I funzionari finanziari affermano che i rischi di default stanno già danneggiando l’economia

Il presidente Biden ha incontrato i dirigenti finanziari mercoledì mentre continuava a cercare di esercitare la massima pressione sui repubblicani del Senato per aumentare il tetto del debito prima del 18 ottobre, data in cui il Tesoro ha annunciato che gli Stati Uniti sarebbero andati in default.

Subito dopo l’incontro, il senatore Mitch McConnell, il leader della minoranza, è sembrato indietreggiare dalla sua opposizione a consentire ai Democratici di alzare il tetto a breve termine attraverso canali regolari. Consentirebbe ai democratici di utilizzare le normali procedure per estendere il limite del debito di emergenza di un importo fisso in dollari per coprire i livelli di spesa attuali fino a dicembre, ha affermato.

La Casa Bianca ha respinto la dichiarazione di McConnell come un’offerta non ufficiale e ha affermato che il presidente preferirebbe che i repubblicani consentissero di procedere al voto sulla legge di spesa.

Tutti i dirigenti hanno avvertito che l’economia sarebbe stata minacciata se il paese fosse andato in default per la prima volta nella storia.

“Sta davvero iniziando a fare qualche danno all’economia”, ha detto al presidente Jane Fraser, CEO di Citigroup. “Farà male ai consumatori. Danneggerà le piccole imprese”.

“Non è esagerato affermare che piccole distorsioni nel mercato del Tesoro possono costare ai contribuenti decine di miliardi di dollari in molti anni”, ha aggiunto, riferendosi al mercato dei titoli del Tesoro.

Nel tentativo di comunicare le conseguenze agli americani comuni, il signor Biden ha chiesto ai dirigenti di spiegare cosa accadrebbe se gli Stati Uniti fossero inadempienti solo per un giorno o due.

“Certamente, come sappiamo, ci sono centinaia di milioni di investitori coinvolti nei mercati oggi che hanno messo i loro sudati risparmi nei mercati”, ha affermato Adina Friedman, CEO di Nasdaq. “E ci aspettiamo che i mercati reagiscano molto negativamente”.

READ  Alcuni acquirenti in Giappone accettano di pagare premi di alluminio superiori del 24-25% per il terzo trimestre di $ 185 per tonnellata

McConnell del Kentucky ha affermato da tempo che i democratici dovrebbero utilizzare un processo più complesso noto come riconciliazione per superare l’opposizione repubblicana all’innalzamento del tetto del debito. Nella sua dichiarazione di mercoledì, ha ribadito che il processo di riconciliazione è stata l’unica opzione che ha sostenuto per massimizzare il lungo termine, a meno che i Democratici “non abbandonino i loro sforzi per eludere altre tasse e spese storicamente sconsiderate”.

Il settore finanziario avrebbe dovuto essere tetro due settimane fa. Un rapporto di Goldman Sachs ha affermato che non c’erano buone ragioni per credere che il Congresso avrebbe rispettato la scadenza del 18 ottobre, ma che “la risposta del mercato finanziario e pubblico probabilmente costringerà a una rapida soluzione politica”.

I Democratici del Senato stanno ancora valutando le loro opzioni per il futuro. Jen Psaki, il segretario stampa della Casa Bianca, ha detto ai giornalisti mercoledì che la Casa Bianca non vuole continuare a prolungare le cose con un’estensione. “Non abbiamo bisogno di passare attraverso un processo estenuante che comporta rischi aggiuntivi ogni giorno”, ha detto la signora Psaki.

Alla domanda sul motivo per cui la Casa Bianca non ha sostenuto un aumento del tetto del debito a breve termine che potrebbe, almeno temporaneamente, calmare i mercati finanziari, la signora Psaki ha risposto: “Perché non farlo ora?” Ha detto che Biden e McConnell non avevano ancora parlato di un limite di debito.

È probabile che il processo di bilanciamento per la riconciliazione includa due razze di voci politicamente cariche che il signor Biden prevedeva sarebbero “irre di tutti i tipi di potenziali rischi di errore di calcolo”. I democratici affermano che non vi è alcuna garanzia che i repubblicani non ritireranno questi voti per causare disagio procedurale e politico.

READ  COVID-19 Tagli degli affitti nel Regno Unito, in Italia e in Polonia | Hogan Lovells

Un’altra opzione potrebbe essere quella di cambiare le regole del Senato per indebolire il potere di disgregare, una proposta che è diventata sempre più popolare negli ultimi anni man mano che lo stallo partigiano peggiora.

I legislatori hanno fatto altre eccezioni allo stallo. Nel 2017, i repubblicani del Senato hanno creato un’eccezione per aprire la strada a Neil M. Gorsuch, il primo candidato alla Corte Suprema del presidente Donald J. Trump, a salire sul podio. Nel 2013, i Democratici del Senato lo hanno fatto per superare l’opposizione repubblicana al gabinetto del presidente Barack Obama e ai candidati a giudice.

E martedì sera, Biden ha descritto questo percorso come una “reale possibilità”. Mercoledì ha detto che voleva spiegare “in parole povere” cosa sarebbe in gioco se i repubblicani fossero rimasti impassibili.

“I democratici sono pronti a farsi avanti e fermare questa catastrofe economica se i repubblicani del Senato si tolgono di mezzo”, ha detto Biden. “Non è giusto, è pericoloso.”

McConnell ha affermato che l’approvazione dell’estensione “discuterà le scuse dei democratici sulla crisi temporale che hanno creato”, consentendo loro di andare avanti attraverso la riconciliazione. “Potrebbe essere possibile avere una conversazione di controllo bipartisan più tradizionale” se abbandonano i piani per fatture di spesa gigantesche, ha affermato.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Recensione Acapulco: Apple TV Plus Comedy con Eugenio Derbez
Next Post Murray facilita Mannarino al via di Indian Wells