I conservatori di Angela Merkel perdono di poco contro i rivali socialdemocratici (SPD)

Il risultato segna la fine di 16 anni di governo guidato dai conservatori sotto Angela Merkel.

I risultati attesi hanno mostrato che i socialdemocratici tedeschi hanno vinto per poco le elezioni nazionali tenutesi domenica, chiedendo un “mandato chiaro” per guidare un governo per la prima volta dal 2005 e la fine di 16 anni di governo guidato dai conservatori di Angela Merkel.

Le previsioni della stazione radio ZDF hanno mostrato che l’SPD è sulla buona strada per ottenere il 26,0% dei voti, davanti al 24,5% del blocco conservatore della Merkel CDU/CSU, ma entrambi i gruppi credono di poter guidare il prossimo governo.

Con nessuno dei maggiori blocchi che detiene la maggioranza, ed entrambi riluttanti a ripetere la loro imbarazzante “grande coalizione” degli ultimi quattro anni, il risultato più probabile è una coalizione a tre guidata dai socialdemocratici o dai conservatori della Merkel.

L’accordo su una nuova coalizione potrebbe richiedere mesi e probabilmente includerà i Verdi più piccoli e i Liberal Democratici (FDP).

“Ora siamo in vantaggio in tutti i sondaggi”, ha detto il candidato socialdemocratico Olaf Schultz durante una tavola rotonda con altri candidati dopo il voto.

“È un messaggio incoraggiante e un mandato chiaro per assicurarci di ottenere un buon governo pragmatico per la Germania”, ha aggiunto, dopo essersi rivolto in precedenza ai sostenitori esultanti dell’SPD.

L’ascesa dell’SPD preannuncia una svolta a sinistra per la Germania e segna un netto ritorno per il partito, che ha riguadagnato circa 10 punti di sostegno in soli tre mesi per migliorare il suo risultato del 20,5% alle elezioni nazionali del 2017.

Schultz, 63 anni, è diventato il quarto cancelliere della SPD del dopoguerra dopo Willie Brandt, Helmut Schmidt e Gerhard Schroeder. Il ministro delle finanze della Merkel, ex sindaco di Amburgo.

READ  Il primo ministro britannico Boris Johnson

Il rivale conservatore di Schulz, Armin Laschet, ha notato che il suo blocco non era ancora pronto a concedere, sebbene i suoi sostenitori fossero soggetti alla sconfitta.

“Non è sempre stato il primo posto a presentare il cancelliere”, ha detto Laschet, 60 anni, alla tavola rotonda. “Voglio un governo in cui ogni partner partecipi e tutti siano visibili, non un governo in cui solo il cancelliere possa brillare”, ha detto, in un primo tentativo di attirare piccoli partiti.

Schmidt ha governato alla fine degli anni ’70 e all’inizio degli anni ’80 in coalizione con l’FDP anche se i socialdemocratici avevano meno seggi parlamentari rispetto al blocco conservatore.

Alleanza per Natale?

L’attenzione si sposterà ora su discussioni informali seguite da negoziati di coalizione più formali, che potrebbero richiedere mesi, lasciando la Merkel nel ruolo di custode.

Sia Schulz che Lachette hanno detto che stanno cercando un accordo di coalizione prima di Natale.

La Merkel prevede di dimettersi dopo le elezioni, rendendo il voto un evento che cambia epoca https://reut.rs/3hfDamG per determinare il corso futuro della più grande economia europea.

È rimasta ferma sulla scena europea da quando è entrata in carica intorno al 2005 – quando George W. Bush era presidente degli Stati Uniti, Jacques Chirac all’Eliseo a Parigi e Tony Blair come primo ministro britannico.

Dopo una campagna elettorale incentrata sull’interno, gli alleati di Berlino in Europa e oltre potrebbero dover aspettare mesi prima di poter vedere se il nuovo governo tedesco è pronto ad affrontare le questioni estere quanto desiderano.

La lite tra Washington e Parigi su un accordo per l’Australia per l’acquisto degli Stati Uniti invece dei sottomarini francesi ha messo la Germania in una posizione scomoda tra gli alleati, ma offre anche a Berlino l’opportunità di aiutare a ricucire i legami e ripensare alla loro posizione comune sulla Cina.

READ  "Voce d'impatto dei BRICS per le economie emergenti": il Primo Ministro Modi al Summit

Sulla politica economica, il presidente francese Emmanuel Macron è ansioso di formulare una politica fiscale europea comune, sostenuta dai Verdi, ma CDU/CSU e FDP rifiutano. I Verdi vogliono anche una “massiccia offensiva di espansione alle rinnovabili https://reut.rs/2T1UKS3”.

“La Germania si ritroverà con un cancelliere piuttosto debole che farà fatica a sostenere qualsiasi tipo di riforma finanziaria ambiziosa a livello dell’UE”, ha affermato Naz Masraf della società di consulenza sul rischio politico Eurasia.

Non importa quale coalizione finisca al potere, gli amici della Germania possono almeno incoraggiare che il centrismo moderato abbia prevalso e che il populismo che ha preso piede in altri paesi europei non sia riuscito a sfondare.

I risultati previsti da ZDF mostrano che l’estrema destra Alternativa per la Germania (AfD) è sulla buona strada per ottenere il 10,5%, peggio di quattro anni fa quando è entrata nel parlamento nazionale con il 12,6% dei voti e con tutti i principali blocchi di coalizione esclusi . con la festa.

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Leah Salonga apparirà come conduttrice ai Tony Awards 2021
Next Post Il telescopio Hubble aiuta a trovare sei galassie morte dell’universo primordiale