I gruppi terroristici del Pakistan si uniscono alla guerra dei talebani, l’India è prudente | notizie dal mondo

Migliaia di terroristi pakistani di Lashkar-e-Taiba, Jaish-e-Mohammed e altri gruppi stanno attualmente combattendo a fianco dei talebani in Afghanistan in chiara violazione dell’accordo di pace del 2020 firmato dai talebani e dagli Stati Uniti, secondo i rapporti dei servizi di sicurezza.

Queste valutazioni arrivano in un momento di crescente preoccupazione nella comunità internazionale, compresa l’India, per la rapida rinascita dei talebani in Afghanistan che alcune agenzie di intelligence temono sia pronta a strappare il controllo di parti chiave del paese al governo afghano.

La maggior parte dei combattenti Lashkar-e-Taiba e Army-M sono attivi nelle province di Kunar e Nangarhar nell’Afghanistan orientale e nelle province di Helmand e Kandahar nel sud-est, secondo le informazioni raccolte dalle agenzie di sicurezza afghane e indiane, hanno detto persone che hanno familiarità con la questione. Tutte e quattro le province afgane condividono un confine con il Pakistan – Kunar e Nangarhar con le ex aree tribali e altre province con il Balochistan.

Anche combattenti terroristi di altri gruppi con sede in Pakistan come Tehreek-e-Taliban Pakistan, Lashkar-e-Janjavi, Al-Ahar Jamaat, Lashkar-e-Islam e Al-Badr sono stati visti combattere in gran numero a fianco dei talebani, hanno detto queste persone a condizione di anonimato.

Terroristi pakistani sono stati visti anche nelle province di Ghazni, Khost, Logar, Paktia e Paktika dell’Afghanistan meridionale e sud-orientale, hanno detto le persone, citando gli ultimi rapporti delle agenzie di sicurezza. La gente ha aggiunto che il numero di combattenti pakistani di Lashkar-e-Taiba è stato stimato in circa 7.200 solo in queste aree.

Una delle persone sopra menzionate ha dichiarato: “Gli uomini di Lashkar-e-Taiba sono impiegati come consiglieri, leader e amministratori dai talebani in diversi distretti”. La fonte ha aggiunto: “C’è stato anche un nuovo reclutamento di combattenti in Pakistan da parte di Lashkar-e-Taiba e dell’M Army per combattere nell’Afghanistan orientale”.

READ  Il piano da 500 miliardi di dollari dell'Arabia Saudita per l'edificio più grande del mondo di sempre

I rapporti indicano che il mullah Muhammad Yaqoub, comandante militare dei talebani afghani e figlio del defunto leader talebano Mullah Muhammad Omar, lavora a stretto contatto con i capi di Lashkar-e-Taiba e dell’esercito M.

Le agenzie di sicurezza hanno anche appreso dell’addestramento di centinaia di combattenti talebani nei campi di Lashkar-e-Taiba a Hyderabad, una città nella provincia pakistana del Punjab situata tra Faisalabad e Dera Ismail Khan nella provincia di Khyber Pakhtunkhwa. La gente ha detto che l’addestramento è stato sostenuto dall’esercito pakistano.

I terroristi di Lashkar-e-Taiba e Jaish-e-Mohammed sono schierati in Afghanistan in gruppi di circa 200 persone, tra cui da cinque a otto attentatori suicidi. Ci sono anche rapporti secondo cui funzionari dell’intelligence pachistana si sono uniti a questi gruppi, una tattica a cui si è fatto ricorso in passato.

Le informazioni raccolte dai servizi di sicurezza sono in gran parte in linea con i risultati del recente rapporto del gruppo di monitoraggio del supporto e delle sanzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, pubblicato a giugno, secondo cui i talebani afghani non mostravano segni di rottura dei legami con al-Qaeda e il gruppi, altri terroristi stranieri.

Gran parte della leadership di al-Qaeda risiede nella regione di confine tra Afghanistan e Pakistan, insieme ad al-Qaeda nel subcontinente indiano. Il rapporto delle Nazioni Unite afferma che un gran numero di combattenti di al-Qaeda e altri elementi estremisti stranieri alleati con i talebani si trovano in varie parti dell’Afghanistan.

A metà del 2020, il team di monitoraggio delle sanzioni delle Nazioni Unite ha dichiarato in un altro rapporto che 6.500 terroristi pakistani operavano in Afghanistan e il gruppo Jaish-e-Mohammed e Lashkar-e-Taiba ha svolto un ruolo importante nel portare combattenti stranieri nel paese.

READ  Spiegazione: Domande - e alcune risposte - sulla fonte della perdita di Pegasus

È stato riferito che Lashkar-e-Taiba e Jaish-e-Mohammed, entrambi accusati di gravi attacchi in India, hanno inviato centinaia di combattenti in Afghanistan dal 2019, sulla scia dell’aumento della pressione sul Pakistan da parte di organizzazioni come l’Azione Finanziaria Task Force (FATF) e potenze occidentali. repressione dei gruppi terroristici.

Bloomberg ha riferito sabato che i talebani hanno notevolmente ampliato il loro controllo sul territorio afghano negli ultimi mesi, lasciando al governo appoggiato dagli Stati Uniti il ​​controllo di poco più del 20% del paese. Il gruppo di insorti ora controlla 204 dei 407 distretti, rispetto ai 73 di inizio maggio, mentre il governo afghano ne controlla attualmente solo 74. Il resto è contestato.

L’ultimo rapporto del team di monitoraggio delle sanzioni delle Nazioni Unite ha citato uno stato membro delle Nazioni Unite senza nome che “ci sono contatti regolari tra i talebani e al-Qaeda su questioni relative al processo di pace” in Afghanistan. Il rapporto afferma inoltre che Al-Qaeda nel subcontinente indiano (AQIS), che consiste principalmente di cittadini afgani e pakistani, “opera sotto l’ombrello dei talebani” dalle province di Kandahar, Helmand e Nimroz.

Il rapporto affermava che al-Qaeda in Mesopotamia “si dice che sia una parte così ‘organica’ o fondamentale dell’insurrezione che sarebbe difficile, se non impossibile, separarla dai suoi alleati talebani”, aggiungendo che la vedova dell’ex Il leader di al Qaeda Asim Omar era tra i 5.000 prigionieri talebani rilasciati nel 2020 come parte di un accordo con gli Stati Uniti.

Il rapporto delle Nazioni Unite ha aggiunto che la rete Haqqani, che ha stretti legami con l’esercito e l’intelligence pakistani, “rimane un hub per la comunicazione e la cooperazione con i gruppi terroristici stranieri regionali ed è il principale collegamento tra i talebani e al-Qaeda”.

READ  Come Facebook, Twitter e YouTube stanno lottando per tenere a bada i talebani | notizie dal mondo

Il fallimento dei talebani nel tagliare i legami con i terroristi stranieri è una chiara violazione dell’accordo firmato dal gruppo con gli Stati Uniti a Doha nel febbraio 2020, che ha aperto la strada al ritiro delle forze americane. In base all’accordo, i talebani si sono impegnati ad adottare diverse misure per impedire a qualsiasi gruppo o individuo, inclusa al-Qaeda, di utilizzare il territorio dell’Afghanistan.

Samir Patel, collega in studi sulla sicurezza internazionale presso Gateway House, ha affermato che i rapporti sulla presenza di Lashkar-e-Taiba in Afghanistan non sono nuovi, ma il coinvolgimento del gruppo nelle violenze in corso è preoccupante.

La presenza di Lashkar-e-Taiba in alcune parti dell’Afghanistan non è una novità. Ma il ritiro delle forze statunitensi e l’espansione del controllo dei talebani dallo scorso anno hanno incoraggiato Lashkar-e-Taiba ad aumentare la sua presenza e le sue attività. È chiaro che il gruppo sta cercando di aumentare le sue attività dopo essere rimasto basso negli ultimi anni.

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post Il volo spaziale della Virgin Galactic di Richard Branson: come vederlo
Next Post I minatori di criptovaluta utilizzano oltre 3.800 console PS4 per rubare la potenza della rete