I neuroscienziati scoprono una nuova funzione del cervelletto: la memoria emotiva

I neuroscienziati scoprono una nuova funzione del cervelletto: la memoria emotiva
Il cervelletto e la memoria emotiva

Il cervelletto (attivazione in rosso) comunica con diverse regioni del cervello (attivazione in verde) per migliorare la memorizzazione delle informazioni emotive. Credito: MCN, Università di Basilea

Il cervelletto è noto principalmente per la regolazione del movimento. Gli scienziati dell’Università di Basilea hanno ora scoperto che anche il cervelletto svolge un ruolo importante nel ricordare le esperienze emotive.

Sia le esperienze emotive positive che quelle negative sono particolarmente ben conservate nella memoria umana. Questo fenomeno è importante per la nostra sopravvivenza, perché dobbiamo ricordare le situazioni pericolose per evitarle in futuro. Studi precedenti hanno dimostrato che una struttura cerebrale chiamata amigdala, importante nell’elaborazione delle emozioni, svolge un ruolo importante in questo fenomeno. Le emozioni attivano l’amigdala, che a sua volta facilita la memorizzazione delle informazioni in diverse aree del cervello.

Il cervelletto (dal latino significa “cervello piccolo”) è la parte del cervello situata nella parte posteriore della testa tra il cervello e il tronco encefalico. Tra le altre funzioni, il cervelletto svolge un ruolo importante nel controllo motorio, nella regolazione dell’equilibrio per camminare e stare in piedi e in altre complesse funzioni motorie.

La ricerca attuale sta esaminando il ruolo del cervelletto nella memorizzazione delle esperienze emotive. In uno studio su larga scala, i ricercatori hanno mostrato a 1.418 partecipanti immagini emotive e neutre e registrato l’attività cerebrale delle persone utilizzando la risonanza magnetica. Lo studio è stato condotto dal professor Dominique de Quervain e dal professor Andreas Papasoteropoulos dell’Università di Basilea. Inserito il 3 ottobre in Atti dell’Accademia Nazionale delle Scienze (PNAS).

In un test di memoria condotto successivamente, i partecipanti ricordavano le immagini positive e negative molto meglio delle immagini neutre. Una migliore conservazione delle immagini emotive è stata associata a una maggiore attività cerebrale in aree del cervello già note per svolgere un ruolo. Tuttavia, il team ha anche identificato una maggiore attività nel cervelletto.

Il cervelletto in comunicazione con il cervello

Gli scienziati sono stati anche in grado di dimostrare che il cervelletto mostra una connessione più forte con diverse aree del cervello durante il processo di archiviazione potenziata delle immagini emotive. Riceve informazioni dal giro cingolato, un’area del cervello importante nella percezione e valutazione delle emozioni. Inoltre, il cervelletto invia segnali a diverse aree del cervello, inclusi l’amigdala e l’ippocampo. Quest’ultimo svolge un ruolo centrale nell’archiviazione della memoria.

“Questi risultati suggeriscono che il cervelletto è parte integrante di una rete responsabile del miglioramento dell’archiviazione delle informazioni emotive”, afferma de Quervain. Sebbene il miglioramento della memoria per gli eventi emotivi sia un meccanismo critico di sopravvivenza, ha uno svantaggio: nel caso di esperienze altamente negative, può portare a ansia ricorrente. Ciò significa che i risultati, che sono stati ora pubblicati, potrebbero essere rilevanti anche per comprendere condizioni psicologiche come il disturbo da stress post-traumatico.

Ricerca di Basilea sulle emozioni e la memoria

Il presente studio fa parte di un progetto di ricerca su larga scala condotto dalla Piattaforma di ricerca Molecular and Cognitive Neuroscience (MCN) dell’Università di Basilea e dalle Cliniche psichiatriche universitarie (UPK) di Basilea. L’obiettivo di questo progetto è quello di acquisire una migliore comprensione dei processi emotivi e cognitivi e di trasferire i risultati dalla ricerca di base ai progetti clinici.

Riferimento: “I collegamenti del cervelletto umano e della corteccia cerebellare sono coinvolti nel miglioramento della memoria emotiva” di Matthias Vastenrath, Clara Spalik, David Coyle, Eva Los, Annette Melnik, Tobias Egli, Natalie Schektans, Leonie Geismann, Benno Rosendal, Andreas Papasoteropoulos e Dominic J. . De Quervain, 3 ottobre 2022, disponibile qui. Atti dell’Accademia Nazionale delle Scienze.
DOI: 10.1073/pnas.2204900119

READ  La cinese Zhurong Mars Rover trova tracce di acqua nelle dune di sabbia di Marte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *