi per l’occupazione hanno contribuito a mitigare l’impatto dell’epidemia sulle aziende e sui lavoratori sauditi”. (AFP)

Ci sono stati alcuni avvertimenti da parte dei residenti del FMI. “Per garantire la ripresa e stimolare una crescita più forte, i responsabili politici devono gestire con attenzione l’uscita dal supporto residuo correlato a COVID e perseguire l’agenda di riforme a lungo termine nell’ambito della Vision 2030”, hanno affermato.

Hanno anche evidenziato la necessità di continuare a sostenere il “Social Security Network” per sostenere le famiglie a basso reddito che potrebbero lottare con l’impatto della recessione economica, che è stata esacerbata dalle alte aliquote fiscali e dal ritiro delle indennità per il costo della vita.

“Se la ripresa si interrompe, la prevista riduzione della spesa in conto capitale del governo potrebbe rallentare mantenendo invariata la dotazione per la spesa in conto capitale a medio termine”, ha affermato il Fondo monetario internazionale.

Al-Ula, un’antica città nell’Arabia Saudita occidentale, si sta sviluppando come una delle principali destinazioni turistiche del Regno. (AFP)

Soprattutto, è importante mantenere lo slancio della riforma economica. Aumentare la competitività dei lavoratori sauditi nel settore privato è fondamentale per il successo dell’agenda di riforme. I valutatori del Fondo monetario internazionale hanno concluso che lo sviluppo di un settore privato competitivo e diversificato sarebbe difficile se le aspettative salariali per i lavoratori sauditi non fossero in linea con la loro produttività.

Secondo Al-Saeedi, il ritmo della crescita continua dipende dai mercati petroliferi globali e dal modello futuro del virus, ma gli indicatori sono buoni quanto le conclusioni del Fondo monetario internazionale.

Ha detto: “Le prospettive di crescita nel Regno dell’Arabia Saudita con una stabilità macroeconomica continua e una posizione finanziaria prudente incoraggeranno un aumento degli investimenti nazionali ed esteri oltre agli investimenti in abitazioni e consumi delle famiglie”.

_______________

Twitter: frankkanedubai

READ  Ultime notizie sul coronavirus: la crescita dei servizi statunitensi raggiunge livelli record a maggio
Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post SpaceX segna il riutilizzo del booster all’avvio di Starlink
Next Post Scienziati cinesi hanno discusso di come armare il virus Corona 5 anni prima dello scoppio dell’epidemia: Rapporto | notizie dal mondo