I membri del quartetto aumentano il sostegno per Covid-19 per i paesi vicini

I partner dell’India nel dialogo quadruplo sulla sicurezza hanno intensificato i loro sforzi per rafforzare la risposta del Covid-19 ai paesi vicini e stanno setacciando altre parti del mondo alla ricerca di scorte in eccesso di vaccino AstraZeneca e fornendo fondi per i soccorsi di emergenza.

Le mosse degli altri membri del Quartetto – Australia, Giappone e Stati Uniti – sono arrivate mentre la Cina cercava di svolgere un ruolo più importante nella regione fornendo vaccini Covid-19 e altre forniture.

Gli Stati Uniti stanno già cercando scorte in eccedenza di vaccino AstraZeneca in Europa e in altre regioni che potrebbero essere utilizzate per aiutare Bhutan, Nepal e altri paesi nelle vicinanze che hanno interessato le forniture di vaccini una volta che l’India ha ridotto le sue esportazioni a marzo per concentrarsi sul secondo ondata di vaccino. Infezione da covid19.

L’Australia ha recentemente annunciato un finanziamento di 17,5 milioni di dollari per i soccorsi di emergenza a sostegno di Bangladesh, Nepal e Sri Lanka nella loro risposta all’ondata di casi di Covid-19. Il Giappone sta fornendo 25 sistemi portatili di immagini diagnostiche a ultrasuoni agli ospedali in Nepal e ha in programma di inviare 160 concentratori di ossigeno e sei ambulanze.

La decisione del governo indiano di ridurre le esportazioni di vaccini ha avuto un forte impatto sulle campagne di vaccinazione in paesi come il Nepal e il Bhutan, che hanno utilizzato le dosi fornite dall’India per fornire i primi vaccini a centinaia di migliaia di persone. Le persone che hanno familiarità con gli sviluppi hanno detto, a condizione dell’anonimato, che sono passati quasi tre mesi da quando molte persone hanno ricevuto il primo colpo in Nepal.

READ  I casi giornalieri di Covid in India sono i più bassi in due mesi, 2.677 morti in 24 ore 24

Lunedì, durante una conversazione telefonica, il ministro degli esteri nepalese ha chiesto al vice segretario di Stato americano Wendy Sherman di “dare la dovuta priorità” al suo paese nella distribuzione di vaccini in eccesso tra i paesi in via di sviluppo. La collaborazione nel contesto della pandemia di Covid-19 è stata una parte fondamentale della conversazione, secondo una lettura del ministero degli Esteri nepalese.

Poiché è improbabile che riprendano le esportazioni di vaccini dall’India in qualsiasi momento nel prossimo futuro, gli Stati Uniti stanno studiando la possibilità di ottenere dosi di AstraZeneca da altre parti del mondo in modo che le persone in Bhutan e Nepal possano ricevere la seconda dose.

L’incaricato d’affari degli Stati Uniti, Daniel Smith, ha dichiarato: “Alcuni paesi potrebbero ricorrere a ricominciare con il vaccino Pfizer o Moderna, ma è chiaro che se possiamo risolvere questo problema fornendo una seconda dose di AstraZeneca, sarebbe il più semplice e soluzione migliore.” Riepilogo delle notizie all’inizio di questo mese.

Riconoscendo i rischi di un secondo ciclo di vaccinazioni in paesi come il Nepal, Smith ha detto che gli Stati Uniti stanno cercando di collaborare con altri paesi e aumentare la produzione di vaccini in India per compensare la carenza.

L’Australia fornisce finanziamenti di emergenza ai paesi vicini per il sostegno dei partner sul campo. Ciò includerà ossigeno, ventilatori e una migliore tracciabilità dei contatti.

In Bangladesh, l’Australia fornirà 5 milioni di dollari a partner come la Bangladesh Red Crescent Society per l’acquisto di forniture essenziali, compreso l’ossigeno e le relative attrezzature. Ciò si aggiunge ai 5,7 milioni di dollari precedentemente forniti per attrezzature e formazione.

READ  Giornalista indiano vince il Premio Pulitzer per aver denunciato la vasta infrastruttura di detenzione dei musulmani in Cina

In Nepal, l’Australia fornirà 7 milioni di dollari per l’acquisto di attrezzature essenziali attraverso le Nazioni Unite e i partner delle ONG. L’Australia sta già fornendo attrezzature ospedaliere nelle aree più colpite del Nepal e al confine con l’India, oltre a kit di test e formazione per gli operatori sanitari.

L’Australia fornirà 5,5 milioni di dollari al Fondo per lo sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite in Sri Lanka per forniture critiche e sistemi sanitari. Ha già fornito oltre 6,2 milioni di dollari a sostegno del Covid-19 per lo Sri Lanka nel periodo 2020-2021. L’Australia ha anche fornito ossigeno e relative forniture tramite l’UNICEF, comprese 291 bombole di ossigeno e 342 regolatori di ossigeno.

L’India ei suoi partner del Quartetto stanno osservando attentamente le azioni della Cina nel vicinato, inclusa la fornitura di vaccini come sovvenzioni. Il 12 maggio il Bangladesh ha ricevuto in dono 500.000 dosi di vaccino cinese Sinopharm e l’ambasciata cinese a Dhaka ha annunciato che il secondo lotto di dosi sarebbe stato donato a breve.

Lunedì, l’ambasciatore cinese in Afghanistan Wang Yu ha annunciato su Twitter che Pechino donerà 700.000 dosi di vaccini a Kabul.

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Il vicepresidente di Harvard Provost eletto per consenso dal prossimo presidente della FSU
Next Post Gli scienziati stanno ripristinando la visione parziale del cieco attraverso una terapia genica innovativa