I disordini in Tunisia sono seguiti con attenzione in tutto il mondo

TUNISI, Tunisia (Associated Press) – Giorni di tumulto politico in Tunisia per un’economia paralizzata e l’aumento dei contagi da coronavirus hanno lasciato gli alleati del Paese in Medio Oriente, Europa e Stati Uniti a guardare per vedere se la sua fragile democrazia durerà.

I paesi europei – e in particolare la vicina Italia – temono un afflusso di migranti se la Tunisia sprofonda ulteriormente nel caos.

I leader autocratici dall’Egitto all’Arabia Saudita sperano che la presa di potere del presidente tunisino Kais Saied questa settimana condanni gli islamisti della regione. Ma temono anche il ritorno della Primavera araba, come la rivolta che la Tunisia ha acceso un decennio fa.

E in tutto il mondo, gli attivisti pro-democrazia si chiedono se il paese che vedono come un faro stia tornando alla dittatura.

“La palla è ora nel campo del popolo”, ha detto l’attivista egiziano Al-Ghazali Harb in un post su Facebook. “Sono in grado di correggere la rotta senza abbandonare il modello democratico pacifico che tutti speriamo di vedere fino in fondo”, ha detto. “La risposta sarà sempre la Tunisia”.

La Tunisia, con una popolazione di appena 12 milioni su 1,3 miliardi di africani, detiene un grande simbolismo come paese che ha progettato una democrazia da zero ed è stato insignito del Premio Nobel per la pace dopo la sua rivoluzione in gran parte incruenta.

Domenica, Saeed ha congelato il parlamento senza preavviso e ha assunto i poteri esecutivi, dicendo che doveva salvare il paese devastato dall’epidemia di virus e da un’economia in crisi.

Da allora, si è mosso contro i legislatori corrotti e i signori del denaro e ha rafforzato la supervisione militare sulla pandemia. Lui ei suoi aiutanti hanno tenuto una serie di incontri con alleati stranieri, promettendo che la presa del potere era temporanea.

Ma i suoi prossimi passi non sono chiari.

La principale vittima della sua decisione – il Partito islamista Ennahda – promette di resistere pacificamente.

READ  Il settore marittimo soffre di una carenza di navi portacontainer

Gli analisti tunisini non prevedono una presa del potere militare come quella vista in Egitto, né un ritorno a un passato autoritario, anche grazie a residenti che non hanno più paura di parlare. Ma la situazione è instabile e sabato sono attese nuove proteste, quando sostenitori e oppositori del presidente potrebbero affrontarsi.

Voci filo-governative in Egitto, Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti celebrano quella che interpretano come una vittoria sull’Islam politico, che vedono come una minaccia al loro dominio.

L’Egitto sta guardando con attenzione. È stato il primo a seguire la Tunisia nello scoppio delle proteste di massa contro il dominio autoritario nel 2011. In seguito, i Fratelli Musulmani sono saliti al potere, ma sono stati estromessi nel 2013 in mezzo a una rivolta popolare sostenuta dai militari guidata da Abdel Fattah. Sissi.

Sisi ha intrapreso riforme economiche e ha portato una certa stabilità politica nel paese più popoloso del mondo arabo, ma il suo mandato è stato segnato dall’arresto di decine di migliaia di persone.

I leader della Fratellanza ora rischiano condanne a morte o ergastolo. Il gruppo è stato bandito e descritto come un “gruppo terroristico” in Egitto e negli Emirati Arabi Uniti, che a sua volta ha arrestato dozzine di figure islamiche degli Emirati.

Alcuni attivisti temono che la Tunisia possa seguire un percorso simile, nonostante le qualifiche di Said come tecnocrate indipendente.

“I colpi di stato non sono stati avviati solo dai militari. Possono essere avviati da un civile e completati da ufficiali”, ha detto in un post su Facebook Shady Louis Boutros, romanziere e scrittore egiziano che vive nel Regno Unito.

Abdul Rahman Al-Rashed, che gestisce un gruppo mediatico di proprietà saudita ed è vicino alla corte reale, ha affermato che Saeed sta salvando il paese dal ritorno al caos scatenato dalla primavera araba. Ha scritto in un articolo del quotidiano arabo Ashraq al-Awsat che i disordini politici in Tunisia indicano “la morte dell’autorità dei Fratelli Musulmani”.

READ  SC chiude i casi contro i marò italiani accusati di aver ucciso pescatori al largo delle coste del Kerala | Ultime notizie dall'India

Ennahda ha preso le distanze dagli islamisti della linea dura, e il suo leader Rachid Ghannouchi ha dichiarato questa settimana all’Associated Press che i suoi critici lo stanno usando come capro espiatorio per i problemi della Tunisia. Ha osservato che il suo partito ha svolto un ruolo importante in Parlamento nel decennio successivo alla rivoluzione, aprendo la strada al suo ritorno da 22 anni di esilio a Londra e vincendo il maggior numero di seggi nelle ultime elezioni legislative.

Alcuni si chiedono se gli Stati del Golfo abbiano un ruolo nelle attuali tensioni in Tunisia. Ma l’analista politico tunisino Mohamed Diaa Hammami ha minimizzato queste speculazioni, sostenendo che i tunisini si concentrano più sulle preoccupazioni quotidiane che sulla retorica sui Fratelli Musulmani.

Nel frattempo, l’importanza strategica della Tunisia per l’UE non può essere sopravvalutata.

Tra il 2014 e il 20, il blocco ha investito 1,6 miliardi di euro (1,9 miliardi di dollari) in Tunisia per costruire la democrazia e fornire assistenza sociale ed economica. Ha fornito 330 milioni di euro (392 milioni di dollari) per aiutare il paese a riprendersi dall’impatto delle restrizioni del coronavirus. A maggio sono stati concordati altri 600 milioni di euro (712 milioni di dollari) di aiuti finanziari complessivi dall’Unione europea.

Ancora più importante, la Tunisia è un partner chiave nel frenare il flusso di migranti dall’Africa verso l’Unione europea. I 27 Stati membri sono irrimediabilmente divisi su come gestire gli arrivi in ​​cerca di una vita migliore in Europa, quindi il blocco si è rivolto all’outsourcing per sfidare altre nazioni.

Tuttavia, i tunisini costituiscono ora uno dei più grandi gruppi di richiedenti asilo in Europa. Il “corridoio di Tunisi” è una preoccupazione crescente per l’Agenzia della guardia costiera e di frontiera dell’Unione europea, Frontex.

Secondo alcune ONG, dal 2019 al 2020 il numero di persone che arrivano in Italia dalla Tunisia è aumentato di quasi il 400%, arrivando a oltre 13.000. Ciò include un periodo in cui le restrizioni al coronavirus hanno ridotto significativamente i movimenti dei migranti.

READ  I punti salienti dell'economia creativa nel forum online del Times

Said ha avuto una “franca discussione sulla migrazione irregolare” a Bruxelles il mese scorso con alti funzionari dell’UE e hanno deciso di lavorare più da vicino contro i trafficanti e la gestione delle frontiere. Le recenti turbolenze si aggiungono alla preoccupazione in Europa che le cose possano andare storte.

Martedì, il massimo diplomatico dell’Unione Europea ha chiesto il ripristino dell’ordine costituzionale tunisino, senza indirizzare alcuna colpa.

Anche il governo degli Stati Uniti sta guardando da vicino. Oltre al sostegno alla democrazia, gli Stati Uniti hanno contribuito a finanziare gli sforzi della Tunisia per reprimere l’estremismo islamico violento.

Poche ore dopo l’annuncio di Said, ha parlato con il ministro degli Esteri Anthony Blinken, che lo ha esortato ad “aderire ai principi della democrazia e dei diritti umani” e “mantenere un dialogo aperto con tutti gli attori politici e il popolo tunisino”.

Gli stessi tunisini vogliono posti di lavoro e opportunità, che sono stati sfuggenti dalla loro rivoluzione, e molti sostengono il presidente, almeno per ora.

Sebbene vi sia il rischio di nuovi disordini di massa, Hammami ha affermato che “ci sono potenti attori politici in Tunisia che possono svolgere un ruolo di bilanciamento”, compresi i sindacati. E a differenza dell’Egitto, l’esercito tunisino ha poco controllo sull’economia.

Omar Al-Oudarni, un brigadiere dell’esercito tunisino in pensione ed esperto di sicurezza, ha affermato che il popolo tunisino “non rimarrà in silenzio su alcun tiranno”.

E ha aggiunto: “Fare del bene avrà supporto, e se (Saeed) vuole la dittatura, le persone lo spazzeranno via, come spazzano via gli altri”.

___

Aya Elbatrawy ha riferito da Dubai, Emirati Arabi Uniti, e Warren Cook da Bruxelles. Eileen Ganley ha contribuito a questo rapporto da Parigi.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Isaiah Rashad su Vince Staples, DC Comics e il nuovo album The House Is Burning: NPR
Next Post Mybillo Guy ritira gli annunci dalla Fox dopo che Lindell Network ha rifiutato il suo “Cyber ​​Symposium”