I falchi della politica e i tribunali metteranno alla prova la Banca centrale europea e i mercati del debito in euro

(Aggiorna la storia per correggere l’errore di battitura nel grafico; nessuna modifica al testo)

File foto: il logo della Banca centrale europea a Francoforte, Germania, 23 gennaio 2020. (Reuters) / Ralph Orlowski / File foto

LONDRA / MILANO (Reuters) – I politici, i tribunali e i falchi delle politiche della zona euro rappresenteranno quest’anno una dura sfida alla determinazione della Banca centrale europea di fissare i costi del prestito nell’Unione europea, proprio in un momento in cui l’aumento dei rendimenti del Tesoro USA attira gli investitori lontano dai mercati europei. .

La Banca centrale europea ha mantenuto bassi i rendimenti del debito sovrano attraverso l’acquisto di obbligazioni e recentemente ha aumentato gli acquisti del piano di stimolo di emergenza da 1,85 trilioni di euro ($ 2,22 trilioni), noto come PEPP.

Non sta più lottando da solo per sostenere l’economia dell’euro, poiché l’epidemia ha spinto i governi a spendere di più e creare un fondo di recupero di 800 miliardi di euro, basato su prestiti congiunti dall’Unione europea.

Tuttavia, un ricorso d’urgenza alla Corte Suprema tedesca ha interrotto la certificazione del fondo. Il tribunale dovrebbe pronunciarsi nelle prossime settimane sulla causa intentata da cinque querelanti, tra cui l’ex leader del partito di estrema destra Alternativa per la Germania.

Considerando quanto sia ritardata la ripresa dell’Europa con gli Stati Uniti, un ritardo del fondo potrebbe significare un “disastro economico”, come ha avvertito Isabel Schnabel, membro del Consiglio direttivo della BCE.

Ciò è ancora più preoccupante per i paesi poveri dell’Europa meridionale, che trarranno i maggiori benefici dai loro pagamenti. I costi dei prestiti sono diminuiti lo scorso anno, poiché l’accordo sui fondi di recupero è stato visto ridurre i rischi per le loro economie, ma i rendimenti stanno iniziando a salire a causa delle preoccupazioni che il sostegno a queste economie potrebbe non arrivare abbastanza presto.

READ  Questo villaggio italiano ti pagherà 24,75 INR per trasferirti lì

L’Italia da sola potrebbe ottenere 250 miliardi di euro dal fondo, secondo le stime del Credit Suisse.

“(La Banca centrale europea) sta facendo abbastanza, ma il gioco non è ancora finito”, ha affermato Jay Miller, chief market strategist presso Zurich Insurance Group. “Devono rimanere vigili e dovranno assicurarsi che i combattimenti continuino”.

Rendimenti più elevati

Miller ha affermato che la domanda degli investitori di obbligazioni a 50 anni recentemente emesse da Italia e Austria è stata forte, indicando fiducia nel sostegno della Banca centrale europea.

Ma i rendimenti dei titoli a 10 anni spagnoli e portoghesi sono aumentati di 15 punti base ciascuno da quando la ratifica del fondo è stata interrotta. I rendimenti delle obbligazioni italiane a 10 anni sono vicini al livello più alto in sei settimane e i loro premi per la Germania sono vicini al più ampio dall’inizio di marzo.

Queste mosse sono modeste rispetto al caos associato alla pandemia dello scorso anno, ei ritorni sono storicamente bassi e non sentirà il dolore per anni. L’Italia, ad esempio, con una scadenza media di sette anni, non subirà l’impatto dei maggiori costi di indebitamento fino a dopo il 2025, stimano gli analisti di Bernberg.

Falchi dentro

Ross Hutchinson, gestore del fondo di Aberdeen Standard Investments, ha affermato che, sebbene i rendimenti a 10 anni dell’Europa meridionale dallo 0,4% allo 0,8% offrissero una piccola compensazione per il rischio, era difficile entrare in conflitto con il sostegno della BCE.

Ma questo sostegno verrà sotto la pressione dei soliti falchi all’interno della Banca centrale europea. Il capo della banca centrale olandese Claas Knott ha già esortato a contattare il PEPP quest’anno.

READ  Il mercato dei veicoli fuoristrada ad alte prestazioni cresce a ritmo sostenuto

Hutchinson ha detto che i blocchi stradali dei fondi per il recupero e il dibattito sul taglio della Bce “sono preoccupazioni reali che non sono apprezzate dal mercato”.

La Banca centrale europea ha acquistato la scorsa settimana 17,1 miliardi di euro netti in PEPP, rispetto ai 10,6 miliardi di euro della settimana precedente. Tuttavia, nella riunione di marzo, ha acconsentito all’acquisto iniziale a condizione che gli acquisti venissero ridotti successivamente, se le circostanze lo consentono.

“Quindi (la Banca centrale europea) inizierà a parlare di porre fine agli acquisti e le cose potrebbero diventare difficili”, afferma KJ Sinha, gestore di fondi presso Canada Life Asset Management, poiché le prospettive di crescita e inflazione migliorano alla fine di quest’anno.

Vai ad ovest

Investitori come Cosimo Marasciulo amano ancora il debito italiano, grazie al sostegno della Banca Centrale Europea e all ‘“Effetto Draghi” – un riferimento al fidato ex presidente della Bce Mario Draghi, oggi Primo Ministro italiano.

Ma con il rendimento del Tesoro a 10 anni dell’1,62%, il prelievo degli Stati Uniti è forte.

Se acquisti titoli del Tesoro decennali e li copri in euro, riceverai circa 20 punti base per i BTP italiani. “Se si considera che negli ultimi cinque anni, è il massimo che abbiamo avuto in termini di aumento del rendimento”, ha affermato Marasciulo, Responsabile del reddito assoluto di Amundi.

Allo stesso modo, una copertura del Tesoro a 10 anni dal rischio di cambio su un contratto rotativo di tre mesi offre all’incirca lo stesso rendimento della Grecia intorno allo 0,88%, secondo la stratega di Saxo Bank Althea Spinozzi.

Ha detto che gli stranieri possiedono il 30% del debito italiano, ma circa la metà del mercato è in Spagna e Portogallo e circa il 90% delle obbligazioni greche, rendendo questi mercati particolarmente vulnerabili alla “rotazione del rischio” se i rendimenti del Tesoro aumentano ulteriormente.

READ  Donohue scarica la strategia del pareggio di bilancio come una politica di puntura abitativa

“Gli investitori stranieri stanno indubbiamente iniziando a vedere che, alla luce dell’aumento dei rendimenti negli Stati Uniti, i titoli di debito dalla periferia forniscono un ribasso più significativo rispetto al rialzo”, ha detto Spinozzi.

($ 1 = € 0,8351)

(Co-reportage di Dara Ranasinghe a Londra e Stefano Ribaoudo a Milano; Montaggio di Sugata Rao e Suzanne Fenton

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Colton Underwood si sente “cool” dopo essere uscito Famoso
Next Post I Mets stanno affrontando un terzo rinvio in cinque giorni mentre il finale di serie contro Bliss piove