I marchi della catena di negozi di alimentari hanno un momento?

Otteniamo l’IPC di oggi, che ci dirà dove sta andando l’inflazione. Con i consumatori che diventano più consapevoli del costo, i marchi in negozio stanno ricevendo maggiore attenzione da parte dei consumatori.

Il professore del Boston College Francesco DeConto è solitamente fedele ai marchi italiani di pasta e sughi per pasta.

“Sai, solo per inerzia, perché conosco i marchi che normalmente userei per comprarli”, ha detto.

Dopotutto viene dall’Italia, ma di recente ha preso la decisione di passare a un marchio di un negozio e ha accettato.

“Mi sento esposto, forse felice come lo ero prima di mangiare la pasta… pasta al sugo di pomodoro”, ha detto.

Nella sua ricerca, ha scoperto che i consumatori spesso commerciano da marchi di marca a marchi di negozi di marca in base alle variazioni di prezzo che vedono ogni giorno.

“Danno forma al modo in cui pensano all’inflazione in base ai prezzi che pagano al supermercato. Modellano la loro idea di inflazione in base a questa piccola bolla, dove vivono”.

A volte, ha detto D’Acunto, i marchi dei negozi sono effettivamente prodotti dallo stesso produttore del marchio.

E secondo il professore di economia della Cornell University Caitlin Woolley, il marchio del negozio non è sempre il più economico.

“Le persone hanno questa percezione. Non è sempre così”, ha detto.

Woolley ha affermato che gli acquirenti non sono bravi a notare le differenze di prezzo e che le decisioni possono dipendere dal marketing.

“Ciò che cattura la tua attenzione sono i colori, gli adesivi, il logo, tutto. E il prezzo è una piccola parte di questo”, ha detto.

READ  Hospitality Qatar è una piattaforma per partnership globali

Secondo la società di analisi dei dati IRI, la più grande categoria di marchi in negozio che sta registrando un aumento della quota di mercato in questo momento è quella dei prodotti a base di carne come la salsiccia per la colazione e il pollo.

Ma non è finita qui, ha detto K.K. Davey dell’IRI.

“Prevediamo che questa tendenza si estenderà” ad altri generi alimentari, ha affermato.

Ciò significa che i marchi dei negozi in generale possono avere un momento, ha affermato Doug Baker della Federation of Food Industries (FMI).

“Ecco perché in alcuni casi vedrai rivenditori con molti marchi privati ​​nei loro negozi, perché stanno cercando di soddisfare esigenze specifiche”, ha affermato.

Tutta questa attenzione, ha detto, rappresenta un’opportunità per le catene alimentari di creare nuovi articoli di marca per i negozi, ma con problemi di catena di approvvigionamento, i negozi stanno solo avendo difficoltà a mantenere le offerte esistenti in magazzino.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Ryan Reynolds insiste che Deadpool può “adottare la cultura di Bollywood”
Next Post La Trivest Healthcare Alliance ha assunto Vets Platinum Medallion dal Dipartimento del Lavoro degli Stati Uniti per riuscire a reclutare veterani entro il 2021.