I manifestanti a L’Avana protestano contro la carenza, l’aumento dei prezzi: NPR

La polizia in borghese ha arrestato un manifestante anti-governativo durante una protesta a L’Avana, Cuba, domenica. Centinaia di manifestanti sono scesi in piazza in diverse città di Cuba per protestare contro la continua carenza di cibo e gli alti prezzi dei prodotti alimentari.

Ramon Espinosa / AP


nascondi didascalia

attiva/disattiva didascalia

Ramon Espinosa / AP

La polizia in borghese ha arrestato un manifestante anti-governativo durante una protesta a L’Avana, Cuba, domenica. Centinaia di manifestanti sono scesi in piazza in diverse città di Cuba per protestare contro la continua carenza di cibo e gli alti prezzi dei prodotti alimentari.

Ramon Espinosa / AP

Migliaia di cubani hanno marciato domenica sul lungomare Malecon dell’Avana e altrove sull’isola per protestare contro la carenza di cibo e i prezzi elevati durante la crisi del coronavirus, in una delle più grandi manifestazioni antigovernative in memoria.

Molti giovani hanno preso parte alla protesta pomeridiana nella capitale, che ha interrotto il traffico fino a quando la polizia è intervenuta dopo diverse ore e ha interrotto la marcia quando alcuni manifestanti hanno lanciato sassi.

La polizia inizialmente era dietro ai manifestanti che cantavano “Libertà”, “Basta” e “Uniti”. Un motociclista ha tirato fuori una bandiera degli Stati Uniti, ma gli è stata strappata da altri.

“Siamo stufi delle code, della carenza. Ecco perché sono qui”, ha detto un manifestante di mezza età all’Associated Press. Ha rifiutato di identificarsi per paura di essere arrestato in seguito.

Cuba sta attraversando la peggiore crisi economica degli ultimi decenni, insieme a una ripresa dei casi di coronavirus.

La manifestazione è cresciuta fino a poche migliaia nelle vicinanze di viale Galeano e i manifestanti hanno continuato a incalzare nonostante alcune cariche di agenti di polizia e lacrimogeni. Le persone in piedi su molti balconi lungo l’arteria centrale nel quartiere Centro Habana hanno applaudito i manifestanti che passavano. Altri si sono uniti alla marcia.

Sebbene molte persone abbiano cercato di estrarre i cellulari e trasmettere la protesta in diretta, le autorità cubane hanno interrotto il servizio Internet per tutto il pomeriggio.

A circa 2 ore e mezza dall’inizio della marcia, alcuni manifestanti hanno tirato su ciottoli e li hanno lanciati contro la polizia, a quel punto gli ufficiali hanno iniziato ad arrestare le persone e i manifestanti si sono dispersi.

Anche un gruppo di sostenitori del governo è arrivato nella zona gridando slogan a favore del defunto presidente Fidel Castro e della rivoluzione. Alcuni di loro hanno aggredito un cameraman e un fotografo di AP.

Manifestazioni si sono svolte anche in altre parti dell’isola, inclusa la piccola città di San Antonio de los Banos, dove le persone hanno protestato per le interruzioni di corrente e sono state visitate dal presidente Miguel Díaz-Canel. È entrato in alcune case, dove ha risposto alle domande dei residenti.

In seguito, però, accusò i cubani americani di aver fomentato problemi.

READ  Il Papa battezza 16 bambini nella Cappella Sistina dopo un anno di pausa - CBS17.com

“Come se focolai di pandemia non fossero esistiti in tutto il mondo, la mafia cubano-americana, pagando molto bene sui social network influencer e YouTuber, ha creato un’intera campagna … e ha chiesto manifestazioni in tutto il paese”, ha detto Diaz- Canel ha detto ai giornalisti.

Emanuele Schiavone

"Appassionato ninja della birra. Risolutore di problemi estremi. Pensatore. Appassionato di web professionista. Avido comunicatore. Piantagrane hardcore. "

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post Troppo presto per ridurre gli acquisti di obbligazioni epidemiche “di emergenza”: Visco . della BCE
Next Post Highlights di Euro 2020: Inghilterra bocciata la storia. L’Italia vince ai rigori