I paesi adottano il patto climatico di Glasgow dopo che India e Cina hanno imposto un emendamento al riferimento al carbone

Dopo che l’India e la Cina sono riuscite a forzare un emendamento alla lingua che chiedeva l’eliminazione graduale dei sussidi al carbone e ai combustibili fossili in un drammatico intervento dell’ultimo minuto, i paesi in una riunione sui cambiamenti climatici a Glasgow hanno adottato il Glasgow Climate Pact volto a mantenere vive le speranze. Per raggiungere una temperatura target di 1,5 °C.

L’accordo è stato molto al di sotto delle aspettative per un accordo audace e ambizioso, ma i paesi lo hanno comunque salutato come un importante passo avanti negli sforzi per impedire che le temperature globali aumentino oltre 1,5 gradi Celsius rispetto ai tempi preindustriali.

“È un piccolo passo avanti. Il ritmo è molto lento. Ci muoviamo di un centimetro quando abbiamo bisogno di correre miglia”, ha affermato Harjit Singh, consulente senior di Climate Action International, un grande gruppo di ONG che lavorano nello spazio climatico.

Leggi | COP26: Il tempo stringe, questioni irrisolte, nessun accordo ancora

Ore dopo l’adozione dell’accordo finale, sono emerse forti differenze in primo piano sul riferimento alla graduale eliminazione dei sussidi al carbone e ai combustibili fossili. India, Cina e molti altri paesi in via di sviluppo, tra cui Iran, Venezuela e Cuba, si sono opposti alla disposizione che invitava i paesi ad accelerare “gli sforzi per eliminare gradualmente l’energia del carbone e i sussidi inefficaci per i combustibili fossili”. È stata la prima volta che l’eliminazione graduale del carbone è stata menzionata esplicitamente in qualsiasi risoluzione delle riunioni sui cambiamenti climatici ed è stata vista come una componente progressiva dell’accordo, in particolare dai gruppi della società civile.

Il ministro dell’Ambiente indiano Bhupendra Yadav ha sostenuto che i paesi in via di sviluppo non dovrebbero essere privati ​​dell’opportunità di sviluppo.

La Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (UNFCCC) si riferisce alla mitigazione delle emissioni di gas serra da tutte le fonti. La Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici non è diretta a nessuna fonte particolare…. Prendere di mira un settore in particolare non è giustificato. Ogni paese raggiungerà emissioni nette pari a zero in base alle condizioni, ai punti di forza e di debolezza nazionali. Sabato, durante un incontro finale a Glasgow, Yadav ha affermato che i paesi in via di sviluppo hanno diritto alla loro giusta quota del bilancio globale del carbonio e hanno diritto a un uso responsabile dei combustibili fossili all’interno di tale intervallo.

READ  Livelli record di infezione da Covid-19, i blocchi accendono allegria festosa in Europa | notizie dal mondo

“In una situazione del genere, come ci si può aspettare che i paesi in via di sviluppo possano fare promesse sulla graduale eliminazione dei sussidi ai combustibili fossili? I paesi in via di sviluppo devono ancora affrontare programmi di sviluppo e di eliminazione della povertà. A tal fine, i sussidi forniscono sicurezza sociale e supporto che è molto necessario.”

Yadav ha fornito un esempio in cui sovvenzionare i combustibili fossili è stato vantaggioso dal punto di vista dello sviluppo e della salute.

Forniamo sussidi per l’uso del GPL alle famiglie a basso reddito. Questo supporto ha notevolmente contribuito a eliminare la combustione della biomassa per cucinare, a migliorare la salute delle donne ea ridurre l’inquinamento dell’aria interna.

Con il sostegno della Cina e di molti altri paesi in via di sviluppo, l’India ha successivamente presentato una proposta per modificare questa disposizione per sostituire la parola “phasing out” con la parola “phasing out” nel contesto del carbone e per includere il riconoscimento delle diverse condizioni nazionali di alcuni paesi. L’ultima clausola ha invitato i paesi a intensificare gli sforzi “per ridurre gradualmente l’energia dal carbone e eliminare gradualmente i sussidi inefficienti ai combustibili fossili fornendo al contempo un sostegno mirato ai più poveri e vulnerabili in linea con le condizioni nazionali…”.

Diversi stati hanno espresso disappunto per questo “allentamento” ma hanno comunque dato il loro consenso, aprendo la strada all’adozione della Carta di Glasgow dopo due settimane di intensi negoziati.

Mentre la lotta al carbone ha catturato la maggior attenzione nelle ultime ore della riunione, 26NS La Conferenza delle parti della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (UNFCCC), o in breve COP26, sarà anche ricordata per il fallimento dei paesi sviluppati nel mantenere la loro promessa di 12 anni di mobilitare almeno 100 miliardi di dollari in finanziamenti per il clima per aiutare il mondo in via di sviluppo ad affrontare gli effetti del cambiamento climatico. Questo denaro doveva essere raccolto ogni anno dal 2020 in poi, ma la scadenza è stata posticipata al 2023, poco prima della conferenza di Glasgow.

READ  L'Egitto rivela una città perduta di 3000 anni vicino a Luxor

La Carta del clima di Glasgow ha preso atto di questo fallimento con “profondo rammarico” e ha chiesto ai paesi sviluppati di mantenere urgentemente questa promessa. Sono inoltre iniziate discussioni sulla definizione di un nuovo obiettivo di finanziamento del clima, oltre 100 miliardi di dollari, da mobilitare ogni anno a partire dal 2025.

Anche Glasgow ha avuto alcuni successi significativi. In risposta alle richieste dei paesi in via di sviluppo e in linea con l’impegno dell’Accordo di Parigi, è stato avviato un nuovo processo per fissare un obiettivo globale di adattamento. L’accordo di Parigi ha un obiettivo globale di mitigazione, definito in termini di obiettivi di temperatura. Mira a ridurre le emissioni di gas serra in quantità sufficienti per mantenere

La temperatura globale è salita a 2°C dai tempi preindustriali, con sforzi per limitarla al di sotto di 1,5°C.

Ma mancava un simile obiettivo di adattamento, soprattutto a causa delle difficoltà nella definizione di tale obiettivo. A differenza degli sforzi di mitigazione che portano benefici globali, i benefici dell’adattamento sono locali o regionali. Non esistono standard globali uniformi rispetto ai quali fissare e misurare gli obiettivi di adattamento.

La Glasgow Climate Charter ha stabilito un programma di lavoro biennale per definire un obiettivo di adattamento.

La COP 26 ha anche risolto l’annosa questione dei mercati del carbonio che bloccava la finalizzazione delle regole e delle procedure per l’attuazione dell’Accordo di Parigi. Paesi, regioni o persino aziende possono scambiare riduzioni delle emissioni nel mercato del carbonio. Un’entità che sta cercando di raggiungere obiettivi di riduzione delle emissioni ma non è in grado di farlo può acquistare crediti di carbonio da altre entità che sono state in grado di effettuare più riduzioni di quelle necessarie.

READ  Russia, Iran e Asia Centrale parteciperanno all'incontro di Delhi a Kabul

In una grande concessione a grandi economie come India, Cina o Brasile, la COP 26 ha permesso di scambiare vecchi crediti di carbonio, ottenuti nell’ambito dei meccanismi del Protocollo di Kyoto, nel nuovo mercato del carbonio in fase di creazione, a condizione che tali crediti siano stati ottenuti dopo il 2012 I crediti concessi I Paesi possono utilizzare questi crediti per raggiungere obiettivi di riduzione delle emissioni entro il 2025.

La COP 26 si è anche avvicinata alla creazione di un allegato su perdite e danni, riferendosi agli ingenti danni subiti dai paesi a causa dei disastri climatici. I paesi meno sviluppati, i piccoli stati insulari e la comunità africana hanno chiesto a gran voce un meccanismo per perdite e danni che possa aiutare gli sforzi di soccorso e riabilitazione dopo i disastri del cambiamento climatico. L’incontro di Glasgow ha avuto discussioni sostanziali su perdite e danni otto anni dopo, ma si è fermato prima di creare una struttura che era necessaria. Invece, ha semplicemente instaurato un dialogo per discutere il finanziamento delle attività per far fronte a perdite e danni.

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Il calciatore RPI porta il calcio alla vittoria nel gioco Dutchman Shoes
Next Post Pokemon Go Confetti sta cadendo dal cielo fino al 14 novembre 2021, i giocatori vogliono spegnerlo