I detriti missilistici cinesi sono caduti nell’Oceano Indiano

L’agenzia spaziale cinese ha detto che i resti di un missile cinese si sono schiantati nell’Oceano Indiano domenica, con gran parte dei detriti bruciati durante il ritorno nell’atmosfera terrestre.

Le coordinate, citate dalla Chinese Manned Space Agency (CMSA) e condivise dall’agenzia di stampa ufficiale Xinhua, indicavano il sito dell’impatto vicino alle Maldive.

“I detriti dell’ultimo stadio del razzo vettore Long March-5B Y2 sono tornati nell’atmosfera alle 10.24 di domenica mattina (ora di Pechino)”, ha riferito Xinhua, aggiungendo: “La stragrande maggioranza del pacchetto è stata bruciata durante il periodo di ritorno Il suo ingresso e il resto delle macerie caddero in un’area marina centrata a 2,65 gradi di latitudine nord e 72,47 gradi di longitudine est.

Il 29 aprile, il missile Long March-5B Y2, che trasporta il modulo Tianhe, la prima e base per la costruzione della stazione spaziale cinese, è stato lanciato dal sito di lancio della navicella spaziale Wenchang sulla costa della provincia meridionale dell’isola di Hainan.

Il ritorno dei detriti missilistici cinesi nell’atmosfera terrestre ha suscitato forti critiche dalla NASA, che ha affermato che la Cina non è riuscita a “soddisfare standard responsabili”.

“I paesi che vanno nello spazio dovrebbero ridurre i rischi per le persone e le proprietà sulla Terra dal rientro negli oggetti spaziali e aumentare la trasparenza riguardo a questi processi”, ha detto l’amministratore della NASA Bill Nelson in una dichiarazione pubblicata domenica sul sito web dell’agenzia spaziale.

“La Cina non riesce a soddisfare gli standard responsabili in materia di detriti spaziali”, ha aggiunto.

I media statali cinesi hanno respinto le critiche, affermando che il cosiddetto “ritorno incontrollato” dei detriti missilistici cinesi era una falsa accusa priva di fondamento.

READ  I gruppi terroristici del Pakistan si uniscono alla guerra dei talebani, l'India è prudente | notizie dal mondo

Citando gli osservatori, il Global Times ha affermato che è “assolutamente normale che i detriti dei razzi tornino sulla Terra, una pratica comune dei partecipanti allo spazio globale, tra cui Cina e Stati Uniti”.

“È una pratica comune in tutto il mondo che gli stadi superiori dei missili brucino quando rientrano nell’atmosfera”, ha detto il 7 maggio il portavoce del ministero degli Esteri cinese Wang Wenbin durante un regolare briefing con i media.

Wang ha detto all’epoca: “Per quanto ne so, lo stadio superiore di questo missile è stato disattivato, il che significa che la maggior parte delle sue parti brucerà al ritorno, rendendo molto bassa la probabilità di danni alle installazioni e alle attività dell’aviazione o di terra. ” .

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Infine, la prova che i vaccini Covid sono sicuri durante la gravidanza
Next Post Il canadese Felix Auger-Aliassime prevale nel round di apertura degli Open d’Italia